284 CONDIVISIONI
Elezioni comunali Milano 2021
13 Agosto 2021
20:58

Elezioni Milano, candidato di centrodestra: “Non distinguo le persone tra fasciste e antifasciste”

Al termine di un appuntamento elettorale il candidato sindaco di centrodestra Luca Bernardo ha precisato che “non distinguo le persone tra fascisti e antifascisti”. O meglio: “Le persone non le distinguo se non per uomo, donna e persone perbene”. E la reazione dal centrosinistra non si è fatta attendere.
A cura di Giorgia Venturini
284 CONDIVISIONI
Il candidato sindaco del centrodestra Luca Bernardo
Il candidato sindaco del centrodestra Luca Bernardo
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni comunali Milano 2021

"Io non distinguo persone tra fascisti e antifascisti". Lo ha precisato il candidato sindaco di Milano per il centrodestra Luca Bernardo a margine di un appuntamento elettorale al centro commerciale Portello. Bernardo ha tenuto anche ad aggiungere che "le persone non le distinguo se non per uomo, donna e persone perbene". E alla domanda su come si definisce lui puntualizza: "Io mi definisco Luca Bernardo che arriva dalla società civile. Ho fatto il medico, il Covid, e sto nel sociale da più di 30 anni. Non mi definisco né A, né B, né Z. Mi definisco un cittadino aperto e liberale, la libertà conquistata grazie ai nostri nonni dobbiamo portarla sempre avanti". Per il candidato sindaco, che il prossimo 3-4 ottobre sarà lo sfidante numero uno di Beppe Sala, le persone si distinguono solo per competenza e valore umano: "Non guardo al colore politico e spero che l'area moderata di sinistra si sposti durante le elezioni, e soprattutto dopo, per darci una mano".

La reazione della sinistra

Non è tardata ad arrivare una reazione del Partito Democratico alle parole di Bernardo: "Dispiace che la destra – così commenta la presidente dei senatori del Pd Simona Malpezzi – abbia schierato un candidato che non rende onore alla grande storia democratica di Milano, medaglia d'oro per la Resistenza. Parole indegne per un candidato sindaco che oggi dovrebbe parlare solo per scusarsi con i milanesi". Il candidato sindaco del centrodestra solo qualche giorno fa era al centro di una polemica pre-elettorale sul fatto che portasse una pistola in ospedale, dove lui lavora: "Mai in corsia. Sono sicuro al 100 per cento", aveva precisato poco tempo fa. Allora Bernardo aveva risposto così alle accuse del consigliere regionale di +Europa/Radicali, Michele Usuelli che, in un'intervista al quotidiano "La Repubblica", ha raccontato di essere certo che il primario di Pediatria dell'ospedale Fatebenfratelli girasse in reparto con un'arma.

284 CONDIVISIONI
113 contenuti su questa storia
Ballottaggio elezioni Nerviano tra Cozzi e Colombo: gli orari per votare
Ballottaggio elezioni Nerviano tra Cozzi e Colombo: gli orari per votare
Milano, Comazzi (Forza Italia): "La giunta Sala creata ad arte per non mettere in ombra il sindaco"
Milano, Comazzi (Forza Italia): "La giunta Sala creata ad arte per non mettere in ombra il sindaco"
Monica Romano, prima consigliera transgender a Milano: "Mi impegnerò contro ogni tipo di violenza"
Monica Romano, prima consigliera transgender a Milano: "Mi impegnerò contro ogni tipo di violenza"
Vaccini: da oggi in Lombardia al via le prenotazioni per la terza dose agli over 60 e ai fragili
Vaccini: da oggi in Lombardia al via le prenotazioni per la terza dose agli over 60 e ai fragili
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni