24 Maggio 2022
16:00

Pubblica sui social la foto del casco che aveva usato per una rapina: scoperto dalla polizia

Un uomo, accusato di rapina, sarebbe stato incastrato – proprio per questo reato – da una foto di un casco postata sul suo profilo Facebook: un oggetto con il quale sarebbe stato ripreso in uno degli episodi contestati.
A cura di Ilaria Quattrone

Un casco postato sul proprio profilo social: è così che un uomo sarebbe stato incastrato dagli investigatori della squadra mobile di Varese. Sull'uomo era stata aperta un'indagine per una serie di rapine nelle zone dei valichi: in un colpo – che è avvenuto il 4 novembre del 2017 – il presunto rapinatore avrebbe usato una moto. Il mezzo è stato ripreso dalle telecamere non appena entrato in territorio italiano. Lo stesso casco – utilizzato poi in quel lontano episodio – è stato fotografato e postato su Facebook pochi giorni dopo il colpo e precisamente il 25 novembre.

La prossima udienza fissata il prossimo 18 ottobre

L'uomo attualmente è al centro di un processo: a riprendere questo particolare – durante l'ultima udienza – è stato un assistente capo della polizia di Varese. L'investigatore ha infatti risposto alle domande delle parti relativamente alla rapina del 2017 e altri due episodi avvenuti tra lo stesso periodo e l'aprile 2018. Adesso bisognerà cercare di capire se per questo elemento sarà possibile la formazione della prova. La prossima udienza è stata fissata al prossimo 18 ottobre.

L'episodio simile avvenuto a Milano

L'episodio ne ricorda un altro avvenuto sempre nel 2018: un uomo che all'epoca aveva 21 anni – residente a Napoli – era stato arrestato a Milano con l'accusa di aver truffato una donna di 93 anni. Con una telefonata, avrebbe detto alla donna che era stato arrestato un famigliare e gli avrebbe chiesto dei soldi per pagare l'avvocato: l'uomo si era poi presentato sotto casa con un'auto noleggiata e si era fatto consegnare la cifra. L'uomo è stato incastrato poi dalla fotografia che lui stesso ha postato sui social e dalle telefonate della fidanzata che hanno permesso poi di tracciare i suoi movimenti.

Nasconde la cocaina nelle mutande per scappare dalla polizia: arrestato
Nasconde la cocaina nelle mutande per scappare dalla polizia: arrestato
Lavoratori in nero a 1,50 euro all'ora: denunciato imprenditore bergamasco
Lavoratori in nero a 1,50 euro all'ora: denunciato imprenditore bergamasco
Patenti a poco prezzo e senza sostenere gli esami: come funzionava la truffa creata sui social
Patenti a poco prezzo e senza sostenere gli esami: come funzionava la truffa creata sui social
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni