Anche nel 2021 in Lombardia le persone che hanno contratto il Coronavirus non pagheranno il ticket per esami e visite legati al Covid. Lo ha confermato oggi il presidente della Regione, Attilio Fontana.

"Chi ha avuto il Covid continuerà a non pagare il ticket per esami e visite di accertamento dovute alla malattia. La Giunta regionale, infatti, ha approvato oggi il rinnovo dell'esenzione con codice D97 per tutto il 2021", ha comunicato il governatore in una nota, spiegando il contenuto del provvedimento.

L'assessore al Welfare Giulio Gallera ha chiarito che "l‘agevolazione comprende le attività di follow up post Covid quali, in particolare, le visite infettivologiche, pneumologiche, cardiologiche, neurologiche, fisiatriche ed ematologiche con gli esami diagnostici ad esse collegate. Sono inclusi anche i colloqui psicologici/clinici particolarmente importanti per molte persone colpite da coronavirus".

L'esenzione dal ticket per chi ha contratto il Sars-Cov-2 era stata già prevista nella seconda parte del 2020: introdotta nel mese di giugno scorso, poi rinnovata il 7 settembre. "Regione Lombardia – conclude l'Assessore Gallera – ha deciso di estendere ulteriormente questa importante misura, ritenendo fondamentale ogni attività di controllo e di indagine diagnostica successiva alla malattia". Il provvedimento ha una copertura finanziaria di 4,4 milioni di euro per tutto l'anno

La Lombardia resta la regione più colpita dal Covid in termini assoluti per contagi e decessi. Stando all'ultimo aggiornamento di oggi, mercoledì 30 dicembre, dall'inizio della pandemia si sono ammalati 475mila lombardi e ne sono morti oltre 25mila.