21 Ottobre 22:52 Basilicata, ‘stop’ alla movida dalle 24

Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Stop alla movida anche in Basilicata, dove bar e ristoranti dovranno essere chiusi dalle 24 alle 5 mentre dalle 18 in poi si potrà consumare solo al tavolo. Con un'ordinanza della Regione, sono sospese tutte le gare, le competizioni e le altre attività, anche di allenamento, degli sport di contatto, svolti a livello regionale o locale sia agonistico che di base dalle associazioni e società dilettantistiche. Restano sospese le attività del ballo che abbiano luogo in discoteche, sale da ballo e locali assimilati, ristoranti, bar, pub e locali assimilati, all'aperto o al chiuso.

21 Ottobre 22:37 Campania, la zona rossa ad Arzano è un flop: chiusura solo a mezzanotte

Ad Arzano, da ieri zona rossa Covid-19, il primo giorno si è rivelato un flop: è servito per trasportare sul posto i blocchi di cemento per chiudere le strade, ma tantissimi cittadini sono ugualmente scesi in strada come se non fosse cambiato nulla. E molti giravano ancora senza mascherina o col naso scoperto.

21 Ottobre 22:09 Bonaccini (Emilia Romagna): “Fabbriche e scuole non si possono chiudere”

Chiudere i confini delle Regioni? "Io mi auguro di no". Così ha risposto Stefano Bonaccini, ad una domanda partecipando a Tg2 Post. Un lockdown generalizzato, ha detto, significherebbe "passare alla pandemia economica sociale". Se aumenteranno i contagi, ha proseguito il presidente della Regione Emilia-Romagna e delle Regioni, "serviranno ulteriori restrizioni, bisognerà decidere quali ambiti ci si può permettere di chiudere e quali no. Fabbriche, negozi e scuole non si possono chiudere".

21 Ottobre 21:31 Toscana, 41 i contagi in casa di riposo a Montaione

Salgono a 41, 23 ospiti e 18 operatori, i contagiati dal coronavirus all'interno della Rsa ‘Villa Serena' di Montaione (Firenze). Ad aggiornare sui nuovi dati del focolaio nella principale casa di riposo dell'Empolese Valdelsa è stato, con una diretta Facebook, il sindaco Paolo Pomponi. Dei 18 anziani positivi, ha spiegato il primo cittadino, ci sono tre esami da ripetere. Cinque al momento le persone ospedalizzate, tutte tra gli ospiti, di cui una definita in gravi condizioni. L'Asl Toscana Centro ha inviato intanto tre infermieri per supportare l'attività della struttura, in cui è stata ricreata anche una ‘bolla' Covid, più altri due che arriveranno nei prossimi giorni.

21 Ottobre 21:15 Firenze, due ‘zone rosse’ il venerdì e il sabato sera

Introduzione di due ‘aree di massimo rispetto' a Firenze individuate nell'area compresa tra piazza Strozzi, via Strozzi, via Sassetti, piazza Repubblica, via Pellicceria e nell'area compresa tra piazza dei Ciompi, via Pietrapiana, piazza Sant’Ambrogio e il tratto di Borgo la Croce fino a via Mattonaia: questa la decisione che è stata presa dal Cosp, che si è tenuto oggi pomeriggio in Prefettura.

Nelle due ‘aree di massimo rispetto’ il venerdì e il sabato sera, dalle ore 19 alle 2, vigerà il divieto di stazionamento e sarà consentito l’accesso solo per andare in abitazioni private e/o in locali e negozi come previsto dal nuovo dpcm. Il Cosp ha confermato piazza Santo Spirito come ‘area a presenza limitata’, ovvero con accesso consentito solo a mille persone massimo in contemporanea e contingentamento con varchi agli ingressi nei giorni di venerdì e sabato dalle 19 alle 2.

21 Ottobre 21:07 Fontana (Lombardia): “Misure pesanti ma necessarie”

La Lombardia ha adottato "pesanti, ma necessarie misure", che "resteranno in vigore per tre settimane a partire da domani e saranno sospese o prolungate in relazione alla diffusione del virus". Lo ha scritto su Facebook il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana. "In questo momento – ha aggiunto – agisco con la pesante responsabilità di chi è chiamato a tutelare esclusivamente la salute dei cittadini sapendo che attraverso di essa si potranno anche risolvere i problemi economici collaterali scaturiti da questo momento storico. Sursum corda".

21 Ottobre 20:34 In Gran Bretagna è stato registrato un nuovo record di 26.688 nuovi contagi in 24 ore

In Gran Bretagna è stato registrato un nuovo record di 26.688 nuovi contagi in 24 ore. Il dato del ministero della Sanità, sottolinea il Guardian, è in crescita di oltre 5mila casi rispetto a ieri (21.331), ovvero +25%. Mercoledì scorso il bilancio era di 19.724 nuovi positivi e il totale giornaliero delle nuove infezioni si attestava a quota 19.724. Per quanto riguarda i decessi, nelle ultime 24 ore vi sono stati 191 morti, in calo rispetto ai 241 di ieri. Nell'ultima settimana vi sono stati 1.003 morti, il 57% in più della settimana precedente mentre i nuovi positivi sono stati 134.606, il 22% in più di quella precedente.

21 Ottobre 19:53 Francia, 26.676 casi in 24 ore, 166 vittime

Sono stati 26.676 i nuovi casi di positività al Covid-19 in Francia nelle ultime 24 ore, secondo Santé Publique France. Il tasso di positività cresce al 13,7%, i decessi registrati da ieri sono stati 166, per un totale di vittime dal 1 marzo di 34.048 fra ospedali, case di riposo e istituti per disabili.

21 Ottobre 19:38 Brasile: “Morto volontario sottoposto al test vaccino AstraZeneca”

L'autorità sanitaria brasiliana Anvisa ha dichiarato che un volontario che si era sottoposto alla sperimentazione clinica del vaccino Covid-1, sviluppato da AstraZeneca e dall'Università di Oxford, è morto. L'Università Federale di San Paolo, che sta coordinando gli studi clinici di fase 3 sul vaccino in Brasile, ha detto che il volontario era brasiliano.

21 Ottobre 19:21 Lombardia, nuova ordinanza: didattica a distanza alle superiori da lunedì 26 ottobre

Didattica a distanza per tutti gli studenti delle scuole superiori della Lombardia a partire da lunedì 26 ottobre. È quanto prevede l’ordinanza firmata oggi dal presidente della Regione, Attilio Fontana, d’intesa con il ministro della Salute, Roberto Speranza. Le lezioni saranno quindi esclusivamente da remoto per licei, istituti tecnici e professionali, con l’eccezione delle attività di laboratorio.

21 Ottobre 18:59 In Umbria ricoveri cresciuti 254% in 16 giorni

"In 16 giorni, dal 4 al 20 ottobre, in Umbria si è passati da 48 a 170 ricoveri di positivi al Covid, il 254% in più, mentre i ricoveri nel reparto di terapia intensiva dai sei del 4 ottobre sono diventati 20, con una crescita del 233 per cento": lo ha detto l'assessore regionale alla Sanità Luca Coletto nel corso di una conferenza stampa. "L'indice Rt – ha aggiunto – al 20 marzo era di 1 e oggi è all'1,692". L'assessore ha quindi rilevato l'evoluzione "esponenziale" dei contagi Covid.

21 Ottobre 18:49 Lazio, pronta ordinanza anti Covid: coprifuoco dalle 24 e didattica a distanza al 50%

Blocco della circolazione dalle 24 alle 5 del mattino, didattica a distanza nelle scuole superiori al 50% (escluso il primo anno), mentre nelle università si sale al 75% (escluse le attività formative e le matricole). Questo potrebbe essere il testo della nuova ordinanza che la Regione Lazio emanerà a breve a causa dell'aumento dei contagi da coronavirus.

21 Ottobre 18:43 Faraone (Iv) torna a chiedere il Mes: “Nessuno ci punirà in Europa se lo prenderemo”

Il capogruppo di Italia Viva al Senato, Davide Faraone, torna a chiedere al governo di attivare il Mes sanitario: “Nessuno ci punirà in Europa per il Mes”, afferma intervenendo a Palazzo Madama dopo l’informativa del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. “Non siamo appassionati al Mes tanto per, siamo appassionati a quegli strumenti che abbassino i costi per il nostro Paese, immediatamente. Il virus viaggia molto più velocemente dei tamponi che facciamo. Questo perché mancano i soldi? E allora per quale motivo non usare questi soldi che l'Europa mette a disposizione”, afferma il capogruppo di Iv.

21 Ottobre 18:09 Andreoni (SIMIT): “Siamo in piena espansione epidemica”

"Siamo passati da una crescita lineare dei casi di Covid-19 ad una crescita esponenziale: siamo in piena espansione epidemica e nelle prossime 2-3 settimane i numeri sono destinati a rimanere stabili e dunque alti nella migliore delle ipotesi, oppure saliranno ancora". Lo afferma all'ANSA Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società Italiana di Malattie Infettive e tropicali (Simit) e ordinario di Malattie Infettive all'Università di Roma Tor Vergata.

21 Ottobre 18:01 Sardegna, in arrivo nuove restrizioni anti Covid: possibile chiusura di porti e aeroporti

"Se nelle prossime ore il numero dei contagi aumenterà ancora e quello dei ricoveri continuerà a salire con il trend attuale, saremo pronti a intervenire in maniera radicale per invertire questa tendenza e tutelare al meglio la salute di tutti i sardi", lo ha annunciato il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas dopo l'ultimo bollettino diramato dall'unità di crisi regionale. "Ciò significa – spiega – d'intesa con il ministro della Salute e con l'ausilio del comitato scientifico regionale, applicare in Sardegna uno ‘Stop&Go' di 15 giorni per le principali attività, con contestuale chiusura di porti e aeroporti per limitare in modo rapido ed incisivo la circolazione delle persone e, con esse, del virus". Naturalmente, annuncia poi Solinas, "appronteremo di pari passo una serie di misure economiche di supporto per sostenere le perdite derivanti dalla sospensione temporanea delle attività".

La progressione della curva dei contagi – sottolinea Solinas – sta registrando una accelerazione che impone ulteriori e tempestive azioni per evitare di compromettere la tenuta del sistema sanitario e la regolare erogazione delle cure". Fino ad ora, ha aggiunto, "grazie all'impegno straordinario del personale ospedaliero, territoriale e amministrativo, l'emergenza è stata governata in modo ordinato ed efficace". Ma oggi, chiarisce, "siamo dinanzi ad un fatto nuovo: le catene di contagio si moltiplicano esponenzialmente perché troppi hanno abbassato la guardia e stanno sottovalutando la portata del fenomeno, tanto che il semplice appello al buon senso e alla responsabilità nell'osservanza delle buone pratiche (distanziamento personale, divieto di assembramento, igiene delle mani ) sembrano non essere sufficienti".

21 Ottobre 17:39 In Germania positivo al coronavirus il ministro della Salute Jens Spahn

Il ministro della Sanità tedesco, Jens Spahn, è risultato positivo al coronavirus. Lo ha reso noto il suo ministero precisando che Spahn ora è in auto isolamento nella propria abitazione. Finora infatti il politico della CDU ha sviluppato solo sintomi lievi. "Tutte le persone  entrate in contatto con lui sono monitorate" han spiegato dal governo tedesco.

21 Ottobre 17:30 In Campania nuovo balzo di contagi da coronavirus, 1.760 in 24 ore

In Campania nuovo forte balzo in avanti dei positivi al coronavirus.  Nelle ultime 24 ore sono stati regisrato ulteriori 1.760 casi rispetto ai 1.312 di ieri. Aumentano però anche i tamponi effettuati che sono stati 13.878 contro i precedenti 10.205. I morti nell'ultima giornata sono 11, deceduti tra il 17 ed il 20 ottobre ma registrati nella giornata di ieri.

21 Ottobre 17:24 In Valle D’Aosta 111 nuovi positivi in 24 ore, contagiate la metà delle persone testate

Si conferma grave la situazione dei contagi da coronavirus in Valle d'Aosta dove nelle ultime 24 ore è risultato positivo il 50% delle persone testate. Secondo i dati dell'ultimo bollettino, nelle ultime 24 ore sono stati 111 i contagi in Vale D'Aosta su 220 persone testate e 1555 tamponi effettuati. Da ieri nessun decesso ma si segnalano ulteriori sei ricoveri per covid. La Regione è attualmente quella  con l'indice contagio più alto in Italia e il peggior rapporto tra contagi e residenti.

21 Ottobre 17:15 In Italia ulteriori seicento ricoveri per covid nelle ultime 24 ore

In Italia si registrano ulteriori seicento ricoveri per covid nelle ultime 24 ore mentre sono 56 gli ulteriori posti di terapia intensiva occupati nell'ultima giornata. Sono i dati che emergono dal bollettino odierno dell'emergenza coronavirus in Italia diffuso dal Ministero della salute. attualmente sono 9.057 ricoverate nei normali reparti Covid in Italia mentre sono 926 quelle in terapia intensiva. Nell'ultima giornata effettuati 177.848 tamponi per un tasso di positività in aumento all'8,5%. 

21 Ottobre 16:58 Coronavirus Italia, 15.199 nuovi contagi e 127 morti

Sono 15.199 nuovi contagi da coronavirus in italia e 127 morti per covid registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Sono i dati del bollettino dell'emergenza coronavirus in Italia di oggi mercoledì 21 ottobre. Sono 2.369 guariti nelle ultime 24 ore in Italia. Nel nostro Paese in totale sono 449.648 i casi di contagio dall'inizio della pandemia. In totale invece sono 36.832 i decessi. Attualmente in Italia ci sono 155,442 casi positivi. Oltre alla Lombardia che fa segnare 4.125 nuovi casi , le regioni con più contagi sono il Piemonte con 1.799 contagi e la Campania con 1.760 nuovi positivi.

21 Ottobre 16:45 Conte: “In arrivo nuove misure restrittive anche in altre Regioni”

Dopo Campania e Lombardia nuove misure restrittive in arrivo anche per altre Regioni. Lo ha annunciato il Premier Giuseppe Conte in aula a Palamzzo Madama nel corso dell’informativa in Senato sul dpcm del 18 ottobre. “Vi sono già alcune Regioni che hanno avviato la procedura per arrivare a varare misure più restrittive, come la Lombardia che ha completato il suo iter, e come la Campania. Ma non possiamo escludere nuove misure da parte di altre Regioni. Dobbiamo evitare tutti spostamenti non necessari" ha dichiarato il Presidente del consiglio.

21 Ottobre 16:39 Crisanti: “Evitare lockdown con coprifuoco e chiusura delle scuole”

“Nessuno vuole il lockdown per i danni sociali ed economici che comporta. Ci sono però delle vie di mezzo, che servono a diminuire i contatti sociali, come coprifuoco, limitazione dell’attività degli esercizi pubblici o la chiusura delle scuole" lo ha dichiarato a Fanpage.it Andrea Crisanti, ordinario di microbiologia all’Università di Padova. "Le mascherine sono essenziali ma non bastano. Non possiamo andare avanti con misure di contenimento, aperture e poi di nuovo altre chiusure, perché si viene a creare un'altalena che uccide qualsiasi forma di economia. Va implementato il sistema di tracciamento, che ora è sbriciolato" ha aggiunto Crisanti, concludendo: "Siamo arrivati tardi e con un metodo sbagliato. Avremmo dovuto attuare piuttosto un network tracing. E poi bisognerebbe fare il tampone a tutti. La Cina ha sperimentato su scala gigantesca questo stesso approccio: ha avuto 9 casi in una città e ha fatto 9 milioni di tamponi. I dati di oggi ci dicono che serve un approccio del genere, non possiamo ripetere gli stessi errori".

21 Ottobre 16:30 In Piemonte test rapidi per tutti, l’annuncio del governatore Cirio

In Piemonte test rapidi covid a disposizione di tutti, è questa l'idea del governatore Alberto Cirio per tenere sotto controllo i focolai di contagio da coronavirus in regione. "Abbiamo un milione di test rapidi a disposizione del servizio pubblico regionale. Li usiamo per testare tutte le Rsa del Piemonte ogni 15 giorni da qui alla fine di gennaio, nelle scuole, sul personale sanitario della regione, negli ospedali e nei pronto soccorso, negli uffici sensibili come quelli giudiziari. Ma vogliamo allargare a tutti i privati. Per questo in Piemonte da oggi è possibile, presso tutti i laboratori pubblici e privati, chiedere il test rapido" ha speogato infatti a a Sky Tg24 Alberto Cirio.

21 Ottobre 16:14 Coronavirus, in italia occupato il 10,49% dei posti in terapia intensiva

In Italia attualmente è occupato  il 10,49% dei posti in terapia intensiva. A fornire il dato è stato il ministro per i rapporti con il Parlamento Federico D'Incà, intervenendo in aula alla Camera dei Deputati dove ha risposto  ad una interrogazione parlamentare sull'emergenza covid in Italia in sostituzione del ministro della Salute Roberto Speranza.

21 Ottobre 16:01 Coronavirus Romania, 4.848 casi e 69 morti nelle ultime 24 ore: è record

La Romania ha registrato nelle ultime 24 ore un nuovo record di contagi da coronavirus, 4.848 su 37.025 test effettuati, pari a una incidenza del 13,1%. Come hanno reso noto i responsabili sanitari, da ieri i decessi sono stati 69. Da inizio epidemia i totali ad oggi sono di 191.102 casi e 6.065 vittime. I pazienti in ospedale sono 10.250, dei quali 766 in terapia intensiva.

21 Ottobre 15:49 Boom di contagi in Lombardia, riaprono gli ospedali Fiera di Milano e di Bergamo

Ripartono gli ospedali alla Fiera di Milano e di Bergamo dopo il boom di contagi da coronavirus riscontrati in Lombardia che oggi superano i 4.100. "Le strutture sanitarie temporanee allestite nei padiglioni della Fiera di Milano e di Bergamo riaprono nei prossimi giorni e garantiranno al sistema lombardo i primi 201 posti letto aggiuntivi di cure intensive, che saranno gradualmente occupati"  ha annunciato infatti il governatore della Regione Lombardia, Attilio Fontana, al termine della riunione della Giunta che ha varato uno specifico provvedimento in materia, proposto dall’assessore al Welfare, Giulio Gallera.

21 Ottobre 15:41 In troppi a giocare a calciobalilla, polizia chiude bar per inosservanza norme anticovid

Troppe persone a giocare a calciobalilla, per questo la polizia ha chiuso un bar di Torino per violazione delle direttive anti Covid. L'episodio in via Gorizia dove gli agenti del capoluogo piemontese, nel corso di un sopralluogo, hanno sorpreso tredici persone impegnate intorno al calciobalilla e altre tre sedute al dehors. del bar. L'accesso al locale non era stato contingentato e all'interno non venivano fatti rispettare le indicazioni sul distanziamento fra le persone. Per questo il titolare del bar è stato sanzionato con una multa da 400 euro mentre il locale dovrà chiudere per 5 giorni

21 Ottobre 15:33 Vaccino covid, Irbm Pomezia conferma prime dosi entro dicembre

Le prime dosi di vaccino anticovid arriveranno entro dicembre, lo ha assicurato Piero di Lorenzo, presidente del centro di ricerca Irbm di Pomezia che collabora con l'Università di Oxford per la realizzazione del vaccino anti Covid 19 per AstraZeneca. Secondo Di Lorenzo “se non insorgono problematiche improvvise è ragionevole pensare che la fase clinica di sperimentazione possa concludersi entro fine novembre o i primi di dicembre”. “Conclusa la fase 3 la palla passa all'Ema (l'Agenzia europea del farmaco) per l'eventuale validazione”, che in tempi normali richiede fino a 12 mesi ma in questo caso sarà notevolmente velocizzata. “Questi non sono tempi normali”, spiega Di Lorenzo in un'intervista concessa al sito Financial Lounge ricordando come la procedura di validazione sia già incominciata.

21 Ottobre 15:15 Coronavirus Toscana, 866 contagi e 13 morti covid nelle ultime 24 ore

Sono stati 866 i nuovi contagi da coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Toscana a fronte di 11.629 tamponi eseguiti 7359 persone testate, lo comunica l’unità di crisi locale. Sono 13 invece i decessi per covid nell’ultima giornata in cui si registrano anche 160 guariti. Salgono di 29 unità le persone ricoverate  nei normali reparti covd e di tre unità quelle in terapia intensiva.

21 Ottobre 15:07 Coronavirus Abruzzo, 252 nuovi casi e 5 decessi nell’ultima giornata

Sono 252 i nuovi casi di contagio da coronavirus in Abruzzo nelle ultime 24 ore. Lo comunica l'Assessorato regionale alla Sanità informando anche di ulteriori 5 decessi per covid che portano il ttale dei morti a 500. Dei nuovi casi, 148 sono riferiti a tracciamenti di focolai già noti. Gli attualmente positivi in Abruzzo  sono 3.091 (+246 rispetto a ieri).

21 Ottobre 14:51 Record di contagi in Lombardia, oltre 4.100 nuovi positivi in 24 ore

Nuovo record di contagi da coronavirus in Lombardia dove nelle ultime 24 ore si registrano 4.126 nuovi positivi. Lo rende noto il Tgr Rai spiegando che la regione è pronta a una ulteriore ordinanza restrittiva. Nella sola città metropolitana di Milano i nuovi casi registrati nell'ultima giornata sono oltre 1.800. Crescono però anche i tamponi che sono passati da 21mila a 36mila. Intanto entra in vigore il coprifuoco chiesto dallo stesso Governatore Attilio Fontana. In Lombardia infatti è vietato uscire dalle 23 alle 5 a partire da giovedì 22 ottobre, consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o d'urgenza ovvero per motivi di salute e con autodichiarazione per certificare gli spostamenti. L'ordinanza, emanata oggi dalla regione Lombardia e firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza, è valida fino al 13 novembre 2020.

21 Ottobre 14:38 Ricciardi: “Milano e Napoli già fuori controllo, ora bloccare la mobilità”

Walter Ricciardi
in foto: Walter Ricciardi

"Milano, Napoli, probabilmente Roma sono già fuori controllo sul piano del contenimento dell'epidemia, cioè test e tracciamento. Quando non riesci a contenere devi mitigare, ossia devi bloccare la mobilità", lo ha dichiarato Walter Ricciardi, professore di Igiene generale e applicata e consigliere del Ministro della Salute Roberto Speranza per il coordinamento con le istituzioni sanitarie internazionali. Secondo Ricciardi le decisioni prese rischiano di non riuscire a bloccare "il dilagare del virus, che non conosce confini". Per questo "Dobbiamo resettarci per prendere le decisioni giuste al momento giusto e non quando è troppo tardi. E' chiaro che se si decide quando ci sono le bare è facile, la gente sarà spaventata, ma sono decisioni che vanno prese due, tre, quattro settimane prima. La politica sia coraggiosa, se non hai sicurezza e salute non puoi avere una buona economia" ha aggiunto Ricciardi.

21 Ottobre 14:26 Zaia: “In Veneto nessuna ipotesi di lockdown”

In Veneto nessuna ipotesi di lockdown come invece avvenuto in altre regini d'Italia dopo la nuova ondata di contagi da coronavirus. "In Veneto in questo momento il tema del lockdown, assolutamente non c’è, non lo prendiamo in considerazione" ha dichiarato infatti il governatore del Veneto Luca Zaia, intervenendo in Consiglio regionale. "Oggi abbiamo 66 pazienti in terapia intensiva e guardiamo con attenzione a questa evoluzione. I modelli dicono che la curva è entrata nella fase di crescita. Il nostro ruolo è fare in modo che si impenni con gradualità e che si alzi il meno possibile" ha aggiunto Zaia

21 Ottobre 14:12 Palermo, neonata positiva al Covid abbandonata in ospedale dalla mamma

Una donna ha lasciato la figlia neonata nell'ospedale dei bambini a Palermo dopo l'esito del tampone sul Covid che ha segnalato la positività della piccola. Al momento la mamma è irreperibile. "Il personale medico ha tentato per giorni di contattare la madre – spiega la dottoressa Marilù Furnari, della direzione sanitaria del Di Cristina – Ma non siamo riusciti a raggiungerla. A quel punto abbiamo avvisato le forze dell'ordine del possibile abbandono della piccola".

21 Ottobre 14:08 Coronavirus Umbria, più nuovi casi (350 in 24 ore) ma rallentano ricoveri

Nuovo balzo dei nuovi contagi in Umbria, 350 nell'ultimo giorno con un più 80 per cento rispetto al dato di ieri, 5.453 totali dall'inizio della pandemia. Secondo quanto riporta la Regione rallenta invece l'incremento dei ricoverati, passati da 170 a 172, mentre rimangono stabili a 20 quelli in intensiva. Segnalati invece due nuovi morti nell'ultimo giorno, 95 totali, e 68 guariti, 2.398 in tutto. Gli attualmente positivi sono 2.960. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 3.688 tamponi, 262.392 totali.

21 Ottobre 14:03 Volontario vaccino: “Secondo me dicembre è un’aspettativa ragionevole”

"A fine giugno ho visto su Facebook una richiesta di volontari quindi ho contattato gli organizzatori del vaccino e sono stato selezionato. Dopo una settimana mi hanno fatto un’iniezione e chiaramente quello che io non so è se era il placebo oppure il vaccino. L’iniezione mi è stata fatta a giugno una prima dose e ad oggi sono stato sempre bene mentre agli inizi di settembre ho fatto il richiamo perché durante la sperimentazione il protocollo è cambiato e mentre un gruppo di candidati ha fatto una sola iniezione un altro gruppo ha fatto il richiamo.Penso che se non ci sono nuovi stop che io sappia hanno iniziato la produzione del vaccino e secondo me dicembre è un’aspettativa ragionevole, anche il governo in Inghilterra aspetta il vaccino intorno a Natale". Lo ha dichiarato Antonio Metastasio, psichiatra e geriatra di Terni impegnato nella sperimentazione del vaccino per il Covid che AstraZeneca sta sviluppando con l'Università di Oxford, ad Ogni Mattina su Tv8.

21 Ottobre 13:59 Repubblica Ceca annuncia lockdown parziale per arginare la diffusione del coronavirus

Il governo ceco annuncia un lockdown parziale per arginare la diffusione del coronavirus. La misura prevede uno stop ai movimenti e i contatti tra le persone e la chiusura di negozi e servizi. "Il governo frenerà i movimenti e i contatti tra le persone, ad eccezione dei viaggi di lavoro e degli spostamenti per fare la spesa e per motivi di salute", ha detto il ministro della Salute, Roman Prymula. Da domani fino al 3 novembre chiusi anche tutti i negozi di vendita al dettaglio, tranne alimentari e farmacie. Il 5 ottobre le autorità avevano dichiarato lo stato di emergenza e avevano chiuso scuole, bar e ristoranti.

21 Ottobre 13:52 Coronavirus Slovenia: 1.503 contagi in 24 ore

La Slovenia ha registrato un record di 1.503 casi giornalieri di Covid-19 per un totale di 15.982 contagi dall'inizio dell'epidemia. A riportare i dati è il Guardian aggiungendo che i decessi contabilizzati finora nel Paese dell'Europa orientale sono 200. Da questa settimana la Slovenia ha introdotto un coprifuoco dalle 21 alle 6 e uno stato di emergenza di 30 giorni per far fronte al coronavirus.

21 Ottobre 13:44 Coronavirus Croazia, record di contagi nelle ultime 24 ore con 1.424 positivi

La Croazia ha registrato un record nei contagi con 1.424 casi di coronavirus nelle ultime 24 ore. Lo riferisce la stampa locale che rilancia i dati delle autorità sanitarie nazionali. I nuovi decessi sono 11. Il maggior numero di nuovi casi è stato registrato nella capitale Zagabria, con 337 positivi nelle ultime 24 ore. Attualmente sono 24.242 le persone in autoisolamento nel paese. I test effettuati nelle ultime 24 sono 8.255 a fronte di un numero complessivo di test pari a 411.947 dall'inizio della pandemia.

21 Ottobre 13:31 L’Australia registra il suo primo caso di reinfezione

L’Australia ha registrato il suo primo caso di reinfezione. A spiegarlo il premier dello Stato di Victoria Daniel Andrews. Il paziente sarebbe risultato positivo per la prima volta a luglio, sarebbe guarito e poi sarebbe di nuovo tornato positivo a ottobre. Non è ancora chiaro se si tratti esattamente di reinfezione o se il virus non fosse mai andato via dall’organismo del paziente sotto osservazione.

21 Ottobre 13:14 Lopalco: “Con aumento di casi in Puglia avremo ospedali intasati”

In Puglia "se i numeri aumentano troppo, arriverà a un certo punto" che i ricoveri intaseranno il sistema ospedaliero. Lo ha detto l'assessore regionale pugliese alla Sanità, Pierluigi Lopalco, durante la trasmissione ‘The Master Class' che andrà in onda questa sera alle 20 su Amica 9 Tv in collaborazione con La Gazzetta del Mezzogiorno, l'Ordine dei Giornalisti e l'Ufficio scolastico regionale. "Abbiamo aperto tutte le terapie intensive che potevamo aprire, ma c'è un limite oggettivo che è dato dal numero di anestesisti", ha precisato l'epidemiologo.

21 Ottobre 12:58 Crisanti: “Irrealistico un vaccino anti-Covid tra due mesi”

Andrea Crisanti, ordinario di microbiologia all’Università di Padova, ha smentito alcune dichiarazioni del presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla possibilità di avere un vaccino anti-Coronavirus entro la fine dell’anno: “Mandare messaggi dicendo che avremo l’antidoto fra uno o due mesi sicuramente intercetta le aspettative di tutti quanti, ma lo vedo piuttosto irrealistico”, ha detto Crisanti intervenendo alla trasmissione Buongiorno su Sky TG24. "Forse – ha aggiunto l'esperto – fra due mesi qualcuno dirà che abbiamo un vaccino, ma tra dirlo e fare uno studio pilota e poi distribuirlo passano tanti mesi".

21 Ottobre 12:55 Coprifuoco Lombardia, firmata l’ordinanza che vieta di uscire dalle 23 alle 5

Ora è ufficiale: in Lombardia vietato uscire dalle 23 alle 5 a partire da giovedì 22 ottobre, consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o d'urgenza ovvero per motivi di salute, in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza e autodichiarazione per certificare gli spostamenti: sono le misure contenute nell'ordinanza emanata oggi dalla regione Lombardia e firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza e dal presidente della Regione, Attilio Fontana valida fino al 13 novembre 2020.

21 Ottobre 12:45 Oms: l’Europa ha raggiunto un nuovo record nei casi settimanali di Coronavirus

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha fatto sapere che l'Europa ha raggiunto un nuovo record nei casi settimanali di Coronavirus la scorsa settimana, registrandone oltre 927.000. Secondo l'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, l'Europa ha registrato un picco del 25 percento di casi confermati la scorsa settimana ed è responsabile del 38 percento di tutti i nuovi casi segnalati in tutto il mondo. Russia, Repubblica Ceca e Italia rappresentano più della metà dei nuovi casi di Covid-19 in Europa.

21 Ottobre 12:31 Coronavirus Polonia, record di nuovi casi: più di 10.000 in 24 ore

In Polonia il numero totale di infezioni da Covid-19 confermate è raddoppiato in meno di tre settimane e ora supera i 200.000: lo ha affermato il ministero della salute, dopo aver annunciato un nuovo record giornaliero di 10.040 casi registrati in 24 ore. A partire da mercoledì, i pazienti affetti da coronavirus ricoverati in ospedale sono 9.439 di cui 757 sono intubati, rispetto a 8.962 e 725 rispettivamente del giorno prima.

21 Ottobre 12:20 Caltanissetta, ricoverato 18enne con Covid: condizioni si sono aggravate rapidamente

“Non avevamo mai visto un ragazzo così giovane con questo quadro clinico”: lo dice il primario del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale Sant'Elia di Caltanissetta parlando di un 18enne ricoverato dopo essere risultato positivo al coronavirus e aver accusato gravi sintomi della malattia. Il ragazzo, residente a Mazzarino, era risultato positivo nei giorni scori ed era finito in isolamento domiciliare ma le sue condizioni si sono aggravate rapidamente fino a richiedere il ricovero urgente e il trasferimento nel covid center di Caltanissetta.

21 Ottobre 12:18 Focolaio Covid alla Rsa San Raffaele a Borbona (Rieti)

Focolaio di coronavirus alla Rsa San Raffaele a Borbona, nella provincia di Rieti. Risultano positivi 52 pazienti e 15 operatori.  La struttura è stata isolata ed è in corso l'indagine epidemiologica.

21 Ottobre 12:14 Focolaio Covid nel centro tamponi di Treviso: 9 positivi

Nove operatori positivi al Coronavirus nel punto tamponi della Madonnina di Treviso. Immediato l’avvio dello screening sui quasi 200 lavoratori. Il Covid ha colpito anche il centro operativo dei tamponi dell’azienda sanitaria trevigiana. I 9 contagi sono tra il personale del servizio di igiene e sanità pubblica, medicina legale, servizio igiene degli alimenti e della nutrizione, Spisal e servizio programmi di screening. Il via ai controlli dal servizio di Igiene pubblica dove vengono tracciati i contatti dei positivi nel territorio.

21 Ottobre 12:10 Nessun contagio locale da Covid-19 in Cina continentale

Nessuna nuova infezione trasmessa a livello locale è stata segnalata ieri in Cina continentale, dove invece sono stati registrati altri 11 casi confermati provenienti dall'estero. Lo rende noto il bollettino della Commissione Sanitaria Nazionale cinese. Guangdong e Sichuan hanno riportato tre nuovi casi di Covid-19 ciascuno, Shanghai e Henan due casi ciascuno. In Cina continentale non si registrano altri decessi o nuovi casi sospetti correlati al nuovo coronavirus. Altri 22 pazienti colpiti da Covid-19 in Cina continentale sono stati dimessi dagli ospedali dopo essersi ripresi. Fino alla serata di ieri, la Cina continentale aveva registrato un totale di 3.153 casi di infezione arrivati da altri Paesi. Tra questi, 2.918 sono già stati dimessi da vari ospedali dopo essere guariti e 235 risultano ancora ricoverati. Non si segnalano decessi tra i casi positivi al coronavirus arrivati in Cina dall'estero.

21 Ottobre 12:07 Stretta delle Regioni, governo lavora a protocollo sulle linee guida

Il governo sarebbe al lavoro su un protocollo sulle linee guida che fissino le regole comuni da seguire per le misure contenute nelle varie strette anti-covid decise dalle Regioni. Il documento stabilisce dei criteri generali che servono a coordinare i territori, in accordo con il governo stesso. Lo si apprende da ambienti del ministero delle Autonomie. "Si stanno definendo misure restrittive ma localizzate. Dobbiamo entrare nella prospettiva che misure restrittive possono essere disposte a livello territoriale da presidenti di Regione e sindaci laddove la situazione critica diventi particolarmente preoccupante", ha detto ieri Conte, aggiungendo che bisogna "mantenere un coordinamento nazionale, costante dialogo e collaborazione in particolare con il ministro della Salute". In merito a un eventuale nuovo Dpcm fonti di Palazzo Chigi fanno notare che "si tratta soltanto di mere ipotesi che non trovano alcun fondamento allo stato attuale perché è tutto vincolato all'andamento della curva epidemiologica, su cui c'è la massima attenzione da parte del Governo".

21 Ottobre 11:58 Sequestrate 2 milioni di mascherine illegali in Sardegna

Un imprenditore calabrese è stato arrestato dalle Fiamme gialle di Cagliari. Avrebbe fornito alla Regione Sardegna mascherine "non regolari" sulla base di un appalto da circa 18 milioni di euro. Da quanto si apprende sono state sequestrate circa due milioni di mascherine, mentre è in corso il sequestro dei conti correnti dell'imprenditore che ha ricevuto il denaro della Regione. Una parte delle mascherine, secondo quanto emerso dagli accertamenti delle Fiamme gialle del Nucleo di polizia economia e finanziaria, non erano conformi alla normativa mentre altre non avevano la giusta documentazione.

21 Ottobre 11:46 In tilt il pronto soccorso di Oristano, fila di 10 ambulanze

Al San Martino di Oristano non c'è più posto e così ieri sera – come rilevano i quotidiani regionali – si è formata una fila di almeno 10 ambulanze davanti al nosocomio. Pazienti in attesa di essere visitati nella struttura di emergenza-urgenza e rimasti fuori per alcune ore fino a quando non si è deciso di trasferirli al pronto soccorso di San Gavino, nel Sud Sardegna, a Bosa (Oristano) e a Cagliari. Nel frattempo a Oristano, come nel vicino ospedale di Ghilarza, saranno presto aperti nuovi reparti Covid. In particolare quest'ultimo presidio dovrebbe avere l'effetto di decongestionare l'afflusso al San Martino.

21 Ottobre 11:37 Coronavirus Spagna, Madrid verso il coprifuoco dalla mezzanotte

Madrid si prepara a un coprifuoco per limitare i contagi da coronavirus. Il responsabile regionale della Salute, Enrique Ruiz Escudero, ha detto che si sta preparando un'ordinanza per limitare la mobilità dalla mezzanotte alle 6 del mattino quando sabato terminerà lo stato di allarme, in vigore da due settimane nella comunità. Lo riferisce El Pais.

21 Ottobre 11:32 Pregliasco: “Mai come quest’anno per categorie a rischio fondamentale immunizzarsi contro l’influenza”

"Mai come quest'anno per le categorie a rischio immunizzarsi contro il virus influenzale è fondamentale perché, vaccinandosi contro l'influenza, si evita la possibilità di generare confusione con il Covid-19 visto che i sintomi sono sovrapponibili". Lo ha detto il virologo Fabrizio Pregliasco, Direttore Sanitario I.R.C.C.S. Istituto Ortopedico Galeazzi, in occasione della ripartenza dei servizi del portale www.osservatorioinfluenza.it che, in questo particolare momento storico, non potranno non considerare l'emergenza Covid-19. Quest'anno, il portale non si porrà infatti solo come punto di riferimento sul tema dell'influenza e della vaccinazione, ma anche sull'andamento del coronavirus e delle patologie parainfluenzali offrendo a cadenza quindicinale dei momenti di aggiornamento. "Fondamentale – aggiunge Pregliasco – è anche vaccinare i bambini, il cui sistema immunitario è più vulnerabile, in modo tale da non confondere i sintomi e non correre negli ospedali temendo che sia di peggio. Quest'anno nella fascia della fragilità sono infatti compresi anche i bambini e ed è stata abbassata a 60 anni l'età di coloro che rientrano nelle categorie per le quali il vaccino è raccomandato e gratuito".

21 Ottobre 11:22 Guerra (Oms): “Non credo sarà necessario attendere il 2022 per avere un vaccino”

"Non credo" sarà necessario attendere il 2022 per avere un vaccino disponibile per tutta la popolazione italiana perché "un prototipo sarà convalidato entro la fine di quest'anno" e per la produzione si guarda "a grandi bacini produttivi, non solo localizzati in Europa", come l'India a cui "sono già state avanzate una serie di proposte industriali". A dirlo, intervenendo alla trasmissione Agorà su Rai Tre, è Ranieri Guerra, vice direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e componente del Comitato tecnico scientifico (Cts).  Abbiamo oggi, ha ricordato Guerra, tre vaccini anti Covid "per i quali è stato depositato il dossier alle agenzie regolatorie, che li stanno esaminando. Inoltre ne abbiamo 29-30 in fase avanzata d sviluppo, molti dei quali stanno dando risultati preliminari buoni. Credo che entro fine anno avremo il prototipo convalidato e inizierà la produzione industriale e la strutturazione di una logistica estremamente complicata". Alla domanda se, come pronosticato dalla Pfizer, una delle aziende coinvolte nello sviluppo, si debba aspettare il 2022 per vaccinare tutta la popolazione italiana contro il Sars-Cov-2, l'esperto risponde: "Non credo, perché stanno andando avanti accordi industriali con grandi bacini produttivi, non solo localizzati in Europa. L'India è il gigante della produzione del vaccino nel mondo, sono stati contattati e hanno già avanzato una serie di proposte industriali. Sarà probabilmente – ha concluso – un problema di equità economico finanziaria, bisognerà calmierare la componente commerciale, affinché tutti possano avere la possibilità di accedere al vaccino e la negoziazione è in corso".

21 Ottobre 11:13 Repubblica Ceca, nuovo record di contagi Covid: 11.984 in un giorno

I casi di contagio registrati in Repubblica Ceca nella giornata di ieri sono stati 11.984. Si tratta dell'ennesimo nuovo record giornaliero per il Paese, il cui numero di casi attivi è di 113.219. Secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa Ctk, che cita i dati aggiornati del ministero della Sanità, i ricoverati al momento sono 4.065, di cui 634 in condizioni critiche. Ad oggi il numero totale dei morti è 1.619, oltre la metà dei quali si concentrano nel solo mese di ottobre.

21 Ottobre 11:05 Coronavirus Marche, 226 nuovi positivi in 24 ore

Altro picco di contagi nelle Marche: sono stati rilevati 226 positivi – per la seconda volta nel mese sopra i 200 dopo i 204 comunicati il 17 ottobre – nelle ultime 24 ore ma su un numero consistente di tamponi nel percorso nuove diagnosi, cioè 1.486. In tutto, fa sapere il Servizio Sanità della Regione, i campioni analizzati sono stati 2.540 di cui 1.054 nel percorso "guariti". È Ascoli Piceno la provincia con più casi nell'ultima giornata (67); seguono Macerata (53), Ancona e Fermo (entrambe 36) e Pesaro Urbino (26); 8 provengono da fuori regione. I nuovi contagi comprendono soggetti sintomatici (21), contatti in setting domestico (61), contatti stretti di casi positivi (60), in setting lavorativo (6), in ambiente di vita/divertimento (17), rientri dall'estero (4 dalla Romania), nel setting assistenziale (2); inoltre ci sono casi per contatti in setting scolastico/formativo (12) e nello screening in ambito sanitario (3). Di 41 casi si stanno effettuando le indagini epidemiologiche.

21 Ottobre 10:59 Coronavirus Usa, oltre 60.000 nuovi casi

Gli Stati Uniti hanno registrato altri 60.315 casi di Coronavirus, che portano a 8.273.296 il totale dei contagi dall'inizio della pandemia. Stando agli ulti dati diffusi dalla Johns Hopkins University, nelle ultime 24 ore sono morte altre 933 persone, per complessivi 221.052 decessi. Secondo quanto scrive oggi il New York Times, "una terza ondata di coronavirus ha ormai preso saldamente piede in gran parte degli Stati Uniti". Un'ondata che sta colpendo in modo particolare il Midwest e la zona occidentale del paese, e che "minaccia di essere la peggiore della pandemia". La scorsa settimana il paese ha registrato in media circa 59.000 nuovi casi al giorno, il dato più alto dall'inizio di agosto.

21 Ottobre 10:55 Coronavirus Germania, aumento di contagi record: 7.595 in 24 ore

La Germania ha registrato 7.595 nuove infezioni nelle ultime 24 ore, il secondo valore più elevato dall'inizio della pandemia. Sono i dati dell'istituto Robert Koch, che comunica inoltre 39 nuovi decessi. Si tratta di un forte aumento rispetto ai 5.132 nuovi casi registrati il mercoledì della settimana scorsa. La Germania ha contato complessivamente 380.762 infezioni e 9.875 morti.

21 Ottobre 10:48 Coronavirus Veneto, boom di nuovi positivi: 1.422 in un giorno

Impennata di contagi in Veneto. Sono +1.422 in un giorno, un dato doppio rispetto ai peggiori dati della prima ondata. Gli infetti totali passano dai 36.843 di ieri a 38.265 di oggi. Ci sono anche 14 vittime, che portano il numero complessivo dei morti a 2.282. Lo riferisce il bollettino della Regione. L'impennata si riscontra soprattutto nella provincia di Venezia, +504, mentre in termini assoluti resta Verona quella con il maggior numero di infetti dall'inizio dell'epidemia, 8.168. I casi attualmente positivi salgono a 11.433. I soggetti in isolamento fiduciario sono 13.619 (+434). Scendono i numeri dei ricoverati nei normali reparti ospedalieri, 524 (-13), crescono invece i pazienti nelle terapie intensive, 66 (+5). Ma dalla Regione spiegano che l'importante incremento di casi è dovuto in buona misura a un motivo contabile: il caricamento di quota parte dei dati degli ultimi 6 giorni delle microbiologie delle Ulss di Venezia, aggiornati dagli informatici a seguito di modifiche introdotte nel sistema di rilevazione. Dal 15 ottobre in poi, infatti, solo parte dei dati veneziani erano confluiti nel bollettino regionale – il 19 ottobre, ad esempio, un solo caso in più, il 20 soltanto 12 – Con lo stock dovuto all'aggiornamento odierno, Venezia è salita di 504 casi. Ma il dato, si precisa, non è dovuto a nuovi focolai Covid nella provincia.

21 Ottobre 10:42 Governo al lavoro su nuove restrizioni: le ipotesi di chiusure nel weekend

Il governo potrebbe introdurre nuove restrizioni già nel weekend nel tentativo di piegare la curva dei contagi di coronavirus in crescita. Se i nuovi casi di Covid-19 dovessero continuare ad aumentare a questo ritmo, non resterebbe che inasprire le norme in vigore. Oltre ai luoghi della movida, finiti al centro di uno scontro tra governo e sindaci, ci potrebbero essere altre chiusure. L'attenzione rimane alta sui trasporti pubblici, per cui si potrebbe decidere di limitare ulteriormente la capienza massima consentita a bordo o di aumentare i mezzi in circolazione in modo da diminuire il carico. Nel frattempo resta in mano ai governatori la possibilità di introdurre misure più restrittive. Se dovesse arrivare un nuovo Dpcm già questo fine settimana, sarebbe il terzo in un mese.

21 Ottobre 10:28 Arezzo, 28 positivi al Covid-19 in un istituto per la riabilitazione dei disabili

Sono 28 le persone risultate positive all'interno dell'istituto Agazzi di Arezzo, una struttura socio-sanitaria per la riabilitazione e assistenza ai disabili. Lo comunica la direzione dell'istituto. A risultare positivi al Covid-19 durante il monitoraggio 5 operatori, di questi quattro sono asintomatici e uno invece è sintomatico. Dopo aver ricevuto i risultati, la direzione dell'istituto ha anticipato i tamponi che erano previsti anche per gli ospiti della struttura evidenziando 23 positivi al Covid, quasi tutti asintomatici. Anche altri utenti della struttura sono risultati debolmente positivi e adesso sono in attesa di ripetere il tampone. Tutti i positivi sono stati collocati in un'area specifica con personale dedicato in accordo con la Asl Toscana Sud Est.

21 Ottobre 10:14 Coronavirus Russia: 317 morti in 24 ore, mai così tanti

In Russia si sono registrati 317 decessi provocati dal Coronavirus nelle ultime 24 ore: mai così tanti dall'inizio dell'epidemia. I contagi dell'ultima giornata sono 15.700 e fanno salire a 1.447.335 il totale dei casi di Covid-19 finora accertati nel Paese di circa 144 milioni di abitanti. Stando ai dati ufficiali, in Russia 24.952 persone sono decedute a causa del morbo. Lo riporta il centro operativo nazionale anti-coronavirus.

21 Ottobre 10:00 Coronavirus Puglia: 16 alunni positivi, chiuse due scuole nel Brindisino

Sette bambini sono risultati positivi nella scuola elementare Don Milani di Villa Castelli (Brindisi): di questi sei si trovano in una classe, uno in un altra classe. Lo ha annunciato il sindaco Giovanni Barletta, che ha poi disposto la chiusura della scuola fino al 2 novembre, d'accordo con il dipartimento di prevenzione della Asl e con la dirigente scolastica. "Sono certo che a scuola venga fatto tutto nel migliore modo possibile. Va fatto un esame di coscienza per quello che avviene all'esterno – ha detto il sindaco – non è possibile organizzare feste, compleanni, cerimonie per le prime comunioni in questo momento. Non è il momento di festeggiare, se vogliamo uscirne". A Ostuni, invece, sono nove i ragazzi positivi al Covid-19 in un unica classe della scuola media "Orlandini Barnaba". Anche in questo caso il sindaco, Guglielmo Cavallo, ha disposto la sospensione delle attività scolastiche in presenza fino al 30 ottobre. Tutti i familiari conviventi con i bambini sono stati posti in isolamento. Il sindaco ha chiesto alla Asl tamponi per tutti gli studenti e gli insegnanti della scuola.

21 Ottobre 09:44 Il ministro Speranza: “Necessario stare a casa il più possibile”

"C'è bisogno nelle prossime ore di ridurre le occasioni di contagio, evitare uscite, spostamenti non necessari, e significa anche stare a casa il più possibile. Dobbiamo capire che ci sono attività essenziali che è giusto continuare e attività che ciascuno di noi può ritenere oggi meno indispensabili. Queste è giusto provare a rinviarle, per evitare che il contagio possa crescere nelle prossime settimane". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza intervento su La7 nel corso della trasmissione Di Martedì. Secondo il ministro ci sono ancora i margini per piegare la curva della diffusione del coronavirus ed evitare così un lockdown. "Lavoriamo giorno e notte per evitare il lockdown ma i numeri dei prossimi giorni non sono scritti in cielo, dipendono dalle misure – ha detto -., Chiedo alle persone di fare uno sforzo per evitare spostamenti inutili, uscite inutili".

21 Ottobre 09:26 Coprifuoco Lombardia, Salvini frena: chiesto confronto con Fontana

È attesa per oggi l'ordinanza della Regione Lombardia per l'attuazione a partire del coprifuoco dalle 23 alle 5 valida per le prossime tre settimane. Il leader della Lega Matteo Salvini non è convinto della decisione assunta all'unanimità con sindaci dei capoluoghi e Anci, motivo per cui ha richiesto un confronto con il governatore Attilio Fontana. I dubbi di Salvini, che non vorrebbe alcuna chiusura e un lavoro in presenza, comunque, non dovrebbero rallentare di molto la pubblicazione dell’ordinanza.

21 Ottobre 09:15 Coronavirus Campania, l’ordinanza di De Luca: stop spostamenti tra province e scuole elementari chiuse

È stata approvata l’ordinanza annunciata dal governatore campano Vincenzo De Luca che blocca gli spostamenti tra le province della regione, tranne che per motivi d’urgenza con una autocertificazione, e detta le linee della nuova fase di chiusure necessarie per contrastare l’impennata di contagi da Coronavirus. Rivista in Campania la decisione sulle scuole elementari, che a differenza di quanto detto nella giornata di ieri per ora resteranno chiuse. L’ordinanza vara anche una zona rossa nel comune di Arzano (Napoli).

21 Ottobre 09:00 Vineis: “Evitare mescolanza tra giovani e anziani, coprifuoco va nella giusta direzione”

"Va evitata la mescolanza tra giovani e anziani e vanno assolutamente evitati fenomeni come quello della movida: il coprifuoco va nella direzione giusta". Lo ha detto Paolo Vineis, professore di Epidemiologia ambientale all'Imperial College di Londra, intervenendo a "Radio anch'io" su Rai Radiouno.

21 Ottobre 08:43 Torino, in 59 a festeggiare un battesimo: multati

Ieri i carabinieri a Carmagnola (Torino) hanno proceduto a contestare sanzioni amministrative relative alla normativa anti-Covid a 59 persone che, domenica scorsa, in un ristorante del luogo, hanno partecipato a un pranzo per festeggiare un battesimo. Anche il titolare dell'esercizio pubblico è stato multato.

21 Ottobre 08:27 Coronavirus, negli Stati Uniti quasi 300.000 morti in più del normale

Negli Stati Uniti quest'anno sono morte quasi 300.000 persone in più di quanto fosse lecito attendersi sulla base delle tendenze storiche: oltre due terzi di questi decessi sono stati causati dal Covid-19 (secondo i dati della Johns Hopkins University, sono stati finora 220.000 i morti causati dal Coronavirus nel Paese); il resto da altre cause. È quanto reso noto da un rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention, l'agenzia di controllo sulla sanità pubblica statunitense. Il rapporto ha confermato che il Covid-19 ha pesato in maniera sproporzionata, in termini di costi di vita umana, su latinamericani e neri; ma ha anche rilevato che il virus ha colpito duramente le persone di età compresa tra i 25 e i 44 anni: in questa fascia d'età l'incidenza di morte è aumentata del 26,5 percento rispetto agli anni precedenti, un picco che non si è registrato in nessun'altra fascia d'età. Resta da capire se tale picco sia stato causato dal fatto che, tra maggio ed agosto, il Covid-19 ha cominciato a colpire fasce più giovani oppure da altre cause.

21 Ottobre 08:15 Arcuri: “Daremo alle regioni la possibilità di arrivare a 200.000 tamponi al giorno”

Secondo Domenico Arcuri, commissario straordinario all’emergenza Covid 19, non stiamo tornando alla situazione di marzo in primo luogo per la geografia: in primavera ha pagato un prezzo altissimo una parte del Paese, ora il contagio da Coronavirus è più distribuito. Poi secondo Arcuri, che ha parlato dell'emergenza Coronavirus in una intervista al Corriere della Sera, in primavera il virus circolava negli ospedali e nelle residenze per anziani; oggi l’80 percento dei contagi avviene in casa: “I ragazzi lo prendono fuori e lo portano in famiglia. L’età media dei contagiati era di 70 anni, oggi di 40. Eravamo secondi al mondo per contagiati, l’epicentro dell’Europa. Oggi siamo 16esimi e dietro diversi Paesi europei. Ma non possiamo abbassare la guardia. Dobbiamo mettere in pratica tutto quello che abbiamo imparato, vale per le istituzioni così come per i cittadini”. È fondamentale – aggiunge Arcuri – che gli italiani mantengano la disciplina dimostrata in primavera e mi pare siano già tornati a praticarla, magari anche applicando qualche sanzione”. Arcuri ricorda poi che ora oltre il 70% dei testati è asintomatico: “Il senso di ciò che abbiamo imparato è questo: rintracciare il virus sempre prima, curare le persone a casa sempre di più”. Bisogna attivare i medici di base: “Facciamo ormai stabilmente oltre 100.000 tamponi molecolari al giorno e ci stiamo attrezzando per chiudere il gap fra domanda e offerta. Daremo alle regioni molto presto la possibilità di arrivare a 200.000 tamponi al giorno. Stiamo chiudendo l’offerta pubblica per i test rapidi antigenici e ne compreremo 10 milioni, non più cinque. Li distribuiremo alle ASL, ma anche nelle scuole, nei porti, negli aeroporti, e ai medici di base”.

21 Ottobre 08:05 Brusaferro: “La curva cresce velocemente e deve farci preoccupare, evitare incontri non necessari”

La pandemia non è fuoricontrollo, "ma la crescita dei contagi è significativa, specie in alcune zone del Paese". Per questo "è necessario intervenire tempestivamente per modificare l’andamento dell’epidemia. È importante che ci sia un’allerta nazionale oltre a misure più restrittive e mirate in ambiti regionali e locali, come ad esempio sta avvenendo in Lombardia e Campania dove il virus si sta diffondendo più velocemente". Lo spiega Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di Sanità e componente del Comitato tecnico scientifico (Cts), al Corriere della Sera. Brusaferro tratteggia lo scenario in evoluzione dei contagi da Coronavirus: "La pandemia non è sfuggita di mano. Possiamo tornare indietro anche in quelle regioni a una condizione più controllata, sapendo che dovremo mantenere alta l’attenzione nei prossimi mesi preparandoci a intervenire velocemente se la curva si rialzerà". La strategia per contenere il virus è "limitare i contatti a quelli necessari evitando tutte le occasioni in cui ci può essere il rischio trasmissione. Salvaguardando però attività essenziali, come lavoro e scuola. Dobbiamo affrontare nei prossimi mesi una nuova normalità". Quindi, limitare la vita sociale e tutelare le persone fragili. "Non dico non uscite, evitate però feste, momenti conviviali e incontri non necessari. È una raccomandazione. Il virus circola". Possibile un ulteriore lockdown? "La curva cresce velocemente e questo deve farci preoccupare. Nel documento nazionale dove si ipotizzano quattro scenari si parla di restrizioni progressive ed estese. Oggi è tempo di essere molto attenti".

21 Ottobre 07:52 Remuzzi: “Bisogna far capire a chi ha più di 65 anni che dovrebbe stare a casa”

"Sulle 36.000 persone che sono morte, 33.000 avevano più di 65 anni. Bisognerebbe far capire a questa categoria che, per qualche settimana, se non c’è una ragione forte, loro dovrebbero proteggersi e così proteggerebbero tutto il sistema". A chiedere all'over 65 di stare a casa è il professor Giuseppe Remuzzi, direttore dell'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano. "La fascia delicata è quella tra 65 e 75 anni: di solito non lavorano, ma sono persone attive e vanno in giro. Se riuscissimo a compiere un'azione di convincimento, sarebbe molto preziosa", spiega il professore. "In primavera avevamo a casa persone che sarebbero dovute stare in ospedale perché stavano veramente male e magari poi sono morte. Oggi invece in pronto soccorso arrivano persone che, se avessimo un altro tipo di sistema, potrebbero stare a casa", ha aggiunto.

21 Ottobre 07:43 Galli: “Trend preoccupante, nel mio reparto è tornata l’aria di marzo”

"Il trend è molto preoccupante. Bisogna intervenire presto e arrivare a bloccare e invertire la tendenza nelle prossime due settimane. Altrimenti, in termini di gravità, la situazione somiglierebbe terribilmente a quello che abbiamo già vissuto. A marzo siamo stati colti di sorpresa, avevamo migliaia di casi prima di accorgerci della malattia". A parlare è Massimo Galli, responsabile del reparto malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, intervenuto a Cartabianca. "Nel mio reparto, l'aria è tornata l'aria di quei mesi: ci sono molte persone con una malattia grave e non sono quelle già in rianimazione". "Era prevedibile da un paio di settimane che si sarebbe arrivati a questo punto. Ora bisogna invertire la tendenza, bisogna fare subito cose per non doverne fare di peggiori dopo. Le misure prevedevano correttivi che potevano essere adottati nelle singole realtà. In alcuni contesti la situazione impone di fare di più e implica la necessità di interventi più decisi. L'indicazione chiara e forte su cui sono chiamati i cittadini ad aderire è ‘state a casa il più possibile' e evitare situazioni in cui sono presenti molte persone", spiega il professore Galli.

21 Ottobre 07:31 Le ultime notizie sul Coronavirus Covid-19 di oggi, 21 ottobre

Risalgono i nuovi contagi da coronavirus in Italia. Nell'ultimo bollettino del ministero della Salute sono stati accertati 10.874 i contagiati rispetto ai 9.338 del giorno precedente. I tamponi effettuati sono stati 144.000. Sono 89 i deceduti. Aumentano i ricoveri sia in terapia intensiva che negli altri reparti. I dati relativi agli incrementi relativi alle ultime 24 ore Regione per Regione:

Lombardia + 2.023 (totale casi 130.479)

Piemonte: +1.396 (totale casi 46.319 )

Emilia-Romagna: +507 ( totale casi 41.917)

Veneto: +490 (totale casi 36.843 )

Campania: +1.312 ( totale casi 28.724 )

Lazio: +1.224( totale casi 27.151 )

Toscana: +812 ( totale casi 24.600 )

Liguria: +907 ( totale casi 19.345 )

Sicilia: + 574 ( totale casi 13.228 )

Puglia: +295 ( totale casi 12.001 )

Marche: +89 ( totale casi 9.645 )

P.A. Trento: +94 ( totale casi 7.018 )

Friuli Venezia Giulia: +131 ( totale casi 6.636 )

Abruzzo: +184 ( totale casi 6.534)

Sardegna: +221 ( totale casi 6.476 )

Umbria:  +194 ( totale casi 5.103  )

P.A. Bolzano:+209 ( totale casi 5.113 )

Calabria: +94 (  totale casi 2.963 )

Valle d'Aosta: +75 ( totale casi 2.021 )

Basilicata: +17 ( totale casi 1.313)

Molise: +26 ( totale casi 1.020)

"La situazione è molto seria. Bisogna dire fino in fondo come stanno le cose. La curva cresce. Serve uno sforzo in più da parte di ciascuno. Nelle prossime ore bisogna alzare il livello di attenzione". Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, su La7. "Lavoriamo giorno e notte per evitare il lockdown ma i numeri dei prossimi giorni non sono scritti in cielo, dipendono dalle misure, serve porre rimedio nel più breve tempo possibile, e chiedo alle persone di fare uno sforzo per evitare spostamenti inutili, uscite inutili. Dobbiamo provare a spiegare la curva da subito. Sulla base di 21 parametri di monitoraggio poi decideremo le misure", ha aggiunto il ministro sottolineando che un lockdown nazionale non è scontato. Stretta delle regioni: da Nord a Sud sindaci e governatori valutano le misure da prendere, chiusure di strade e piazze nelle grandi città per limitare la movida. In Liguria torna la Dad al 50% a rotazione dalla seconda superiore. Nuova ordinanza in Campania, con coprifuoco e limiti tra spostamenti tra province. Nel mondo la pandemia accelera. Con i 12.982 contagi delle ultime 24 ore, l'Argentina ha superato il milione di casi di coronavirus. In Europa, nel Regno Unito, misure più dure a Manchester. In Francia oltre 20.000 contagi e impennata di vittime.