Un uomo di 33 anni è stato arrestato nella serata di ieri, venerdì 23 ottobre, dai carabinieri della stazione di Milano Crescenzago, per aver vessato, picchiato e minacciato di morte il padre per costringerlo a fornirgli continuamente il denaro di cui aveva bisogno per comprare la cocaina.

Minaccia di morte il padre per farsi dare soldi per la droga: arrestato

I militari hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dall’ufficio Gip del Tribunale di Milano, nei confronti del 33enne, di professione cuoco, con precedenti di polizia per reati contro la persona.

L'indagine è partita dopo l’ultimo episodio violento, che risale allo scorso 5 ottobre. Quando l'anziano si era deciso a denunciare quello che accadeva, al culmine di un’accesa lite durante la quale il figlio, in evidente stato di alterazione psico-fisica, aveva danneggiato la sua autovettura. La vittima delle persecuzioni si era rivolta ai carabinieri di via Padova dopo essere stato minacciato di morte e inseguito in strada dal ragazzo

Maltrattamenti e minacce sotto l'effetto di cocaina

Le rapide indagini hanno permesso di raccogliere gli elementi in base ai quali il 33enne è stato ritenuto gravemente indiziato di aver, in stato di abituale intossicazione da cocaina, maltrattato il padre convivente con atteggiamento aggressivo ed intimidatorio, sottoponendolo, quotidianamente, a vessazioni fisiche e verbali, costringendolo in più occasioni ad erogargli somme di denaro. Una situazione che provocava all'anziano continue sofferenze e terrore.

L'indagato è stato rintracciato dai carabinieri in un’abitazione di Busto Arsizio, arrestato e portato nella locale casa circondariale.