Offriva capi di abbigliamento, scarpe firmate e droga a dei ragazzini minorenni per poi chiedere loro in cambio dei rapporti sessuali. I carabinieri di Dello, in provincia di Brescia, hanno arrestato un uomo di 40 anni con la pesante accusa di violenza sessuale e quella di detenzione ai fini di spaccio di stupefacente. Le indagini da parte dei militari dell'Arma sono iniziate a giugno dello scorso anno. Alcuni cittadini infatti avevano raccontato alle forze dell'ordine di aver notato un uomo che spesso era in compagnia di alcuni minorenni di Brandico e Mairano, due paesini sempre del Bresciano. Gli stessi giovani sarebbero poi stati visti con costosi capi di abbigliamento e scarpe firmate. Considerata la gravità della situazione, i carabinieri hanno fatto immediatamente partire le indagini, che considerando l'età delle persone coinvolte è stata condotta nel massimo riserbo. Dalle indagini è emerso lo stratagemma che il 40enne utilizzava per spingere alcuni ragazzini che non avevano l'età del consenso a consumare con lui rapporti sessuali, sottoponendoli dunque a violenza: offriva loro droga, in particolare spinelli, e vestiti e accessori firmati. I carabinieri, una volta trovato l'uomo, lo hanno arrestato e condotto in carcere.

Como, adescava minorenni e offriva loro vestiti e denaro

L'episodio ne ricorda un altro avvenuto a Como il 19 gennaio 2018. I carabinieri, dopo una lunga indagine, hanno arrestato un uomo di 36 anni residente in Piemonte per i reati di prostituzione e violenza sessuale. Dalle indagini era emerso che il 36enne avrebbe contattato alcune ragazzine tramite i social network per proporre loro di uscire. Quando le minori accettavano, l'uomo offriva denaro, vestiti, macchine fotografiche, trucchi e persino iPhone in cambio di alcuni rapporti sessuali che sarebbero stati consumati in hotel o in macchina. L'uomo è stato arrestato e condotto al carcere del Bassone di Como.