19 agosto 11:41 Già nel 1979 l’ingegnere Morandi lanciava l’allarme: “Il ponte si corrode, va protetto”

Era solo il 1979 quando l'ingegner Riccardo Morandi, il progettista del ponte di Genova che ha poi preso il suo nome, avvertiva sui rischi che la mancata manutenzione poteva avere in futuro: "Penso che prima o poi, e forse già tra pochi anni, sarà necessario ricorrere a un trattamento per la rimozione di ogni traccia di ruggine sui rinforzi esposti, con iniezioni di resine epossidiche dove necessario, per poi coprire tutto con elastomeri ad altissima resistenza chimica". A riportare questo studio di quasi 40 anni fa è il giornale La Verità, sottolineando i primi effetti sul ponte della salsedine e dell'inquinamento. Morandi lanciò, allora, un "allarme corrosione": "La struttura viene aggredita dai venti marini (il mare dista un chilometro) che sono canalizzati nella valle attraversata dal viadotto. Si crea così un'atmosfera, ad alta salinità che per di più, sulla sua strada prima di raggiungere la struttura, si mescola con i fumi dei camini dell'acciaieria (il vecchio stabilimento Ilva, ndr) e si satura di vapori altamente nocivi. Le superfici esterne delle strutture, ma soprattutto quelle esposte verso il mare e quindi più direttamente attaccate dai fumi acidi dei camini, iniziano a mostrare fenomeni di aggressione di origine chimica".

Secondo Morandi, dunque, era già in atto una "perdita di resistenza superficiale del calcestruzzo". L'ingegnere fa riferimento anche ad alcune "piastre", non ben definite", che "sono state letteralmente corrose in poco più di cinque anni e hanno dovuto essere sostituite, con processi piuttosto complicati, con elementi in acciaio inox". Quindi Morandi sottolinea la necessità di proteggere "la superficie in calcestruzzo, per accrescerne la resistenza chimica e meccanica all'abrasione", suggerendo di utilizzare resine ed elastomeri sintetici.

19 agosto 09:55 Genova, terminate operazioni di soccorso: il bilancio è di 43 vittime. Autostrade si scusa

Si sono concluse le operazioni di ricerca e recupero delle vittime del crollo del Ponte Morandi di Genova. Nella mattinata i vigili del fuoco hanno concluso l’intervento per recuperare i corpi della famiglia Cecala: il papà Cristian, la mamma Dawna e la piccola Kristal. Il bilancio definitivo è di 43 vittime, dopo la morte di uno dei feriti all’ospedale San Martino: si tratta di Marian Rosca, un autista romeno di 36 anni. Le operazioni dei vigili del fuoco proseguono per mettere in sicurezza l’area e bonificare tutte le zone per essere certi che non ci siano altre persone sotto le macerie. Non ci sono, comunque, notizie di altri dispersi.

Nella giornata di sabato, dopo i funerali di Stato e in occasione del lutto nazionale, sono arrivate le scuse di Autostrade che hanno espresso “grande tristezza, cordoglio e vicinanza alle vittime”. “Non siamo stati capaci di far sentire la nostra vicinanza alla città, e mi scuso profondamente”, ha affermato il presidente della società, Fabio Cerchiai. L’amministratore delegato, Giovanni Castellucci, ha spiegato che ora l’obiettivo è ripristinare “il prima possibile la viabilità e ricostruire il ponte sul Polcevera: abbiamo un progetto che ci permette in otto mesi, tra demolizione e ricostruzione, di avere un nuovo ponte in acciaio”. E da subito verrà stanziato un fondo di mezzo miliardo per la ricostruzione ma anche per gli indennizzi a chi ha dovuto lasciare la propria casa. Un fondo verrà previsto anche per le famiglie delle vittime. Ma per il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, non è abbastanza: “Niente elemosine, le scuse servono a poco, non c'è modo di alleviare le sofferenze di una città distrutta dal dolore. L’unica strada è andare avanti con la procedura di revoca”.

18 agosto 19:38 Crollo ponte Genova, il ministro Toninelli riferirà in Parlamento il prossimo 27 agosto

Lunedì 27 agosto avrà luogo l'informativa urgente relativa al crollo del Ponte Morandi a Genova davanti alle commissioni competenti di Senato e Camera del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Il 4 settembre ci sarà invece il voto delle risoluzioni in Aula sulle comunicazioni del governo. Lo ha deciso la conferenza informale dei capigruppo che si è svolta a Genova oggi pomeriggio.

18 agosto 18:18 Morto Marian Rosca, camionista ferito: sale a 43 il numero delle vittime

Sale a 43 il numero delle vittime del crollo di Ponte Morandi, a Genova. E' morto in ospedale, dove era ricoverato in gravissime condizioni, Marian Rosca, il camionista di origini romene che in un primo momento era stato segnalato tra i deceduti. L'uomo in realtà era stato estratto ancora vivo. "Sono la sorella di Marian Rosca. Marian è in ospedale ed è tenuto in vita solo dalle macchine. Il suo collega, Igor, padre di tre figli, purtroppo è morto", aveva chiarito la sorella due giorni fa. Oggi purtroppo per il camionista si sono spente tutte le speranze.

18 agosto 15:40 Fico: “Chiedo scusa a nome dello stato”

"Oggi i familiari delle vittime ci hanno dato un grande insegnamento e chiedo scusa, anche se non è mia colpa oggi, a nome dello Stato per quello che può non aver fatto negli ultimi anni. Le scuse sono sempre una parola importante". A dichiararlo il presidente della Camera, Roberto Fico, dopo i funerali di Stato celebrati a Genova raggiungendo la sede della prefettura.

18 agosto 14:46 Ritrovato il corpo di Mirko Vicini. E’ l’ultima vittima, i morti salgono a 42

E' stato ritrovato poco dopo la fine del funerale di stato il corpo dell'ultima vittima, Mirko Vicini. Si tratta di un uomo che ancora stamattina risultava disperso: 30 anni, Mirko martedì stava per iniziare il turno di lavoro all'isola ecologica dell'Amiu, la Municipallizata dei rifiuti di Genova.

18 agosto 13:29 Crollo ponte Genova, i vertici di Autostrade per l’Italia presenti ai funerali di Stato

Tra le numerose persone presenti nel padiglione B della Fiera di Genova, tra autorità, rappresentanti delle forze dell'ordine e semplici cittadini, c'erano anche i vertici di Autostrade per l'Italia ad assistere ai funerali di Stato di 19 delle 41 vittime finora accertate del crollo del ponte Morandi. Stando a quanto riportato dall'Adnkronos, Giovanni Castellucci, Amministratore Delegato di Autostrade per l'Italia, e il presidente Fabio Cerchiai hanno preso parte alle esequie. Attesa per questo pomeriggio la conferenza stampa che vedrà per la prima volta dal 14 agosto scorso Autostrade rispondere alle domande dei giornalisti sulla tragedia.

18 agosto 13:12 Crollo ponte Morandi, Genoa e Sampdoria insieme ai funerali di Stato

Il mondo del calcio ha partecipato con commozione ai funerali di Stato di 18 delle 41 vittime del crollo del ponte Morandi di Genova. I giocatori di Genoa e Sampdoria, le due squadre della città ligure, sono arrivati in Fiera accolti dagli applausi dei presenti e hanno assistito alla celebrazione presieduta da monsignor Angelo Bagnasco, dopo aver ottenuto il rinvio delle partite della prima giornata di Campionato di Serie A, in programma per questo pomeriggio. Presenti alle esequie pubbliche anche i compagni di squadra di Marius Djerri, il 22enne di origine albanese deceduto in seguito al collasso del viadotto e giovane promessa del Campi Corniglianese di Augusto Pintus.

18 agosto 12:55 Crollo ponte Morandi, la preghiera della comunità islamica: “Genova saprà rialzarsi con coraggio”

Al termine del rito cattolico celebrato da monsignor Angelo Bagnasco, comincia la preghiera della comunità islamica con l'Imam della città ligure, che darà la benedizione a due delle vittime del crollo del ponte Morandi di religione musulmana. Si tratta di Marius Djerri, 22 anni, e di suo cugino, entrambi di origine albanese. "Affidiamo a Dio le famiglie, le vittime, i dispersi, gli sfollati e i soccorritori – ha detto l'Imam -. La nostra preghiera si trasmette anche a coloro che hanno celebrato i funerali in forma privata. Siamo vicini a tutti voi e chiediamo al Signore, colui che nella sua infinita misericordia ci ha insegnato l'importanza dei ponti simbolici, di renderci consapevoli delle nostre responsabilità. Chiediamo a lui di accogliere le anime delle vittime. Preghiamo per Genova, la Superba, saprà rialzarsi con coraggio. Le comunità islamiche pregano affinché la pace sia con tutti noi e affinché protegga l'Italia e gli italiani".

18 agosto 12:38 Crollo ponte Genova, applausi e commozione alla lettura dei nomi delle 38 vittime

 

Proseguono i funerali di Stato di 19 delle 38 vittime accertate fino alla scorsa notte del crollo del ponte Morandi di Genova, all'interno del padiglione B della Fiera della città ligure. Grande commozione alla lettura dei nomi di coloro che hanno perso la vita lo scorso 14 agosto, anche di quelli non presenti per volere dei parenti che hanno rifiutato le esequie pubbliche: un lungo applauso ha rotto il silenzio della folla presente, mentre i familiari dei defunti, in attesa della benedizione delle salme, si sono lasciati andare ad un intenso abbraccio.

18 agosto 12:08 Crollo ponte Genova, Bagnasco ai funerali di Stato: “Squarcio nel cuore di Genova, ma non ci arrendiamo”

"Il crollo del ponte Morandi ha provocato uno squarcio nel cuore di Genova. Ferita profonda, fatta dal dolore per coloro che hanno perso la vita e per i dispersi, i feriti e gli sfollati. Genova è nello sguardo del mondo, in un  abbraccio di affetto, commozione e attesa. Ci affidiamo alla misericordia che solo Dio può dare". Così l'arcivescovo di Genova, Angelo Bagnasco, nell'omelia della celebrazione dei funerali di Stato di 19 delle vittime del disastro del viadotto Morandi.

"Sappiamo che qualunque parola umana è poca cosa di fronte alla tragedia – ha continuato -. L'iniziale incredulità, lo smarrimento generale, i perché incalzanti ci hanno fatto toccare l'inesorabile fragilità della condizione umana. Ma si intravede comunque un filo di luce. I legami umani ci sono necessari, tessuto della famiglia e dell'amicizia, ma anche della società civile. Questi vincoli richiedono affidabilità solida e sicura. Senza amore affidabile non sarebbe possibile vivere insieme".

Ha anche aggiunto che "la fede non dissipa le tenebre ma illumina il cammina passo dopo passo. La risposta ai nostri tormenti è una presenza che ci accompagna. Gesù e la Madonna sono il segno che il Signore non ci abbandona ma ci precede nei travagli della vita". Infine, un pensiero alla città di Genova: "Il viadotto è crollato. Era un'arteria essenziale per lo sviluppo della città. Ma Genova non si arrende. L'anima del suo popolo è attraversata da mille pensieri ma continuerà a lottare come ha fatto altre volte. La rete organizzativa e la tempestività a tutti i livelli, la professionalità generosa di tutti, a cominciare dai Vigili del Fuoco, la disponibilità di molti, la forza dei feriti, la preghiera e la solidarietà rendono visibile l'anima collettiva della nostra città. Ci auguriamo che gli sfollati trovino il necessario calore della casa. Nei cuori d ognuno cresce per Genova amore più grande. Non può essere dimenticata da nessuno. La sua vocazione è scritta nella sua storia di tenacia oltre che che nella sua posizione di porta tra mare e continente".

18 agosto 11:22 Crollo ponte Morandi, Mattarella arriva alla Fiera di Genova e abbraccia i parenti delle vittime

 

Abbraccio commosso del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai parenti delle vittime del crollo del ponte Morandi non appena arrivato alla Fiera di Genova, dove tra poco cominceranno i funerali di Stato, presieduti da monsignor Angelo Bagnasco, arcivescovo della città ligure. Accolto da un grande applauso, Mattarella si è fermato a parlare a lungo con i presenti e a rendere omaggio alle salme. Prima di giungere sul luogo delle esequie, ha visitato il viadotto della morte e incontrato i soccorritori per ringraziarli per il loro lavoro.

18 agosto 11:10 Crollo ponte Genova, applausi e lacrime per Salvini e Di Maio ai funerali di Stato

 

Cominciano ad arrivare le autorità al padiglione B della Fiera di Genova, dove a breve si svolgeranno i funerali di Stato di 18 delle vittime del crollo del ponte Morandi dello scorso 14 agosto. I primi esponenti del governo a salutare i parenti e a rendere omaggio alle salme sono stati Matteo Salvini e Luigi Di Maio: i due sono stati accolti da lacrime e da un lungo applauso dalla folla presente, così come il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli.

18 agosto 10:56 Crollo ponte Genova, lunghi applausi per i Vigili del Fuoco ai funerali di Stato: “Grazie eroi”

 

Regna il silenzio nel padiglione B della Fiera di Genova, dove alle 11:30 sono in programma i funerali di Stato di 18 delle 38 vittime accertate fino alla scorsa notte del crollo del ponte Morandi di Genova. Tuttavia, lunghi applausi sono stati fatti all'ingresso dei Vigili del Fuoco. La città di Genova ha così voluto ringraziare "gli eroi" che da giorni stanno lavorando tra le macerie senza sosta e assistendo gli quasi 700 sfollati dei palazzi sottostanti il viadotto. Molti dei presenti sono in lacrime, alzano le braccia al cielo e battono le mani. Sono stati più di 1000 i soccorritori tra pompieri, Protezione civile e forze dell'ordine impegnati nelle operazioni di soccorso.

18 agosto 10:36 Crollo ponte Genova, rintracciato uno dei due dispersi: “Sto bene, non ero sul viadotto”

E' stato rintracciato uno dei due dispersi del crollo del ponte Morandi di Genova. Si tratta di un cittadino di nazionalità tedesca, Loohuis Albert, che era nell'elenco di coloro che ancora mancavano all'appello dopo il ritrovamento, la scorsa notte, dei corpi di un'intera famiglia inghiottita dalle macerie. L'uomo ha chiamato in prefettura, sta bene, è in vacanza e non si trovava nella città ligure al momento del disastro. Resta, dunque, al momento solo un disperso, Mirko Vicini, l'operaio genovese dell'Amiu, la municipalizzata dei rifiuti, che era nel capannone dell'azienda investito dal crollo di ponte Morandi.

18 agosto 10:28 Crollo ponte Genova, folla ai funerali di Stato di 18 vittime. Mattarella sul luogo del disastro

Comincia a riempirsi il padiglione B della Fiera di Genova dove alle 11:30 sono in programma i funerali di Stato di 19 delle 38 vittime accertate fino a questa mattina del crollo del ponte Morandi di Genova, mentre le famiglie di altre 20 hanno detto no alle esequie pubbliche per protesta nei confronti delle istituzioni. La celebrazione sarà presieduta da monsignor Angelo Bagnasco, alla presenza delle autorità e del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che si è prima recato sul luogo del disastro del 14 agosto e ha incontrato i soccorritori.

18 agosto 09:08 Crollo ponte Genova, sale a 41 il numero delle vittime: trovata auto con i corpi di un’intera famiglia

Nel giorno in cui sono in programma i funerali di Stato di 19 delle vittime del crollo del ponte Morandi di Genova, alla Fiera della città ligure e alla presenza del presidente della Repubblica e delle autorità, il numero dei morti del disastro del 14 agosto è salito a quota 41: è di poche ore fa il ritrovamento di una vettura con all'interno i corpi di tre persone appartenenti allo stesso nucleo familiare. Si tratta di papà Cristian, la mamma Dawna e la piccola Kristal di 9 anni. Il veicolo, una Hyundai, è stato recuperato tra i resti del ponte, completamente schiacciato, sotto un grosso blocco di cemento che faceva parte del pilone della struttura crollato nei pressi dell'argine sinistro del Polcevera.

Mancano all'appello altri due dispersi: ieri, venerdì 17 agosto, la Protezione civile aveva fatto sapere di essere alla ricerca di cinque persone, ma con il ritrovamento della famiglia il loro numero è diminuito. Pertanto, i soccorritori sono ancora al lavoro per scavare tra le macerie.