278 CONDIVISIONI
20 Giugno 2022
18:47

Anziana ridotta in fin di vita a Somma Vesuviana, il precedente: il rapinatore spaccò il femore a una 63enne

Restano gravi le condizioni della 73enne ferita in una rapina in casa a Somma Vesuviana; l’uomo finito in manette aveva già ferito gravemente una donna nel 2017.
A cura di Nico Falco
278 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Giovanni Aliperta, il 36enne finito in manette con l'accusa di essere entrato nell'abitazione di una 76enne per commettere una rapina e di avere picchiato la donna fino a ridurla in fin di vita, si era già reso protagonista di un episodio del genere: nel 2017 aveva preso di mira una sua conoscente di 63 anni, alla quale aveva spaccato un femore per costringerla a rivelargli dove fossero nascosti i contanti. L'ultima incursione risale alla notte del 18 giugno, la vittima è ancora ricoverata in prognosi riservata e in pericolo di vita all'Ospedale del Mare per un ematoma al cranio.

Il precedente: aveva spaccato il femore a una 63enne

Il 36enne era stato sottoposto a fermo dai carabinieri di Somma Vesuviana e dell'Aliquota Radiomobile di Castello di Cisterna nel marzo 2017. I militari erano arrivati a lui indagando su una rapina avvenuta ai danni di una 63enne la notte del 26 febbraio precedente: un uomo si era introdotto in un appartamento di via D'Aragona, a Somma Vesuviana, aveva immobilizzato la vittima e l'aveva picchiata per farle dire dove fossero i soldi. Bottino: 150 euro.

Il colpevole era scappato a piedi ma era stato rintracciato dai carabinieri poco dopo, su via Margherita. Intanto, la donna era stata trasportata all'ospedale di Nola, dove i medici avevano diagnosticato una frattura al femore sinistro, con 30 giorni di prognosi. Il gip di Nola aveva convalidato il provvedimento precautelare, disponendo la custodia in carcere per Aliperta.

Rapina in casa a Somma Vesuviana, 76enne in pericolo di vita

La rapina nell'abitazione della 76enne è avvenuta nella notte dello scorso 18 giugno. Stesse modalità e stessa anche la strada: di nuovo via d'Aragona. La donna aveva sorpreso l'uomo nella sua abitazione e ne era nata una colluttazione, al termine della quale il criminale era scappato. La vittima era stata soccorsa dal 118 e trasportata all'ospedale di Nola per esami specifici. Le ferite alla testa erano sembrate inizialmente di lieve entità ma gli accertamenti medici avevano poi rivelato l'esistenza di un ematoma subdurale.

Aliperta, individuato anche grazie alle registrazioni dei sistemi di videosorveglianza, era stato rintracciato in strada non lontano dall'appartamento e bloccato dopo un tentativo di fuga; per liberarsi dalla presa dei carabinieri li aveva presi a morsi e pugni e aveva danneggiato l'automobile di servizio. Il 36enne era stato arrestato per tentata rapina, lesioni gravissime e resistenza ed era stato trasferito nel carcere di Poggioreale in attesa dell'udienza di convalida.

278 CONDIVISIONI
Accoltellato al petto un 15enne nelle strade della movida di Napoli: ricoverato in fin di vita
Accoltellato al petto un 15enne nelle strade della movida di Napoli: ricoverato in fin di vita
Trovata morta nella doccia dopo un mese: il suo cane in fin di vita le è stato vicino tutto il tempo
Trovata morta nella doccia dopo un mese: il suo cane in fin di vita le è stato vicino tutto il tempo
12.628 di Videonews
Spia la moglie col gps e la trova con l’amante: marito lo accoltella 9 volte, 40enne in fin di vita
Spia la moglie col gps e la trova con l’amante: marito lo accoltella 9 volte, 40enne in fin di vita
1.705 di Videonews
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni