La Regione Lombardia ha presentato il "Piano Lombardia", varato durante l'emergenza sanitaria legata al Coronavirus, che garantisce un impegno economico di 3,5 miliardi di euro. Tale somma verrà destinata alla realizzazione di opere dal valore totale di 5,5 miliardi. Gli interventi sono previsti tra il 2020 e il 2023. Per presentarlo e promuoverlo, il presidente della Regione Attilio Fontana girerà le diverse province. Prima tappa il 24 settembre a Lodi.

Fontana: La Lombardia sarà il luogo dell'Italia che verrà

Durante la conferenza stampa ad hoc, il governatore lombardo ha spiegato che "i tre concetti cardine del ‘tour' saranno: ricucire, proteggere e costruire". Ricucire, ha aggiunto Fontana, "per rimarginare le ferite, superando sconforto e rabbia e riaffermando la sintesi virtuosa tra pubblico e privato del classico ‘modello Lombardia'". Proteggere, "per rappresentare le istanze del mondo produttivo e interpretare i bisogni sociali del territorio", e infine costruire "per dimostrare, ancora una volta, che la Lombardia sarà il luogo dell'Italia che verra, già proiettata verso il 2030″. Durante il punto stampa è poi intervenuto anche l'assessore agli Enti Locali, Piccoli Comuni e Montagna Massimo Sertori che ha annunciato: "Il primo blocco di risorse da 400 milioni di euro dell'imponente ‘Piano Lombardia', destinati ai Comuni e alle Province, ha avuto uno straordinario successo: tutti i 1.506 comuni lombardi, in forma singola o associata, le 11 province e la Città metropolitana di Milano hanno presentato progetti, per un totale complessivo di 3.021 interventi comunali e 97 provinciali. Infine, l'assessore al Bilancio Davide Caparini ha sottolineato come "Regione Lombardia ha raggiunto, sotto la nostra guida, il prestigioso traguardo di ‘zero indebitamento' per la prima volta dal 1996. La rigorosa ed efficiente gestione del nostro bilancio ha confermato un rating migliore dello Stato a cui apparteniamo".