188 CONDIVISIONI
Coronavirus
16 Aprile 2021
08:12
AGGIORNATO16 Aprile

Le notizie del 16 aprile sul Coronavirus

188 CONDIVISIONI

Le ultime notizie in tempo reale sul Covid-19 in Italia e nel mondo, gli aggiornamenti e i dati di oggi, venerdì 16 aprile 2021. Nel bollettino di oggi 15.943 nuovi contagi e 429 morti. Campania in zona arancione da lunedì: Speranza firma nuova ordinanza. Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, annuncia le riaperture in conferenza stampa, iniziando dalle attività all'aperto, compresi i ristoranti con tavoli all'esterno, sia a pranzo che a cena. Verso spostamenti tra regioni gialle. Si ritorna alla scuola in presenza per tutti gli studenti in zona gialla e arancione e dal 26 aprile torna la zona gialla. Speranza: "A metà maggio riaprono le piscine all'aperto, a giugno le palestre resta il coprifuoco". Rt nazionale scende a 0.85. Brusaferro: "In Italia lenta decrescita". Figliuolo annuncia l'arrivo di 7 milioni di dosi di vaccino Covid Pfizer in più nel trimestre. Nel mondo 138.858.768 contagi. Merkel vaccinata con AstraZeneca. Su Vaccino Johnson & Johnson, decisione Ema il 20 aprile. Oms: Vicini al tasso più alto di contagi. Da domenica 18 aprile in Israele decade l'obbligo di mascherina all'aperto. La Francia supera quota 100.000 morti per Covid. In Messico oltre 210.000 morti da inizio pandemia.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus
16 Aprile
22:52

Riaperture, Cartabellotta (Gimbe): "Rischio ragionato diventa opportunità con giusti comportamenti"

"Draghi non ha parlato di rischio calcolato, ma di rischio ragionato per andare incontro alle aspettative dei cittadini" ha puntualizzato il presidente dell'istituto Gimbe, Nino Cartabellotta. Lo fa tramite Twitter per rispondere alle critiche al governo e all'annuncio di riaperture scaglionate dal 26 aprile. "Il rischio si può tradurre in opportunità di ripresa economica se solo tutti osserviamo scrupolosamente le norme"

A cura di Gabriella Mazzeo
16 Aprile
22:37

Riaperture scuole, Presidenze della Conferenza delle Regioni: "Scelta che mi preoccupa"

"La riapertura delle scuole al 100% è una scelta che mi preoccupa di più. C'è un'organizzazione importante che va allestita in un limite fisico". Lo ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, intervenendo a Radio24. "L'importante è che poi non si dia la responsabilità agli enti locali: ne discutevamo oggi con Anci e Upi. Per avere un autobus serve più di un anno. Si possono utilizzare bus turistici ma non nelle aree urbane. Mi augro che il Governo avendo preso questa scelta proponga anche le soluzioni" ha concluso Fedriga.

A cura di Gabriella Mazzeo
16 Aprile
22:10

Fedriga preoccupato dalla riaperture delle scuole: "Governo proponga soluzioni per i trasporti"

"La riapertura delle scuole al cento per cento è la scelta che mi preoccupa di più.C'è una organizzazione importante" che va allestita, un "limite fisico". Lo ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni e presidente del Friuli-Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, intervenendo stasera a Radio24, riferendosi ai problemi logistici come i trasporti. "Importante è che poi non si dia la responsabilità agli enti locali: ne discutevamo oggi con Anci e Upi, per avere un autobus serve più di un anno; si possono utilizzare bus turistici ma non nelle aree urbane. Mi auguro che il Governo avendo preso questa scelta proponga anche le soluzioni".

A cura di Annalisa Cangemi
16 Aprile
21:50

Movimento 5 Stelle: "Bene l'ok del Cts per riapertura di cinema, teatri ed eventi. Un primo passo"

"L'ok del Cts alle nuove misure per i teatri, cinema ed eventi è un'ottima notizia per tutti i cittadini, soprattutto per le migliaia di lavoratori che da un anno sono fermi per la pandemia" dichiara Alessandra Carbonaro, capogruppo del Movimento 5 Stelle in commissione Cultura a Montecitorio. "Ora dobbiamo lavorare per dare adeguate tutele e rafforzare i diritti delle categorie di professionisti che operano nel comparto dello spettacolo dal vivo trascurati da troppo tempo.

A cura di Gabriella Mazzeo
16 Aprile
21:41

Muore per Covid il Comandante dei carabinieri di Aurisina: aveva 56 anni

Morto a 56 anni il maresciallo Alberto Lovison, comandante del Nucleo comando della compagnia dei carabinieri di Aurisina. Il militare è deceduto in seguito a complicazioni dovute al Covid. L'uomo è stato ricoverato all'ospedale di Palmanova e poi in quello di Udine in Terapia intensiva. Il maresciallo era nato a Copparo, nel Ferrarese, ed era figlio di un ex finanziere, residente a Cervignano del Friuli. Lavorava per anni alla Centrale operativa del comando provinciale di Trieste, a Palmanova e ad Aurisina. Era entrato nell'arma nel 1987. Lascia sole la moglie e una figlia. Dall'arma arriva il cordoglio tramite un post Facebook:

A cura di Gabriella Mazzeo
16 Aprile
21:16

Università verso riapertura a maggio

Le università vanno verso la riapertura in presenza da maggio. Il prossimo mese si intensificheranno lezioni e sessioni di esami e di laurea nelle sedi dove i servizi amministrativi e le biblioteche sono attualmente aperti. L'università dovrebbe riaprire secondo la capienza delle sedi. L'obiettivo è una graduale riapertura che è legata a una serie di fattori, compreso il piano vaccinale e l'indice di contagio nella zona di riferimento.

A cura di Gabriella Mazzeo
16 Aprile
21:00

Covid, Bassetti: "Cala età media dei ricoverati. Vaccini su over 80 funzionano"

Negli ultimi dieci giorni, secondo quanto riferisce Matteo Bassetti, infettivologo genovese, è scesa l'età media dei ricoverati. "Segno che le vaccinazioni degli over 80 iniziano a dare frutti. Negli ultimi 10 giorni abbiamo visto un abbassamento significativo. Questa è la prova evidente che la campagna vaccinale sugli over 80 funziona. Anche la degenza media è più bassa delle ondate precedenti, siamo andati intorno ai 5 o 6 giorni". Lo ha detto durante il punto stampa serale sull'emergenza Covid nella sede della Regione Liguria

A cura di Gabriella Mazzeo
16 Aprile
20:31

Covid in Francia, 36.442 nuovi casi e 333 morti nelle ultime 24 ore

In Francia sono 36.442 i nuovi casi, secondo le autorità sanitarie, e 331 i decessi avvenuti nelle ultime 24 ore in ospedali, case per anziani e altre strutture medico-sanitarie. Sempre alta la pressione sugli ospedali: sono più di cinquemila i ricoverati in terapia intensiva.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
20:20

In Sicilia quattro Comuni passano in zona rossa fino al 28 aprile

Altre quattro zone rosse in Sicilia. Lo stabilisce l'ordinanza firmata dal presidente della Regione, Nello Musumeci, a causa dell’aumento dei contagi del Covid-19. Si tratta dei Comuni di Aci Catena e Adrano, in provincia di Catania; Giardini Naxos e Mistretta, in provincia di Messina. Il provvedimento, richiesto dai rispettivi sindaci e a seguito delle relazioni delle autorità sanitarie, entrerà in vigore domenica 18 aprile, cesserà la sua efficacia mercoledì 28 aprile.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
20:13

Galli (Sacco): "Il sistema dei colori non ha funzionato, basti vedere la Sardegna"

Il timore di Massimo Gallo, noto infettivologo dell'ospedale Sacco di Milano, è che a ripartire, con i ristoranti e i bar aperti nelle zone gialle e gli studenti di ogni ordine e grado che tornano a scuola per l’ultimo mese dell’anno, sia anche la corsa del Coronavirus. “Il sistema dei colori non ha funzionato, basta vedere la Sardegna” ha detto a Otto e Mezzo sul LA7.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
20:06

Immunologa Viola: "Riaperture siano graduali ma definitive, servono controlli"

"Per quello che ci è dato sapere, la direzione sembra essere quella giusta: si inizia dalle attività all'aperto e si procede in maniera graduale. Sarà necessario però non abbassare la guardia e incrementare i controlli (quelli che non hanno funzionato in autunno), perché dobbiamo tutti fare in modo che queste riaperture siano sì graduali, ma anche definitive". Così Antonella Viola, immunologa dell'università di Padova, commenta sui social la linea annunciata dall'Esecutivo sulle riaperture dal 26 aprile.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
20:03

A maggio tornano gli spettatori allo stadio, dal 26 aprile si può giocare a calcetto

Dal 26 aprile sarà possibile, per gli appassionati, praticare nuovamente sport dilettantistici di contatto come il calcetto. Mentre dal mese di maggio dovrebbe esserci la possibilità di avere nuovamente gli spettatori negli stadi: un massimo di 1000 negli impianti all’aperto, di 500 invece in quelli al chiuso. Nello schema di decreto che il dipartimento sport sottoporrà nei prossimi giorni al Cdm si indicherà la possibilità di tornare dal 26 aprile a fare sport anche di contatto nelle regioni in zona gialla.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
20:00

In arrivo un pass per muoversi tra Regioni di diverso colore

Dal 26 aprile torna la fascia gialla nella mappa colorata dell’Italia. Gli spostamenti tra Regioni gialle saranno quindi consentiti. Ma i movimenti tra Regioni di diverso colore potrebbe essere introdotto un pass, che potrebbe contenere l’indicazione dell’avvenuta vaccinazione, l’effettuazione di un tampone nelle 48 ore precedenti allo spostamento, o l’eventuale guarigione dall’infezione.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
19:59

La road map delle riaperture: tutte le date per la ripartenza di ristoranti, cinema e palestre

Dal 26 aprile verrà avviato il programma di riaperture annunciato oggi dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Si comincia dal ritorno delle zone gialle e dalla riapertura di ristoranti (ma solo all’aperto), musei, teatri e cinema. Ecco la road map per la ripartenza programmata dal governo, con tutte le tappe riguardanti anche i ristoranti al chiuso, le piscine, le palestre, le fiere e i centri termali.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
19:56

Gelmini: "Il 26 aprile non sarà un liberi tutti"

"Dal 26 aprile l'Italia tornerà gradualmente alla normalità. Scuole in presenza, ripartono progressivamente la ristorazione, i luoghi della cultura e dello sport, le fiere, il tutto privilegiando le attività che si possono svolgere all'aperto. Viviamo con grande ottimismo questa nuova fase, ma non è un ‘liberi tutti" lo ha spiegato il ministro per le Autonomie, Mariastella Gelmini,  dopo l'annuncio di Draghi sulle riaperture in Italia. "Occorrerà prudenza per difendere i risultati raggiunti e mantenere sotto controllo la curva dei contagi. Parallelamente andiamo avanti con la campagna vaccinale, fondamentale per l'immunizzazione della popolazione. Avanti così, con fiducia e responsabilità" ha aggiunto il Ministro.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
19:54

Franceschini: "Dal 26 aprile in zone gialle riaprono teatri, cinema e musei, più posti per eventi all'aperto"

Dal 26 aprile potranno riaprire nelle zone gialle teatri, cinema, musei ed eventi all'aperto”. Lo ha detto il ministro della Cultura, Dario Franceschini, intervenendo all'incontro ‘Una nuova stagione. Cultura e spettacolo dopo la pandemia”. Il ministro ha sottolineato che ci saranno “delle limitazioni alle capienze che già conoscete. Abbiamo a lungo discusso con le categorie e io ho discusso con il Cts per avere allargamenti soprattutto per gli spettacoli all'aperto, perché le limitazioni all'aperto hanno molto meno fondamento e sono meno indispensabili rispetto a quelle al chiuso".  Il Comitato Tecnico Scientifico ha accettato inoltre le proposte del Ministero che prevedono maggiore disponibilità di posti per gli eventi all'aperto: si passa dal 25% al 50% dei posti occupabili in sala, con un innalzamento a un massimo di 500 spettatori nelle sale al chiuso e di 1.000 spettatori in quelle all’aperto. Approvata anche la possibilità che le Regioni autorizzino spettacoli ed eventi, con un numero superiore di spettatori, adottando misure di sicurezza

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
19:40

Terapie intensive ancora in affanno in Italia, 13 regioni sopra la soglia critica

Sono ancora tredici le regioni che hanno superato la soglia critica del 30% di occupazione delle terapie intensive. Ecco l’elenco aggiornato con i dati Agenas delle regioni in cui la pressione ospedaliera dovuta al Covid-19 è più pesante, mentre anche a livello nazionale il dato supera di 7 punti percentuali la soglia d’allerta, in leggero miglioramento rispetto alle scorse settimane.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
19:36

In Toscana tornano arancione anche le province di Firenze e Prato

La Toscana rimane in zona arancione anche la prossima settimana e con ordinanza regionale ritornano in arancione anche le province di Firenze e Prato che erano rimaste rosse dalla settimana scorsa. "Sentito lo stesso ministro della Salute, ritornano in zona arancione, dalle ore 14 di sabato 17 aprile come indicato nell’ultima ordinanza, anche la Città metropolitana di Firenze, la provincia di Prato, i Comuni di San Miniato, Montopoli in Val d’Arno, Santa Croce sull’Arno, Castelfranco di Sotto (parte della Provincia di Pisa, ma compresi nella zona socio sanitaria Valdarno Empolese Valdelsa), e i Comuni di Poggibonsi, San Gimignano, Colle di Val d’Elsa, Casole d’Elsa, Radicondoli (compresi nella zona socio sanitaria Alta Valdelsa)" spiegano dalla Regione Toscana

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
19:30

In Usa stop al vaccino Johnson&Johnson prolungato di almeno un'altra settimana

In Usa stop al vaccino Johnson&Johnson per almeno un'altra settimana. Lo ha comunicato la direttrice dei Centers for Disease Control and Prevention, Rochelle Walensky, nel briefing sul Coronavirus oggi alla Casa Bianca. Sul vaccino è in corso una verifica per discutere sul possibile collegamento in sei casi di gravi trombosi in donne che erano state vaccinate. La commissione consultiva sui vaccini non si riunirà prima di venerdì prossimo  per una nuova revisione ma per ora non ha revocato la raccomandazione della pausa nella somministrazione affermando che gli esperti che la compongono hanno bisogno di maggiori informazioni prima di prendere una decisione.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
19:22

Nel Regno Unito via libera al vaccino covid per donne incinte

Le donne incinte del Regno Unite potranno essere vaccinate contro il covid-19. A dare il via libera, scrive il Guardian, è stato oggi il Comitato congiunto per la vaccinazione e l'immunizzazione (Jcvi), spiegando che per questa operazione verranno usato i vaccini Pfizer e Moderna. Finora le donne incinte non venivano vaccinate nel Regno Unito per mancanza di sperimentazione, ma il Jcvi ha dato parere positivo dopo che 90mila donne incinte sono state vaccinate senza problemi negli Stati Uniti. I vaccini potranno essere somministrati in qualsiasi stadio della gravidanza. Le linee guida stabiliscono che le donne che intendono concepire un bambino, hanno partorito di recente o stanno allattando possono essere immunizzate con qualsiasi vaccino, a seconda dell'età e della categoria di rischio clinico.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
19:10

Campania in zona arancione da lunedì, arriva l'ordinanza di Speranza

La Campania passa in zona arancione da lunedì. Il Ministro della Salute Roberto Speranza, sulla base dei dati del monitoraggio dell’Iss e delle indicazioni della cabina di regia, firmerà in giornata una nuova ordinanza che cambia il colore della Campania. Il provvedimento andrà in vigore a partire dal 19 Aprile. Colori invariati, invece, per tutte le altre. Restano in rosso Puglia, Sardegna e Valle d’Aosta. Il resto d’Italia è invece in zona arancione.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
18:50

Vaccini covid, in Italia oltre 10 milioni di persone hanno ricevuto almeno una dose 

In Italia oltre 10 milioni di persone hanno ricevuto almeno una dose  di vaccino anti covid e quindi hanno una qualche forma di protezione dal coronavirus, è quanto emerge dall'ultimo aggiornano del report vaccini del Ministero della salute. Sono 14.377.002 infatti le dosi somministrate finora mentre sono oltre 4,2 milioni gli italiani che hanno ricevuto anche il richiamo e quindi sono completamente vaccinate. Oggi è stata anche raggiunta la soglia del 50% con almeno una dose tra gli over 70.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
18:35

Riaperture ristoranti a pranzo e a cena all’aperto: da giugno anche al chiuso se i dati migliorano

Il governo ha fatto sapere che a maggio i ristoranti potranno lavorare solo all'aperto ma, se i dati miglioreranno, dal primo giugno anche al chiuso. Sarebbe questo, secondo quanto apprende l'Ansa, l'orientamento della cabina di regia sulle graduali riaperture delle attività di ristorazione. La decisione quindi sarà presa in base all'andamento dei dati epidemiologici. Il presidente del Consiglio Mario Draghi in conferenza stampa ha confermato che è stata anticipata "al 26 di questo mese l'introduzione della zona gialla, ma si introduce un cambiamento: si dà precedenza alle attività all'aperto, a pranzo e a cena, e le scuole riaprono, di ogni ordine e grado, nelle zone gialle e arancione; nelle zone rosse si suddivide in parte in presenza in parte a distanza". Nelle Regioni che secondo i parametri potranno passare in zona gialla potranno riaprire bar e ristoranti, che dispongono di tavoli all'aperto. La novità è che non chiuderanno alle 18, come è stato fino ad ora in fascia gialla, a potranno rimanere aperti anche la sera. Ma il coprifuoco notturno dalle 22 alle 5 per il momento resta in vigore.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
18:26

Di Maio: “L’Italia riapre, momento immportante, serve molta prudenza”

Dal 26 aprile l’Italia finalmente riapre, e lo farà in sicurezza. Ristoranti (a pranzo e anche a cena, ma all’aperto), cinema, musei, teatri, ripartirà dunque anche il mondo della cultura. Si potrà fare sport all’aperto e si tornerà in classe, in presenza, nelle zone gialle ed arancioni. Saranno inoltre consentiti gli spostamenti tra regioni in zona gialla. Pian piano ci stiamo riprendendo le nostre libertà e grazie soprattutto alla campagna vaccinale iniziamo a vedere la luce in fondo al tunnel.” Lo ha scritto il ministro degli esteri Luigi Di Maio su facebook aggiungendo: “Una luce vera, autentica, che non deve spingerci tuttavia ad abbassare la guardia. Serve infatti molta prudenza, bisogna continuare a rispettare le regole, il distanziamento sociale e l’uso corretto della mascherina. È un momento importante per il Paese e dobbiamo avere fiducia in noi stessi, dobbiamo credere oggi, più di ieri, nel senso di comunità. Guardiamo avanti e ripartiamo!”

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
18:18

Coronavirus Lombardia, 2.431 contagi e 87 morti covid

Sono 2.431 i nuovi contagi da coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Lombardia mentre sono stati purtroppo registrati altri 87 decessi covid , per un totale dall’inizio della pandemia di 32.146 morti. Calano i ricoveri in ospedale (in totale sono 5.131 i ricoverati) e il numero di persone ricoverate in terapia intensiva (728 degenti). Il bollettino con i dati di oggi venerdì 16 aprile 2021 sui contagi Covid in Lombardia.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
18:12

In Italia 900 pazienti covid in meno negli ospedali

Sono circa 900 i pazienti covid in meno negli ospedali nelle ultime 24 ore. Secondo il bollettino di oggi venerdì 16 aprile sono 51 i pazienti in meno nei reparti di terapia intensiva mentre sono 844 i pazienti in meno nei reparti non critici. Oggi sono 199 gli ingressi interai intensiva per un totale di 3.366 ricoveri. I ricoverati con sintomi covi sono 24.743

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
18:03

Coronavirus Italia, oggi 15.943 contagiati e 429 morti covid: il bollettino

In Italia registrati 5.943  nuovi contagiati e 429 morti covid nelle ultime 24 ore. Sono i dati del bollettino di oggi, venerdì 16 aprile, sull'andamento dell'epidemia covid in Italia. Sono 327.704 i tamponi per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia , tra molecolari e antigenici, secondo i dati del ministero della Salute. Il tasso di positività è del 4,9% (-0,4%).

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
17:56

Report Iss, Brusaferro: "In Italia lenta decrescita della curva dei contagi"

In Italia si registra una lenta decrescita della curva dei contagi, lo ha spiegato il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, al punto stampa sul monitoraggio settimanale dell'Iss. "Nella mappa europea vediamo oggi una colorazione più intensa in alcuni Paesi al confine con l'Italia. La curva italiana mostra una lenta decrescita, altri Paesi invece hanno una curva in salita. Quasi tutte le regioni hanno una decrescita dei nuovi casi, alcune invece hanno valori in crescita" ha spiegato il numero uno dell'Iss, sottolineando che "Anche sul piano dell'incidenza la decrescita è consolidata" anche se "resta forte il sovraccarico sulle strutture ospedaliere". "Quasi tutte le regioni hanno un calo dell'incidenza, che è pari a 182 per 100mila abitanti. Secondo il flusso Iss invece l'incidenza è 160 per 100mila perche' include il periodo di Pasqua. In altri paesi invece la curva è in crescita e ciò si traduce in provvedimenti di restrizione" ha proseguito Brusaferro  spiegando che "L'eta' mediana alla diagnosi (45 anni) e al momento del ricovero (67 anni) è in decrescita, il che vuol dire che anche indirettamente stiamo iniziando a vedere i primi effetti delle vaccinazioni degli anziani" e che "Le persone con più di 80 anni ma anche i settantenni cominciano a decrescere come numero di casi".

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
17:50

Campania zona arancione, De Luca avverte: "Non vi date alla pazza gioia”

"Se la Campania va in zona arancione, la prossima settimana nessuno si dia alla pazza gioia: grande rigore comunque altrimenti torniamo indietro" Lo ha affermato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nella sua settimanale diretta social. La Regione pronta a ordinanze restrittive anti-movida notturna in caso di cancellazione del coprifuoco col nuovo decreto del governo Draghi.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
17:45

Il coronavirus non attacca direttamente il cervello ma può provocare gravi danni cerebrali, lo studio

Il coronavirus non attacca direttamente il cervello ma può provocare gravi danni cerebrali. Lo sostiene uno studio di un team di ricerca americano guidato da scienziati dell’Università Columbia di New York che ha dimostrato che il patogeno non aggredisce direttamente il tessuto cerebrale, pur potendo provocare danni significativi e sintomi neurologici. Nella ricerca sono stati analizzati i cervelli di 41 pazienti deceduti a causa della COVID-19, l’infezione provocata dal coronavirus SARS-CoV-2.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
17:30

In Piemonte 1200 nuovi contagi e 38 morti covid 

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato oggi 1.200 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 93 dopo test antigenico), pari al 4,5% dei 26.544tamponi eseguiti, di cui 15.665 antigenici. Dei 1.200 nuovi casi, gli asintomatici sono 495 (41,3%). Sono invece 38 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 1 verificatosi oggi. I ricoverati in terapia intensiva sono 292 (- 19 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 3.193 (- 119 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 19.887.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
17:21

Resta il coprifuoco dalle 22 alle 5, Speranza: “Valuteremo ogni settimana e valuteremo”

Tra le misure anti Covid resta in vigore il coprifuoco notturno dalle 22 alle 5 in tutto il territorio nazionale. “Per questa fase la scelta del governo è quella di conservare la limitazione oraria del coprifuoco, esattamente così come è oggi. Il governo poi valuterà la curva epidemiologica settimana dopo settimana l’evoluzione della curva epidemiologica e adeguerà eventualmente le misure”, ha detto il ministro Speranza.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
17:14

In Emilia Romagna 1.275 casi e 42 morti covi nelle ultime 24 ore

Sono 1.275 i nuovi casi di coronavirus in Emilia Romagna nelle ultime 24 ore a fronte di 24.710 tamponi eseguiti nell'ultima giornata di cui 13446 molecolari. Sono questi i dati del bollettino di oggi venerdì 16 aprile sull'andamento dell'epidemia covid in Emilia Romagna. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 5,1%. Dei nuovi contagiati, 485 sono asintomatici. Si registrano anche ulteriori 42 decessi covid: 5 a Parma ; 5 nella provincia di Reggio Emilia; 6 in provincia di Modena; 13 in provincia di Bologna; 2 nel ferrarese; 6 in provincia di Ravenna; 2 in provincia di Forlì-Cesena; 2 nel riminese. Si segnala inoltre il decesso di una donna di 73 anni diagnosticata a Cesena ma residente fuori Emilia-Romagna. Calano ancora i ricoveri covid (-98).

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
17:08

Vaccino Johnson & Johnson, decisone Ema il 20 aprile

Sul Vaccino anti covid Johnson & Johnson, la decisone Ema è attesa per il prossimo 20 aprile. Martedì infatti l'Ema comunicherà i risultati della sua valutazione sul vaccino Covid-19 Janssen (Johnson & Johnson) relativo a casi di eventi tromboembolici. L'agenzia Ue ha convocato una conferenza stampa per le 17.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
17:02

Il Trentino anticipa le aperture di bar e ristoranti, da lunedì 19 aprile si riparte

Il Trentino anticipa le decisioni del governo e da lunedì 19 aprile riapre bar e ristoranti all'aperto dalle 5 alle 18. Lo ha deciso la Giunta provinciale, che ha approvato una nuova delibera apposita sulla scorta della legge 3 del 2020 che però lo scorso anno era stata impugnata dall'esecutivo in carica. "È una sperimentazione, anche rispetto a quello che sta decidendo il governo in queste ore. E' una forma di autonomia, crediamo che la delibera possa non essere impugnata", ha detto il presidente della Provincia Maurizio Fugatti.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
16:54

Le nazioni che possono a fare a meno dei vaccini Covid AstraZeneca e Johnson&Johnson

Dopo i casi di trombosi che sono stati segnalati in relazione ai vaccini di AstraZeneca e Johnson&Johnson, è aumentato il divario tra i paesi ricchi del mondo, che ne hanno potuto decidere la sospensione o limitarne l’uso a determinate categorie di soggetti grazie ad un ampio portafoglio di vaccini a disposizione, e quelli più poveri, che invece non hanno potuto scegliere nulla e a cui è precluso questo vero e proprio lusso. Ecco cosa sta succedendo soprattutto nei paesi dell’Unione africana, dove le campagne di vaccinazione procedono a rilento.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
16:42

Draghi: “Non c’è crollo di fiducia in vaccino AstraZeneca”

Secondo il presidente del Consiglio, Mario Draghi, non c’è un crollo della fiducia degli italiani nel vaccino AstraZeneca: “Questo crollo di fiducia in AstraZeneca non lo vedo”, afferma in conferenza stampa. Gli fa eco il ministro della Salute, Roberto Speranza: “Anche a noi non risulta questo crollo, ma una forte richiesta di informazione, che credo sia legittima, di avere ulteriori informazioni su questo vaccino. Un vaccino efficace e sicuro e su cui continuiamo a puntare, anche se con una raccomandazione di natura anagrafica. I dati che ci arrivano dai territori sono incoraggianti. Chi rifiuta questo vaccino va in coda e non ha una possibilità immediata di sostituirlo. Tutti i vaccini che abbiamo sono efficaci e sicuri”.

A cura di Stefano Rizzuti
16 Aprile
16:33

Cosa ha detto Draghi in conferenza stampa su zona gialla e riaperture

La conferenza stampa del Presidente del Consiglio Mario Draghi su riaperture e zone Covid
La conferenza stampa del Presidente del Consiglio Mario Draghi su riaperture e zone Covid

Ritorno della zona gialla dal 26 aprile, riapertura dei confini – e quindi degli spostamenti – tra Regioni e riapertura graduale di tante attività, a cominciare dai ristoranti. Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha presentato in conferenza stampa, insieme al ministro della Salute, Roberto Speranza, il piano del governo per le riaperture. Si parte dal 26 aprile, con il ritorno delle zone gialle. Poi riapriranno le attività all’aperto, compresi i ristoranti che potrebbero essere aperti a pranzo e cena ma solamente all’aperto. Come spiegato da Speranza, invece, il 15 maggio toccherà alle piscine all’aperto, dal primo giugno riapriranno invece alcune attività connesse alle palestre e dal primo luglio toccherà alle attività di natura fieristica.

A cura di Stefano Rizzuti
16 Aprile
16:26

Coronavirus Campania, 1.994 contagi e 31 morti covid

Sono 1.994 i nuovi positivi al Coronavirus in Campania su 19.495 tamponi molecolari analizzati nell’arco delle 24 ore, con un tasso di incidenza (ossia il rapporto tra contagiati e test) del 10,22%. Sono 31 i morti covid del giorno, mentre i guariti sono 1520. Calano i ricoveri negli ospedali in intensiva (-5) e in ordinaria (-50). usti i dati del bollettino di oggi  venerdì 16 aprile in Campania.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
16:19

Covid Lazio, oggi 1474 nuovi casi e 39 morti covid

Sono 1474 i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore nel Lazio. Lo ha comunicato la Regione Lazio nell’odierno bollettino con cui informa dell’andamento della pandemia. Sono 39 le persone decedute a causa di complicazioni derivanti dalla covid-19, mentre i guariti sono 1053. In tutto sono stati processati oltre 37mila tamponi.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
16:15

Speranza annuncia calendario riaperture: “Da 15 maggio piscine all’aperto, da giugno palestre"

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, fornisce il calendario delle riaperture durante la conferenza stampa con il presidente del Consiglio, Mario Draghi: “Abbiamo un calendario che ha come prima data chiave il 26 aprile con il ritorno delle zone gialle. Poi ci sarà una road map, l’idea è che dal 15 di maggio possano riaprire le piscine all’aperto, dal primo giugno alcune attività connesse alle palestre, dal primo luglio le attività di natura fieristica”.

A cura di Stefano Rizzuti
16 Aprile
16:12

Cirio: "Da lunedì Piemonte tutto arancione, stop a zone rosse"

"Registriamo un ulteriore calo dei contagi. Anche questa settimana, rispetto al report della settimana scorsa, abbiamo una situazione in netto miglioramento. Quindi da lunedì prossimo il Piemonte sarà tutto arancione", lo ha annunciato il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, a margine dell'inaugurazione del nuovo reparto di oncoematologia dell'ospedale infantile Regina Margherita di Torino. "Questo è un ulteriore passo in avanti che però dobbiamo vivere con grande cautela e attenzione, perché non si deve più tornare indietro" ha spiegato il Governatore.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
16:10

Draghi difende Speranza: “Critiche infondate e ingiustificate, lo stimo e l’ho voluto al governo”

La conferenza stampa di Draghi su riaperture e zona gialla dal 26 aprile
La conferenza stampa di Draghi su riaperture e zona gialla dal 26 aprile

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, difende il ministro della Salute, Roberto Speranza, dalle accuse ricevute negli ultimi giorni: “Le critiche a Speranza troveranno pace? Io credo che le critiche al ministro Speranza dovevano trovar pace sin dall’inizio, non erano né fondate né giustificate. Io lo stimo e l’ho voluto io nel governo”.

A cura di Stefano Rizzuti
16 Aprile
16:07

Draghi su nuove misure e riaperture: “Probabilità che si torni indietro è molto bassa”

Draghi oggi in conferenza stampa sulle riaperture dal 26 aprile
Draghi oggi in conferenza stampa sulle riaperture dal 26 aprile

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in conferenza stampa risponde a chi gli chiede se le riaperture annunciate oggi saranno definitive: “Quando ho detto che è stato un rischio ragionato, è questa la risposta. Se i comportamenti sono osservati, sulla campagna vaccinale non ho dubbi che andrà sempre meglio, la probabilità che si debba tornare indietro è molto piccola, molto bassa. Quest’anno in autunno avremo una vaccinazione molto diffusa”.

A cura di Stefano Rizzuti
16 Aprile
16:07

Speranza su riaperture: “Si riparte da attività all’aperto, iniziando da ristorazione”

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, in conferenza stampa con il presidente del Consiglio, Mario Draghi, parla delle riaperture spiegando che le prime riguarderanno le attività all’aperto: “Parte un percorso di natura graduale che si avvierà dal 26 di aprile, che vedrà come elemento prioritario la tutela e la salvaguardia della scuola. Anche in questa occasione il primo luogo dove decidiamo di investire questo tesoretto è la scuola. L’idea è che da qui alla fine delle lezioni si possa tornare in presenza, per ogni ordine e grado. Poi in maniera graduale proveremo a riaprire anche ulteriori attività economiche e commerciali. Il principio che seguiremo sarà un principio che prova a partire da un dato di evidenza scientifica, cioè che nei luoghi all’aperto riscontriamo una difficoltà molto più significativa nella diffusione del contagio”.

A cura di Stefano Rizzuti
16 Aprile
15:51

Netto calo di casi covid in Gran Bretagna, minimo settimanale da settembre

Netto calo di casi covid in Gran Bretagna dove si registra il minimo settimanale da settembre. Stando ai conteggi aggiornati, nella settimana chiusasi il 10 aprile l'isola ha fatto registrare 130.000 test positivi contro 185.000 dei sette giorni precedenti: pari a non più di uno 0,2% della popolazione (una persona su 500 circa) malgrado una media di tamponi attorno a un milione al giorno. Il calo, sottolinea l'Ons, è stato rilevato in tutte e 4 le nazioni del Regno (Inghilterra, Scozia, Galles, Irlanda del Nord). E nella maggiore di esse, l'Inghilterra, il totale settimanale dei contagi è risultato essere (con un abitante infettato ogni 480) il più basso da settembre. la tendenza a un netto calo di contagi complessivi da Covid nel Regno Unito resa possibile dal doppio effetto di oltre tre mesi di lockdown e di una campagna di vaccini giunta oltre 41 milioni di dosi somministrate.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
15:47

Draghi sulle riaperture: “Dal 26 aprile torna la zona gialla, riaprono tutte le scuole tranne zona rossa”

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, interviene in conferenza stampa parlando delle riaperture: “Vorrei solo rimarcare alcune decisioni emerse dalla cabina di regia di stamattina. Si anticipano al 26 l’introduzione della zona gialla e si introduce un cambiamento rispetto al passato, dando precedenza alle attività all’aperto, anche la ristorazione a pranzo e cena, e alle scuole. Tutte le scuole, di ogni ordine e grado, riaprono completamente in presenza nelle zone gialle e arancione, mentre in rosso in parte in presenza e in parte a distanza. Con la decisione di oggi il governo ha preso un rischio fondato, ragionato, sui dati che sono in miglioramento".

A cura di Stefano Rizzuti
16 Aprile
15:45

Draghi oggi in conferenza stampa: “Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia”

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, interviene in conferenza stampa a Palazzo Chigi: "Penso che si possa guardare al futuro con un prudente ottimismo e con fiducia. Lo scopo di questo incontro è darvi conto dei provvedimenti che sono in corso di decisione. Sono tre blocchi: le riaperture, lo scostamento di bilancio e le opere che sono state messe in cantiere".

A cura di Stefano Rizzuti
16 Aprile
15:37

Coronavirus Puglia, 1.537 nuovi positivi e 50 decessi covid in 24 ore

Oggi in Puglia, su 13.399 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus, sono stati registrati 1.537 casi positivi: 562 in provincia di Bari, 97 in provincia di Brindisi, 119 nella provincia BAT, 266 in provincia di Foggia, 161 in provincia di Lecce, 328 in provincia di Taranto, un caso di residente fuori regione, 3 casi di provincia di residenza non nota. Sono stati inoltre registrati 50 decessi: 22 in provincia di Bari, 5 in provincia BAT, 10 in provincia di Foggia, 7 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
15:28

Merkel si è vaccinata con AstraZeneca

La cancelliera tedesca Angela Merkel si è vaccinata con AstraZeneca. Lo ha annunciato il suo portavoce su Twitter. Angela Merkel si è vaccinata a Berlino con AstraZeneca" ha spiegato Steffen Seibert. "Sono felice di aver ricevuto oggi la prima vaccinazione con AstraZeneca. Vorrei ringraziare tutti coloro che sono coinvolti nella campagna di vaccinazione e tutti coloro che sono vaccinati. La vaccinazione è la chiave per superare la pandemia" ha dichiarato invece Merkel

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
15:24

Coronavirus in Basilicata, 181 casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Sono 181 i nuovi casi di contagi registrati in Basilicata nelle ultime 24 ore, a fronte di 1.736 tamponi molecolari processati. È quanto si legge nel bollettino della task force della Regione Basilicata.Dei nuovi positivi 172 sono residenti nel territorio lucano. Zero i decessi.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
15:01

Sileri: "Stiamo passando picco dei contagi, riaperture da maggio"

"La circolazione del virus continua a scendere, come previsto. Stiamo passando il picco, la fase più buia della terza ondata e con l'avanzare delle vaccinazioni saranno possibile le riaperture. Però credo che abbiamo fatto il giro di boa". Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. "Saremo irreversibilmente aperti, perché non ci troviamo nella condizione dello scorso anno – ha aggiunto Sileri in merito a possibili riaperture – con l'avanzare della vaccinazione il virus trova meno spazio per replicarsi. Le prime aperture potrebbero essere realisticamente dai primi di maggio, tornando alla colorazione delle regioni".

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
14:49

Riaperture, ok ai ristoranti di sera ma resta in vigore il coprifuoco dalle 22

Le indiscrezioni che trapelano dalla cabina di regia che si è appena conclusa a Palazzo Chigi rivelano che dal 26 aprile dovrebbe essere reintrodotta la zona gialla. I ristoranti potranno riaprire a pranzo e anche a cena, ma solo all’aperto. Non dovrebbe essere cambiato, però, l’orario del coprifuoco, che resterebbe in vigore dalle 22 alle 5 del mattino.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
14:40

La conferenza stampa di Draghi è stata posticipata alle 15:30

La conferenza stampa del presidente Mario Draghi è stata posticipata alle 15:30. È quanto ha annunciato l'account Twitter ufficiale di Palazzo Chigi. Sarà possibile seguire l'intervento del premier al termina della Cabina di regia sulle riaperture presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio sia online che in tv.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
14:30

La Sardegna in zona rossa per la seconda settimana consecutiva: è suo l'Rt più alto d'Italia

La Sardegna entra per la seconda settimana in zona rossa, un passaggio in realtà fissato per legge dopo la retrocessione di lunedì scorso: le regole infatti obbligano il mantenimento dello stesso colore per due settimane. Ma l'Isola, che era passata in zona bianca all'inizio di marzo, segna un altro primato negativo: ha l'Rt puntuale più alto d'Italia, a 1.38, e potrebbe anche peggiorare in serata con i dati definitivi. Segue la Valle d'Aosta con 1.26.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
14:16

Fonti Governo: "Dal 26 aprile ok ai ristoranti aperti anche la sera ma solo all'aperto"

Dal 26 aprile dovrebbero riaprire i ristoranti anche la sera, ma solo all'aperto. È quanto si apprende da fonti di governo al termine della cabina di regia sul Covid a Palazzo Chigi, dove a breve il presidente del Consiglio Draghi terrà una conferenza stampa.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
14:07

Il comune di Rotonda, in Basilicata, passa in zona rossa fino al 25 aprile

"Da una telefonata intercorsa con la segreteria del presidente della Giunta regionale, il comune di Rotonda da domani e fino a domenica 25 aprile 2021, verrà dichiarato zona rossa". Lo annuncia in un post su Facebook, il sindaco di Rotonda, in provincia di Potenza, Rocco Bruno. "A breve verrà emessa un'ordinanza del presidente Vito Bardi", ha aggiunto il primo cittadino.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
13:57

Malati Covid hanno un rischio di trombosi 8 volte superiore di chi si vaccina con AstraZeneca

I pazienti Covid hanno un rischio di trombosi 8 volte superiore di chi si vaccina con il siero di AstraZeneca. Mettendo a confronto l’incidenza di casi di trombosi venosa cerebrale osservata tra i vaccinati con AstraZeneca e i pazienti contagiati dal coronavirus, un team di ricerca guidato da scienziati dell’Università di Oxford ha determinato che la COVID-19 induce un rischio di coaguli di sangue otto volte maggiore rispetto al farmaco.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
13:44

Umbria, oggi 133 nuovi casi Covid: attualmente positivi in calo

Sono stati 133 i nuovi casi di Covid registrati in Umbria nell'ultimo giorno a fronte di 200 guariti e altri cinque morti. Gli attualmente positivi sono ora 3.575, 72 in meno del giorno precedente. Sono stati analizzati 2.473 tamponi e 3.814 test antigenici. Il tasso di positività è del 2,1 per cento sul totale (ieri era 1,67) e del 5,3 sui soli molecolari (ieri 4,3). I ricoverati negli ospedali sono ora 292, uno in meno, 34 dei quali, meno uno, nelle terapie intensive.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
13:35

Oms: "Vicini al tasso più alto di infezione visto finora durante la pandemia"

"In tutto il mondo i contagi e le morti stanno continuando ad aumentare a un tasso preoccupante. A livello globale il numero di nuovi casi di Covid per settimana è quasi raddoppiato negli ultimi due mesi, si sta avvicinando il tasso più alto di infezione visto finora durante la pandemia". Lo ha dichiarato il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
13:20

Dove seguire la conferenza stampa di Draghi alle 15 su riaperture e sostegni

Il presidente del Consiglio Mario Draghi terrà una conferenza stampa alle 15 di oggi a Palazzo Chigi. Draghi risponderà alle domande dei giornalisti e affronterà il tema del piano delle riaperture e quello del nuovo decreto Sostegni. Ecco a che ora parla Draghi e dove seguire la conferenza in diretta.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
13:12

In Veneto 906 nuovi casi di Coronavirus, Zaia: "Incidenza al 2,54%"

"Nelle ultime 24 ore, in Veneto, si sono registrati 906 nuovi casi di positività al Coronavirus". Lo ha annunciato il presidente della Regione, Luca Zaia, nel corso della conferenza stampa convocata presso la sede della Protezione Civile di Marghera. "Considerando i 35.700 tamponi effettuati – ha aggiunto Zaia -, si tratta di un'incidenza alla positività pari al 2,54%". "I veneti in isolamento attualmente positivi al virus sono 27.479" ha concluso.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
12:59

Covid Marche, 326 nuovi casi: incidenza cala al 12% 

Nelle ultime 24 ore nelle Marche sono stati individuati 326 nuovi casi di Covid-19, il 12% rispetto ai 2.719 tamponi, molecolari e antigenici, processati all'interno del percorso per le nuove diagnosi. Il rapporto positivi-test effettuati è in calo. Il totale dei positivi individuati dall'inizio della crisi pandemica sale a a 93.882. Lo si apprende dal primo aggiornamento del servizio sanitario regionale. I nuovi casi sono stati individuati 70 in provincia di Macerata, 77 in provincia di Ancona, 91 in quella di Pesaro-Urbino, 26 nel Fermano, 47 nel Piceno e 15 fuori regione.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
12:54

Nessun decesso e 84 nuovi contagi in Alto Adige

L'Alto Adige registra 84 nuovi casi di Coronavirus e ricoveri in calo, ma non in terapia intensiva. Sono risultati positivi 45 su appena 825 tamponi pcr e 39 su 8.412 test antigenici eseguiti ieri. Cala da 140 a 132 il numero dei ricoveri: da 74 a 63 nei normali reparti ospedalieri, mentre salgono quelli in terapia intensiva da 16 a 17 e nelle cliniche private da 50 a 52. Non si registrano decessi.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
12:51

Il coprifuoco funziona ma potrebbe non bastare per le varianti del Covid

Il coprifuoco funziona e ferma il coronavirus, ma potrebbe non bastare per le varianti. È quanto emerge da un’indagine condotta in Francia dal mese di gennaio: coprifuoco e altre misure di restrizione hanno ridotto l’indice di riproduzione dei ceppi storici di Sars-Cov-2 al di sotto di 1 ma non sono stati sufficienti a fermare la circolazione della variante inglese, i cui contagi sono aumentati in modo esponenziale.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
12:46

In Gran Bretagna 77 casi di variante indiana a doppia mutazione

Nel Regno Unito sono stati segnalati 77 casi della variante del Covid-19 a doppia mutazione, rilevata per la prima volta in India. Lo hanno riferito le autorità britanniche, secondo quanto riporta SkyNews. Il ceppo è particolarmente preoccupante a causa delle sue caratteristiche che fanno temere possa essere più contagioso e meno suscettibile ai vaccini.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
12:37

Ronzulli: "Italia deve tornare zona gialla dai primi di maggio, dove si può si deve aprire"

"Dove si può si deve aprire, va ascoltato il grido di dolore dei titolari delle tante attività come bar, ristoranti, palestre, piscine, imprese del settore turistico che sono disperati. Forza Italia chiede che il governo proceda a una verifica dei dati relativi ai contagi già dal 20 aprile per programmare le riaperture. L'Italia deve tornare in zona gialla dai primi di maggio. Ovviamente non parliamo di un liberi tutti dove ognuno fa quello che vuole come accaduto questa estate, dovranno comunque esserci dei protocolli che garantiscano la sicurezza sanitaria. L'importante però è programmare subito la ripartenza perché ci sono delle attività come gli alberghi o anche i ristoranti che per riaprire hanno bisogno di tempo per organizzarsi". Così Licia Ronzulli, vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato e responsabile del movimento azzurro per i rapporti con gli alleati, intervenuta ad Agorà su Rai 3.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
12:33

Regioni chiedono ristoranti aperti anche in zona rossa con ingresso con tampone negativo

I bar e i ristoranti potranno rimanere aperti anche in zona rossa a patto che i clienti vengano testati prima dell’ingresso, così da evitare che vi siano casi positivi che possano diffondere l’infezione. Si tratta di una delle proposte delle Regioni al governo per garantire la riapertura in sicurezza delle attività della ristorazione.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
12:20

Lopalco: "Negli spazi aperti rischio contagio è molto basso"

Il Prof. Pier Luigi Lopalco
Il Prof. Pier Luigi Lopalco

"Quando si aprono molte attività, tutta la popolazione si mette in moto, ed è il movimento della popolazione che alla fine aumenta le probabilità di contagio". Lo dice a Rainews24 Pier Luigi Lopalco, assessore alla Sanità della Regione Puglia, commentando studi in base ai quali la trasmissione all'aperto porterebbe a solo 1 contagio su 1.000, e quindi potenzialmente sono possibili nuove regole per le aperture. Lopalco spiega che la motivazione alla base "delle ‘zone rosse' rispetto a quelle ‘arancioni'" è "il principio della circolazione delle persone", perché "se è vero che in un mercato all'aperto, non si verificano molte occasioni di contatto, tuttavia se, con quell'attività, ne apro altre, le persone escono di casa, si muovono, si incontrano, creano gruppi" e quindi occasioni di contagio. "Siamo in piena ondata pandemica, seconda o terza che sia e questo significa che in giro ci sono moltissimi portatori – avverte l'assessore -, quindi c'è una quota di popolazione, consapevole o inconsapevole, che può contagiare gli altri e allora bisogna evitare che tutta la popolazione si metta in moto, perché è il movimento della popolazione che aumenta le probabilità di contagio". "Sicuramente negli spazi aperti la probabilità di contagio è molto bassa", ha chiarito Lopalco: "Il contagio in spazi aperti è possibile solo se c'è un contatto ravvicinato. Se in un ambiente chiuso si possono accumulare aerosol e droplet, all'aperto questo fenomeno non si verifica e, quindi, serve un contatto ravvicinato, ci devono essere assembramenti perché si abbia una possibilità di circolazione virale".

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
12:08

Iss, quali Regioni sono ad alto rischio e hanno indice superiore a 1

Basilicata, Sardegna, Sicilia, Toscana e Valle d’Aosta hanno un indice Rt maggiore di uno secondo la bozza di monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute. La Sardegna ha una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 3. Rischio alto per la Calabria, 16 Regioni rischio moderato. Scende il valore dell’Rt nazionale a 0.85, la scorsa settimana era 0,92.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
11:57

In corso a palazzo Chigi la cabina di regia

In corso a palazzo Chigi la riunione della cabina di regia presieduta da Draghi, che esaminerà i dati relativi all'epidemia per valutare eventuali riaperture. All'incontro partecipano il coordinatore del Cts Franco Locatelli, il presidente dell'Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro e i ministri Roberto Speranza, Maria Stella Gelmini, Giancarlo Giorgetti, Dario Franceschini, Stefano Patuanelli e Elena Bonetti, capidelegazione dei partiti di maggioranza.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
11:41

Nuovo record giornaliero in India, oltre 217mila contagi Covid

L'India ha registrato un ulteriore record di nuove infezioni da Coronavirus in 24 ore, con 217.353 positivi, secondo i dati resi noti oggi dal ministero alla Sanità. Nei dieci stati che vedono quasi l'80 per cento dei casi nazionali, (Maharashtra, Uttar Pradesh, Delhi, Chhattisgarh, Karnataka, Madhya Pradesh, Gujarat, Kerala, Tamil Nadu e Bengala Occidentale) le infezioni sono state ancora in crescita rispetto ai giorni precedenti. Il Maharashtra, dove Mumbai e altre città sono in semi-lockdown da due giorni, ha superato tutti con quasi  62mila nuovi positivi, seguito da Uttar Pradesh con 22.339 mentre Delhi riferisce 16.699 nuovi casi.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
11:26

Monitoraggio Iss, Campania dalla zona rossa alla zona arancione

La Campania nel monitoraggio Iss è fuori dalla zona rossa ed entra in quella arancione. L’Rt in Campania è 1 (0,96-1,03) e rischio basso ad alta probabilità di progressione. Ma i dati di incidenza indicano una nuova ripresa dei contagi Coronavirus. La provincia di Napoli infatti permane piena area di massimo rischio. Qui tutti i dati della Campania.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
11:14

Scuola, ipotesi superiori 100% in presenza in zona gialla-arancione a maggio

Scuole superiori in presenza al 100% a maggio in zona gialla e arancione: è questa l'ipotesi del Governo, in vista del prossimo decreto. Già attivati i tavoli prefettizi nelle varie città che stanno lavorando per organizzare il Trasporto pubblico locale nei vari territori.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
11:07

Conferenza stampa di Draghi alle 15

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, alle ore 15.00 di oggi, venerdì 16 aprile, terrà una conferenza stampa presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
11:04

Vaccini Covid in Sicilia senza prenotazione: code a Catania

Code al centro vaccinale di Catania
Code al centro vaccinale di Catania

Si registrano code e gente in fila al centro vaccinale di Catania dove oggi è possibile vaccinarsi senza prenotazione. Sono 66 gli Hub e i Centri vaccinali in tutta la Sicilia nei quali da oggi e fino a domenica 18 aprile i cittadini tra i 60 e i 79 anni che non presentano fragilità potranno vaccinarsi, anche senza avere prenotato il proprio turno. L'Open week-end, come è stato battezzato, prende l'avvio da una disposizione del presidente Musumeci per accelerare la campagna vaccinale nell'Isola. Il vaccino anti-Covid somministrato è quello di Astrazeneca.

A Catania, il polo vaccinale dell'ex mercato ortofrutticolo, fa registrare alta affluenza sin da questa mattina alle 9. "Ci aspettiamo di inoculare 1500 dosi di AstraZeneca e, dati i numeri di stamattina, immaginiamo di rispettare le previsioni", dice a Fanpage.it il commissario straordinario dell'Asp catanese Pino Liberti. Ma i cittadini lamentano assembramenti e lentezza. "Al bar ci stanno fare distanziati, qua come le bestie. Io me ne vado" così un uomo, prima di lasciare il suo posto in fila.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
10:58

Riapertura ristoranti, Crisanti: “Un solo caso può infettare decine di persone”

“Sicuramente tutti quanti avranno visto e letto che cosa è successo riaprendo tutti i ristoranti in maniera incontrollata: un singolo caso in una sera ha infettato quaranta persone e purtroppo ci sono stati anche dei morti”: a lanciare l’allarme è il virologo di Padova Andrea Crisanti, mentre le Regioni chiedono al governo di riaprire i ristoranti. “Non sono contrario alla riapertura dei ristoranti, non ne posso più neanche io, ma facciamo le cose fatte bene una volta per tutte”, precisa Crisanti.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
10:49

Vaccini Covid a over 80 in Veneto con accesso libero domani, domenica e lunedì: l'annuncio di Zaia

Vaccini Covid a over 80 in Veneto con accesso libero domani e domenica. Lo annuncia la Regione. "Ultraottantenni: chiamata straordinaria per ricevere il vaccino anti-Covid 19. Per completare in modo rapido e senza ostacoli la vaccinazione anti-Covid degli ultraottantenni (nati nel 1941 o prima) deambulanti e trasportabili, tra oggi e lunedì, ma in particolare sabato 17 e domenica 18 aprile, vengono aperti AD ACCESSO LIBERO i centri vaccinali del Veneto. In queste tabelle, una per ogni Ulss, gli orari e le modalità di accesso. Solo la Ulss 4 e la Ulss 8 continueranno con la modalità della prenotazione dal portale vaccinicovid.regione.veneto.it. Già la prossima settimana, compatibilmente con la disponibilità di dosi, cominceranno a essere vaccinati dai medici di base anche gli anziani in Assistenza Domiciliare e i non deambulanti", si legge sui social del presidente Zaia.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
10:38

L'infettivologo Rizzi: "Allentamenti e restrizioni per almeno tutto l'anno"

Marco Rizzi, primario del reparto di Infettivologia dell'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo: "Si può discutere a lungo se è meglio proteggere gli anziani o intervenire su chi circola di più e ha più contatti. In questo caso però si avrebbero più vittime nel breve periodo", dice in una intervista al Fatto Quotidiano. Sulle riaperture: "Che si debba andare avanti con allentamenti e restrizioni è un dato. Per almeno tutto l'anno". "Quest’anno ci saranno ancora alti e bassi. Non credo che torneremo presto alla vita del gennaio 2020, nemmeno fra un anno. A livello globale a oggi sta andando peggio di un anno fa, come numero di nuovi casi al giorno. Ci sono zone del mondo dove la pandemia è molto attiva. Quindi la possibilità che rientri una variante dall’estero sulla quale non abbiamo una buona copertura immunitaria è un rischio che resterà per un po’, forse qualche anno. C’è la necessità di una sorveglianza epidemiologica ben fatta, qualche cautela su versante dei viaggi internazionali e della vita sociale. Non si arriverà in fretta a fare tutto come prima, con eventi da 60mila persone spalla a spalla per molte ore o i mezzi pubblici pieni", il parere di Rizzi.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
10:27

In Russia 8.995 nuovi casi di Coronavirus, 397 morti

La Russia ha registrato 8.995 nuove diagnosi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, di cui 2.476 a Mosca, portando il conteggio nazionale a 4.684.148. Il paese ha anche registrato altri 397 decessi, portando il bilancio ufficiale a 104.795.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
10:13

In Toscana 1.239 diagnosi di Covid nelle ultime 24 ore

Sono 1.239 le diagnosi di Covid-19 accertate nelle ultime 24 ore in Toscana su 13.852 tamponi e 10.897 antigenici. Ieri i contagi da Coronavirus erano stati 1.206.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
10:02

Solo lo 0,008% di vaccinati negli Usa si è ammalato di Covid-19

Secondo i primi dati dei CDC, finora sono stati segnalati 5.800 casi di infezione in persone completamente vaccinate, di cui 396 hanno richiesto il ricovero in ospedale e 74 sono morte a causa della malattia. Il 40% dei casi ha riguardato persone di età pari o superiore ai 60 anni, con un terzo di infezioni asintomatiche.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
09:44

Indice Rt nazionale scende a 0.85

Scende il valore dell'Rt nazionale a 0.85. L'indice la scorsa settimana era 0,92. È quanto si apprende sul dato contenuto nel monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute che sarà diffuso oggi.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
09:37

Covid Germania, Merkel: "Situazione seria, virus non perdona alcuna esitazione"

"Purtroppo dobbiamo dire di nuovo: la situazione è seria, la terza ondata della pandemia la fa da padrone". Così la cancelliera tedesca Angela Merkel in Parlamento, presentando la modifica della legge sulla pandemia che prevede l'inserimento a livello federale del "freno di emergenza". Per Merkel "lo dicono i dati dei posti occupati in terapia intensiva". "Non possiamo lasciare da soli i medici e gli assistenti sanitari. Da soli non possono vincere questa battaglia. Hanno bisogno del sostegno dello Stato, della politica, della società, di noi cittadini, di noi tutti", le parole della cancelliera. "Il virus non perdona alcuna esitazione. Ogni indugio comporta solo che i tempi si allungano. Il virus capisce solo una cosa: la determinazione" e "ogni giorno conta", il discorso di Merkel al Bundestag.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
09:26

Per il ceo di Pfizer in autunno sarà possibile tornare alla normalità grazie ai vaccini Covid

Secondo il ceo di Pfizer Albert Bourla in autunno sarà possibile tornare alla normalità grazie ai vaccini anti-Covid. In un’intervista rilasciata ad alcuni quotidiani europei il numero uno di Pfizer ha annunciato un forte aumento della produzione dei vaccini nei prossimi mesi: “In questo trimestre consegneremo oltre quattro volte di più di quanto abbiamo fatto nel primo trimestre: 250 milioni di dosi. E nel 2022 saranno 3 miliardi”.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
09:16

Come cambieranno gli spostamenti tra Regioni a partire da maggio

Tra le richieste che i governatori faranno al governo per il piano riaperture non manca la possibilità di tornare a spostarsi tra Regioni in zona gialla. Misura che potrebbe andare in vigore a partire dal 1 maggio. L’obiettivo è tornare a far arrivare turisti, alle porte della stagione estiva, visto che le strutture ricettive restano aperte senza ricevere clienti. Si potrebbe raggiungere un compromesso a metà mese, con l’esecutivo che vorrebbe prima vedere gli effetti delle nuove misure che entreranno in vigore a inizio maggio.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
09:03

In Messico oltre 210.000 morti Covid da inizio pandemia

Ha superato quota 210.000 in Messico il numero di decessi per Covid registrati da inizio pandemia, secondo i dati dell'università americana Johns Hopkins. Finora il Messico ha riportato 2,29 milioni di casi di contagio, di cui 1,76 milioni guariti. È al terzo posto al mondo per numero di morti dopo Stati Uniti e Brasile, ma primo in rapporto alla popolazione.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
08:52

Crisanti su riaperture: "Abbiamo 400 morti al giorno e il 10% di vaccinati, secondo me qualcuno sbaglia"

"Una road map e un cronoprogramma penso che giovino a tutti, per la tranquillità e serenità di tutti. Però vorrei far riflettere su una cosa: Boris Johnson ha riaperto pochi giorni fa avendo 40 morti, 2.000 casi al giorno e il 65% della popolazione vaccinata. Noi invece abbiamo ogni giorno quasi 400 morti, 16mila casi e appena il 10% della popolazione vaccinata. Secondo me qualcuno sbaglia…". Lo ha detto Andrea Crisanti, microbiologo dell'università di Padova, intervenendo ad Agorà. "L'immunità di gregge non credo che la raggiungeremo, perché senza vaccinare le fasce d'età tra 1 e 18 anni non si raggiunge. È una questione proprio di carattere matematico. L'immunità di gregge si raggiunge con 42 milioni di vaccinati. Le persone da 1 a 18 anni sono circa 12 milioni. Nel migliore dei casi si vaccina l'80% della popolazione. Già stiamo sotto", ha spiegato parlando appunto della possibilità di raggiungere l'immunità di gregge in Italia.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
08:41

Bollettino vaccini Covid: somministrate in Italia 14.259.835 dosi

Sono 14.259.835 le dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate finora in Italia, l'83,2% del totale di quelle consegnate, pari a 17.143.590 (nel dettaglio 11.836.890 Pfizer/BioNTech, 1.320.400 Moderna e 3.986.300 AstraZeneca).  È quanto emerge dall'ultimo aggiornamento del report online. Le somministrazioni hanno riguardato 8.325.116 donne e 5.934.719 uomini. Le persone che hanno ricevuto entrambe le dosi sono 4.234.230.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
08:31

Governo e Regioni discutono su riaperture: oggi cabina di regia, verso la ripartenza il 3 maggio

Regioni e governo sono pronti a trattare per le riaperture. Oggi ci sarà la cabina di regia, poi si attenderà il monitoraggio dell’Iss di venerdì 23 aprile. Se tutto andrà bene la settimana dopo arriverà il nuovo decreto Covid con le riaperture da inizio maggio. Ma tra governatori ed esecutivo non c’è accordo quasi su nulla: bar, ristoranti, piscine, palestre, cinema, teatri e spostamenti tra Regioni.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
08:21

Quali Regioni potrebbero cambiare colore oggi dopo il monitoraggio Iss

È atteso per oggi, come ogni venerdì, il monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità sull’andamento della situazione epidemiologica nel Paese. In base ai dati che emergeranno il ministro della Salute Roberto Speranza firmerà poi le ordinanze per sancire il cambio di colori tra le Regioni. È probabile che dalla prossima settimana avremo un’Italia ancora più arancione, anche se in alcune Regioni la situazione rimane critica. Ancora nessuna Regione potrà passare in zona gialla, sospesa dall’ultimo decreto Covid fino al 30 aprile. Qui vediamo quali Regioni potrebbero cambiare colore dopo il monitoraggio dell’Iss di oggi: Campania e Puglia sperano di diventare arancioni.

A cura di Susanna Picone
16 Aprile
08:13

Le ultime notizie sul Coronavirus Covid-19 di oggi, venerdì 16 aprile

Sono 16.974 i positivi al Coronavirus in Italia secondo i dati del ministero della Salute di giovedì.Le vittime in un giorno sono state 380. In totale i casi da inizio epidemia sono 3.826.156, i morti 115.937. Sono 319.633 i tamponi molecolari e antigenici nell’ultima giornata: il tasso di positività è del 5,3%. Sono 3.417 i pazienti ricoverati nelle rianimazioni per Covid in Italia, in calo di 73 unità rispetto al giorno precedente. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 25.587 persone, in calo di 782. Qui il dettaglio Regione per Regione:

Lombardia: +2.722
Veneto: +1.081
Campania: +2.224
Emilia Romagna: +1.150
Piemonte: +1.264
Lazio: +1.330
Toscana: +1.206
Puglia: +1.867
Sicilia: +1.450
Friuli Venezia Giulia: +267
Liguria: +407
Marche: +326
P.A. Bolzano: +90
Abruzzo: +215
Umbria: +116
Calabria: +560
Sardegna: +279
P.A. Trento: +117
Basilicata: +217
Molise: +49
Valle d'Aosta: +74

Oggi consueto monitoraggio Iss col cambio di colore delle regioni e cabina di regia del Governo su riaperture e prossime misure anti-contagio. Le Regioni spingono per la ripartenza, anche nelle zone rosse. Le linee guida:  2 metri di distanza all'interno di palestre, cinema e ristoranti; servizio al banco solo fino alle 14. Il ministro Speranza ha annunciato che l’indice Rt in Italia è a 0.92. Il piano vaccini va avanti: Figliuolo annuncia l'arrivo di 7 milioni di dosi Pfizer in più nel trimestre, che compenseranno anche lo stop al J&J. Nel mondo 138.858.768 contagi. Oms: situazione in Europa grave, ogni settimana vengono segnalati 1,6 milioni nuovi casi. Da domenica gli israeliani non avranno più l'obbligo di portare la mascherina all’aperto. La Francia supera quota 100.000 morti per Covid. Aumento dei contagi in Germania, che accelera coi vaccini: fatte 738.000 vaccinazioni in un giorno. In Messico oltre 210.000 morti da inizio pandemia.

A cura di Susanna Picone
188 CONDIVISIONI
27127 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni