milano

A Milano nasce la Commissione Olimpiadi 2026: “Bisogna accelerare, cambiare passo”

Il consigliere comunale Gabriele Abbiati, presidente della nuova Commissione Olimpiadi 2026 a Palazzo Marino, intervistato da Fanpage.it spiega: "Con l'emergenza la preparazione dei Giochi è rimasta in disparte. Dall’amministrazione ci aspettiamo un cambio di passo. A Milano abbiamo la parte predominante per gli sport al chiuso. Mi preoccupano il PalaItalia e il PalaSharp".
A cura di Simone Gorla

"Vogliamo contribuire al cambio di passo che è necessario, perché cinque anni possono sembrare tanti ma non lo sono". Lo spiega a Fanpage.it Gabriele Abbiati, consigliere comunale della Lega eletto presidente della neonata commissione Olimpiadi Milano Cortina 2026 di Palazzo Marino.

Perché creare una nuova commissione nel consiglio comunale per i Giochi?

Il tema delle Olimpiadi purtroppo è stato un po' perso di vista dall'amministrazione comunale, è rimasto in disparte durante l'emergenza Covid è un peccato. L'obiettivo è capire lo stato dell'arte e favorire un'accelerazione. Fuori da ogni polemica, vogliamo dare stimoli perché è un evento essenziale.

Abbiati presidente commissione Olimpiadi Milano

Come vi muoverete? 

Con il vicepresidente Alessandro Giungi stiamo stilando un programma delle attività. Sentiremo a breve l'assessore allo sport Roberta Guaineri per fare il punto sulla parte relativa agli impianti sportivi in città. Quindi gli altri assessorati per verificare anche infrastrutture, mobilità e gli altri temi connessi. Pianificheremo anche sopralluoghi nelle aree coinvolte, penso al Palasharp, Santa Giulia, lo scalo di Porta Romana. Dovrà essere un'attività molto aperta a città e municipi.

A un anno e mezzo dall'assegnazione delle Olimpiadi invernali, siamo indietro?

È quello che dobbiamo verificare. Da parte dell’amministrazione serve un cambio di passo. A Milano abbiamo la parte predominante per gli sport al chiuso. Sullo Scalo ci siamo, mi preoccupa il PalaItalia. Mi piacerebbe riflettere su quell’area. Vogliamo capire com’è la situazione. Anche la questione Palasharp è ancora abbastanza immobile, ci lascia un po’ perplessi. In generale ci hanno comunicato troppo poco.

Anche su San Siro il dibattito è stato spento dall'emergenza

Lamentiamo lo stesso problema, non c’è un raccordo con l’aula. È il consiglio comunale a dover decidere, anche se probabilmente avverrà nel prossimo mandato. Purtroppo noi siamo stati lasciati in disparte dalla giunta su tutti i temi fondamentali. Non va bene. Lo stadio fa parte del dossier olimpico e senza elementi per valutare diventa difficile. Ci aspettiamo più condivisione.

CONTINUA A LEGGERE SU FANPAGE.IT

Milano-Cortina 2026: come sarà il villaggio delle Olimpiadi
A Milano ci sono stati 5700 morti per Coronavirus
Inizia il processo Lombardia Film Commission, cosa sappiamo della vicenda che imbarazza la Lega
In Lombardia corsa per vaccinare gli over 80 entro l'11 aprile: servono 33mila dosi al giorno
A Malpensa i passeggeri in partenza per le Canarie: "Più che vacanza è una fuga dall'Italia"
Covid in Lombardia, Fontana: "Spero che dal 12 aprile si dica basta limitazioni"
Fabrizio Corona esce dal carcere, l'avvocato: "I giudici hanno riconosciuto l'errore"
Fabrizio Corona esce di prigione e torna agli arresti domiciliari
Padre, madre e figlio muoiono di Covid a distanza di pochi giorni: in ospedale un altro fratello