451 CONDIVISIONI
Ultime notizie su Alessia Pifferi

Alessia Pifferi e la vacanza d’amore quando Diana stava male: “Non le importava della figlia”

La madre di Alessia Pifferi, accusata di omicidio volontario per aver lasciato morire di stenti la figlia nel luglio del 2022, riporta in aula un episodio del passato. “Quando Diana aveva 42 di febbre Alessia è andata in vacanza in Costa Azzurra. Non rispondeva al telefono, ed è tornata a Milano giorni dopo”
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Francesca Del Boca
451 CONDIVISIONI
Alessia Pifferi in tribunale
Alessia Pifferi in tribunale
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ultime notizie su Alessia Pifferi

"Ero veramente disgustata. Chiamate gli assistenti sociali, devono sapere che lei si comporta in questo modo". Sono le parole che Maria Assandri, madre di Alessia Pifferi, pronuncia in aula durante il processo contro la figlia: la 37enne, accusata ora di omicidio volontario aggravato, nel luglio del 2022 ha lasciato morire di stenti la figlia di 18 mesi Diana, dopo averla abbandonata a casa da sola per una settimana.

"Non può fregarsene così di una figlia”, spiega così di fronte alla Corte d'Assise milanese, come riporta un video trasmesso dal programma Quarto Grado. E ricorda davanti a tutti un episodio significativo, avvenuto quando Diana aveva solo poche settimane di vita.

La vacanza d'amore con il compagno mentre Diana stava male

"Da Crotone mi sono trasferita a Ponte Lambro per aiutare Alessia con la bambina", inizia a raccontare la donna. La piccola, nata prematura nel bagno del compagno di Alessia a Leffe, è appena tornata dall'ospedale di Bergamo, dove è stata ricoverata per un mese. "Circa tre settimane dopo essere tornata a casa, mi ha chiesto se potevo tenerle la piccola perché il compagno aveva preso un lavoro a Ventimiglia. Mi sembrava una cosa normale".

Quel giorno, però, Diana si sente male. Anzi, malissimo. "Aveva 42 di febbre, una ricaduta. Ho chiamato Alessia in continuazione, fino alle 2 di notte. Mi ha risposto solo a quell'ora, dicendomi che poteva tornare solo il giorno dopo". Alessia in quel momento si trova in Costa Azzurra, in vacanza a Montecarlo con il compagno. La bambina, invece, è a un passo dalla morte.

Immagine

"Le ho detto che stavo accompagnando la bambina in ospedale a Bergamo. Avevo addirittura chiesto al suo ex marito di accompagnarmi". Alessia torna il giorno successivo, senza troppa fretta.

Un comportamento che lascia a bocca aperta la madre Maria: si aspetta che Alessia, dopo essere sparita per un giorno intero con una figlia neonata lontana, almeno si precipiti immediatamente a casa una volta appresa la notizia del gravissimo malessere. "Non è possibile, ero disgustata", sempre la donna in aula: fin da subito, insieme alla figlia maggiore Viviana, ha puntato il dito contro Alessia Pifferi. "Chiamate gli assistenti sociali, dicevo. Non può fregarsene così di una bambina".

L'abbandono della figlia per andare dal compagno a Bergamo

"Non è semplice trovarsi ragazza madre all'improvviso", la giustificazione della stessa Alessia, che lamentava spesso l'esigenza di prendere del tempo per sé stessa. "Non portava mai la bambina da me, diceva che aveva bisogno di una boccata d'aria", la testimonianza del compagno Mario Angelo.

La settimana dell'abbandono di Diana, la 37enne di Ponte Lambro dedica infatti anima e corpo per trascorrere giornate romantiche in compagnia del fidanzato: organizza cene vista lago, giri in limousine e serate eleganti. "Io e il bergamasco ci siamo rimessi insieme, ci stiamo provando. Mi auguro con tutto il cuore che le cose adesso possano funzionare alla grande", confida a un'amica. "Voglio andare via di qua e tornare ad abitare con lui, stare con la mia famiglia non è più fattibile".

Immagine
451 CONDIVISIONI
178 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni