1.723 CONDIVISIONI
24 Luglio 2021
14:27

Elezioni Milano, Usuelli: “Candidato sindaco del centrodestra va in ospedale con la pistola”

Il consigliere regionale di +Europa/Radicali, Michele Usuelli, afferma che il candidato sindaco di Milano Luca Bernardo giri con la pistola anche sul luogo di lavoro: “Non mi sento sicuro con un candidato sindaco che gira armato senza che io, noi, i cittadini, gli elettori, ne conosciamo i motivi”.
A cura di Ilaria Quattrone
1.723 CONDIVISIONI
Luca Bernardo (LaPresse)
Luca Bernardo (LaPresse)

"Un candidato sindaco che va in giro armato non mi sembra un dettaglio insignificante": ad affermarlo è il consigliere regionale lombardo di +Europa/Radicali Michele Usuelli in un'intervista al quotidiano "La Repubblica" riferendosi a Luca Bernardo, candidato sindaco del centro destra per le elezioni comunali di Milano. Accuse pesanti che hanno portato Bernardo a rispondere e confermare di avere il porto d'armi, ma di non andare in giro con la pistola e soprattutto di aver dato mandato ai suoi legali di procedere con la querela.

Usuelli: Perché ha con sé la pistola, anche sul lavoro?

Il consigliere Usuelli sostiene infatti che nel mondo della pediatria milanese è noto come Bernardo giri con la pistola anche in ospedale e in reparto: "Me lo hanno confermato più persone di totale e provata fiducia – spiega Usuelli nell'intervista -. Bernardo dice che Milano con Sala è insicura? Io invece non mi sento sicuro con un candidato sindaco che gira armato senza che io, noi, i cittadini, gli elettori, ne conosciamo i motivi". Certo che il medico possieda un porto d'armi, il consigliere si chiede quale motivo spinga Bernardo a girare con un'arma: "Bisogna capire perché ha con sé la pistola, anche sul lavoro. A che titolo? Ha ricevuto minacce? È un soggetto a rischio? Se sì, perché?".

Bernardo: Mai girato con la pistola in ospedale

Domande a cui il candidato sindaco ha risposto in un'intervista al quotidiano "Il Corriere della Sera": "Oltre dieci anni fa ho chiesto e ottenuto un porto d'armi da difesa perché ero stato minacciato, ma è chiusa in casa in cassaforte". Bernardo afferma inoltre di non andare al poligono di tiro da almeno tre o quattro anni. Infine ha ribadito di aver dato mandato al suo avvocato di denunciare il consigliere per diffamazione a mezzo stampa: "Io non mi sono mai neanche vestito da sceriffo a carnevale, perché la pistola non è un giocattolo".

1.723 CONDIVISIONI
Elezioni Milano, tutti i candidati sindaco: nomi e liste
Elezioni Milano, tutti i candidati sindaco: nomi e liste
Il candidato sindaco "pistolero" Bernardo dà dei "pistola" agli elettori di Sala
Il candidato sindaco "pistolero" Bernardo dà dei "pistola" agli elettori di Sala
Elezioni Milano, la fuga dei big del centrodestra: né Salvini né Berlusconi candidati
Elezioni Milano, la fuga dei big del centrodestra: né Salvini né Berlusconi candidati
Covid Lombardia, il bollettino del 21 settembre: 472 contagi e 9 morti
I pazienti ricoverati nei reparti di area medica degli ospedali sono 437, in terapia intensiva 62 persone
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni