Si è dovuto improvvisare ostetrico e aiutare la sua compagna a far nascere la loro bambina. "Ma sia chiaro: io sono stato bravo, ma il merito è tutto della mamma", tiene subito a precisare il super papà Davide, 31 anni. È domenica 17 gennaio quando verso le dieci di sera la compagnia Fabiola, 33 anni, inizia ad avere contrazioni molti forti nella loro caso a Malgesso, in provincia di Varese. "Non sapevamo cosa fare – racconta Davide a un'intervista rilasciata a "Varese News" -. Eravamo tutti tranquilli perché il parto sarebbe stato tra qualche giorno e, invece, quella sera mi ero appena addormentato dopo aver messo a dormire la nostra primogenita quando mi ha svegliato mia suocera che abita nell'appartamento a fianco per dirmi che Fabiola aveva forti dolori".

Qualche minuto dopo è nata Aylin

Intanto la moglie cerca di rilassarsi facendo un bagno caldo, ma pochi minuti dopo le si rompono le acque. "L'ho fatta stendere sul divano e a quel punto ho visto la testa. Sono entrato nel panico", continua a raccontare Davide. Così chiama il 112 ma ormai era chiaro che non c'era più molto tempo. I minuti successivi la coppia non li dimenticherà mai: " Gli operatori sanitari mi davano istruzioni al telefono che io ho eseguito passo per passo fino a quando alle 23 è nata Aylin. Chi se lo immaginava che la nostra seconda bambina sarebbe venuta al mondo così in fretta? Eppure la cosa che mi fa sorridere è che anche mio padre aveva aiutato mia madre a far nascere mia sorella".

Mamma e bimba stanno bene e sono già a casa

L'ambulanza poi ha trasportato mamma e bimba in ospedale dove sono state dimesse ieri 21 dicembre. Stanno entrambe bene. "Ringraziamo di cuore tutti quelli che in questo momento particolare ci sono stati vicini e di supporto, in primis dottori e operatori sanitari. Ma anche mia suocera e naturalmente la mia compagna", ha concluso Davide.