11 Novembre 22:50 Spagna chiederà ai viaggiatori da Paesi ad alto rischio tampone che attesti negatività

La Spagna chiederà a tutti i viaggiatori in arrivo da Paesi ad alto rischio un tampone che ne attesti la negatività al Coronavirus effettuato 72 ore prima dell'atterraggio in qualsiasi aeroporto a partire dal 23 novembre. Lo scrive El Pais citando il ministro della Salute Salvador Illa. Finora la Spagna non richiedeva alcun test.

.

11 Novembre 22:30 Discoteche in Sardegna, opposizioni annunciano mozione di sfiducia contro Solinas

Continua la polemica che riguarda l’ordinanza che in estate ha permesso la riapertura in Sardegna delle discoteche e su cui la Procura di Cagliari ha avviato un fascicolo per epidemia colposa. I partiti di minoranza chiedono il passo indietro del governatore Christian Solinas e l’istituzione di una commissione d'inchiesta per fare luce su alcuni aspetti della gestione dell'emergenza Covid nella regione. Contro Solinas si sono ricompattate le opposizioni nel Consiglio regionale dell'isola. Movimento 5 Stelle, Progressisti, Partito Democratico e Leu ritengono “quanto successo estremamente grave”. “I sardi non meritano di essere governati in questo modo”, così le minoranze in una nota.

11 Novembre 21:59 Il ministro Boccia: “Il numero dei morti aumenterà ancora”

"La curva sta decelerando e questo è un bene. Ma non mi tranquillizza. Dall'esperienza della prima ondata abbiamo la certezza che prima aumentano i contagi, poi i ricoveri, poi le terapie intensive e poi aumenta il numero dei morti. E il numero dei deceduti aumenterà ancora nei prossimi giorni e questo deve farci sentire tutti responsabili e feriti". Lo ha detto il ministro Francesco Boccia a Porta a Porta. Un numero che "per essere tenuto basso il più possibile implica che ora si debbano fare sacrifici ma che non sono il lockdown di marzo", ha aggiunto.

11 Novembre 21:30 Covid Francia, 35.879 nuovi contagi e 329 morti

Sono stati 35.879 i nuovi casi di Covid-19 da ieri in Francia e 329 i decessi negli ospedali. Questa cifra porta il totale da inizio pandemia a 42.536 vittime, comprese quelle nelle case di riposo e negli istituti per disabili. Con 351 nuovi ingressi nei reparti di rianimazione, il totale dei pazienti più gravi ricoverati in queste strutture sale a 4.789, su una capacità totale di 6.400 letti, che dovrebbe presto aumentare a 7.500. I ricoverati in ospedale sono 31.918, una cifra vicina al picco del 14 aprile, quando se ne registrarono 32.292.

11 Novembre 21:11 Galli: “Aprire discoteche in estate è stata una specie di ‘liberi tutti'”

"L’apertura delle discoteche questa estate non è stata la causa di tutto ma è stata chiaramente una specie di ‘liberi tutti', che è stato poi seguito da tantissime persone senza nessuna esitazione e il risultato lo stiamo vivendo oggi": a dirlo Massimo Galli, infettivologo dell’ospedale Sacco, intervistato dal Tg4, dopo le rivelazioni sul verbale del Cts sardo che aveva dato parere sfavorevole alla riapertura dei locali da ballo in Sardegna, riaperti invece prima di Ferragosto dal presidente Christian Solinas. "Non ho nessuna voglia di passare per quello che ha avuto ragione, in un caso come questo – premette -, ma posso dire che ero assolutamente allibito e indignato che alcuni provvedimenti fossero stati presi" quest’estate.

11 Novembre 20:56 Tornano a salire i contagi a New York, ristoranti e bar chiusi di sera

Nuova Stretta a New York dopo la nuova impennata di contagi da coronavirus registrata nella metropoli statunitense già pesantemente colpita nella prima ondata della pandemia. Ristoranti e bar rimarranno chiusi di sera, dalle 22 in poi, così come le palestre. Il governatore di New York Andrew Cuomo ha anche imposto a dieci il numero massimo di persone che si possono riunire nelle abitazioni.

11 Novembre 20:41 Sottosegretario Zampa: “Per Natale imporremo incontri solo coi parenti di primo grado”

"Non credo che ci possano essere allentamenti delle misure per Natale: dovremo anzi prevedere molto probabilmente una limitazione delle persone riunite a non oltre il primo grado di parentela" lo ha dichiarato il sottosegretario alla Salute Sandra Zampa ribadendo che il governo sta studiando muove  limitazioni per i cenoni di Natale per evitare assembramenti anche in casa. "Credo che sarà un Natale ben diverso da quello che abbiamo conosciuto" ha aggiunto Zampa ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7.

11 Novembre 20:23 Covid, a Napoli il governo pronto a mandare esercito e protezione civile

Il governo pronto a mandare esercito e protezione civile in Campania. L'ipotesi sarebbe al vaglio dell'Esecuti come avrebbe spiegato il premier Giuseppe Conte al capo della protezione civile, Angelo Borrelli, al quale avrebbe detto che "il Governo non rimane con le mani in mano", e che "se c'è stress sulle strutture sanitarie, si interviene con l'esercito e con la possibilità di nuovi Covid Hotel a Napoli. Siamo lo Stato, e se ci sono segnalazioni diffuse di criticità sulle strutture sanitarie della città di Napoli, serve dare un segnale". L'invio dell'esercito e della protezione civile rientra nel tentativo di far rispettare le normative vigenti, che vietano gli assembramenti in strada e obbligano alla mascherina anche all'aperto. Due regole di base che però non vengono sempre rispettate.

11 Novembre 20:04 Il vescovo di Pinerolo sospende le messe: “Troppi contagi, vi chiedo di fare uno sforzo”

Messe sospese a Pinerolo in nome del "bene comune". Per due settimane la diocesi guidata dal vescovo Derio Olivero sospende le funzioni religiose: "Questa estate avevamo pensato che la pandemia fosse alle nostre spalle, invece siamo nella stessa situazione, se non peggio, ci sono tantissimi contagi e tanti malati in ospedale anche in terapia intensiva, a tutti vengono chiesti sacrifici enormi per contenere i contagi, ai giovani, ai ristoratori, ai commercianti che avevano fatto tanti sacrifici per adeguarsi alle norme. A noi cristiani non è stato chiesto di sospendere le messe, ma io vi chiedo di fare uno sforzo in questo senso per due settimane, per il bene comune". È quanto scrive in una lettera aperta ai fedeli il vescovo. Don Derio Olivero, in primavera ricoverato in terapia intensiva col Covid, si dice consapevole che molti forse non saranno d’accordo, "ma la nostra identità sta nella nostra capacità di seguire Gesù Cristo. Lo so abbiamo bisogno di lui. Non possiamo radunarci in chiesa, ma possiamo farlo a casa, con i familiari, i figli e i nipoti. E pregare con loro, in casa, pregando addirittura di più. E dedicando ancora più attenzione alle relazioni. Insomma ‘chiudiamo per aprire' nel nome di una chiesa meno ripetitiva, meno individualistica, meno autocentrata".

11 Novembre 19:57 Sileri: “Verosimile vaccino Pfizer a inizio 2021”

 Il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ritiene verosimile che il vaccino anti-Covid possa essere a disposizione a partire dall’inizio del 2021. “L’autorizzazione ancora non c'è, ma è verosimile che il vaccino anti-Covid Pfizer, di cui si parla in questi giorni, sarà a disposizione a partire da inizio anno”, ha detto Sileri durante la trasmissione ‘Oggi è un altro giorno’. A confermare che queste siano le date plausibili è anche la commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides, secondo cui, nello scenario migliore, le prime dosi di vaccino “potrebbero arrivare già a fine 2020, inizio 2021”.

11 Novembre 19:47 In Spagna oltre 19.000 nuovi casi: superati i 40.000 morti da Covid

La Spagna ha superato i 40.000 morti da Covid dall'inizio della pandemia. Lo hanno comunicato le autorità sanitarie iberiche. I nuovi casi registrati sono 19.096 e il totale arriva a 1.417.709, con un'incidenza cumulativa di 514 casi ogni 100.000 abitanti, mentre il numero dei decessi è salito a 40.105, di cui 349 segnalati nelle ultime 24 ore. La pressione ospedaliera è pari al 16,79%, con il 31,78% dei posti letto in terapia intensiva occupati da pazienti Covid, come nei giorni scorsi.

11 Novembre 19:29 La Svezia vieta la vendita di alcolici dopo le 22 per rallentare la diffusione del Covid

Per contenere la nuova ondata di contagi il governo svedese ha deciso di vietare la vendita di alcol in bar, ristoranti e nightclub dopo le 22 a partire dal 20 novembre e fino alla fine di febbraio. Il Paese nordeuropeo non ha adottato il lockdown dall'inizio della pandemia preferendo appellarsi alla responsabilità individuale. Ora il premier Stefan Lofven rileva che le raccomandazioni vengono spesso disattese e quindi il governo deve fare di più. "Tutti gli indicatori vanno nella direzione sbagliata", ha detto il premier svedese aggiungendo che "il virus si sta diffondendo velocemente e nell'ultima settimana il numero di persone positive in terapia intensiva sono più che raddoppiate". Dall'inizio della pandemia la Svezia ha avuto 166.707 casi e 6.082 decessi.

11 Novembre 18:56 Le regole per le Regioni in zona arancione

Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia, Toscana e Umbria sono le Regioni che attualmente rientrano nella zona arancione, stando alla suddivisione introdotta attraverso il dpcm del 3 novembre per la gestione dell’emergenza Coronavirus. Qui spieghiamo cosa si può fare e cosa no nelle zone arancioni: ad esempio, in queste regioni è previsto il divieto di spostamento dal proprio comune, così come la chiusura di bar e ristoranti.

11 Novembre 18:41 Covid Regno Unito, aumento dei contagi: quasi 23.000 nelle ultime 24 ore

Nel Regno Unito sono stati registrati nelle ultime 24 ore 22.950 nuovi casi di coronavirus, in lieve aumento rispetto ai 20.000 circa di ieri. In totale finora sono risultati positivi nel Paese in 1.237.226.

11 Novembre 18:25 Animali col Covid: perché gli scienziati sono preoccupati

Uno studio guidato da scienziati dell’Università della California ha dimostrato che oltre 400 specie di vertebrati sono suscettibili all’infezione da coronavirus. Circolando in altri animali e tornando all’uomo, il patogeno potrebbe accumulare mutazioni potenzialmente pericolose, come quelle osservate in alcuni allevatori contagiati dai visoni che ad oggi è l’unico animale per il quale è stata dimostrata la capacità di infettare l’uomo.

11 Novembre 18:13 Covid Lazio, oggi 2.479 nuovi casi e 38 decessi

Diminuiscono i nuovi positivi nel Lazio. Secondo il bollettino di oggi, su oltre 26mila tamponi, si registrano 2.479 casi. Ieri i nuovi positivi erano stati 2.608 su oltre 29mila tamponi eseguiti. I decessi sono 38 a fronte dei 36 di ieri e i guariti nelle ultime 24 ore sono invece 447. Nel Lazio sono attualmente positive 57.583 persone. Di queste, 3.168 sono ricoverate.

11 Novembre 17:57 Oltre tremila pazienti in terapia intensiva in Italia

Con i dati di oggi l'Italia supera il milione di casi Covid 19 dall'inizio della pandemia. I contagiati totali, compresi guariti e vittime, sono 1.028.424. Oggi è stata superata anche la soglia dei 3.000 pazienti in terapia intensiva. Con i 110 delle ultime 24 ore il totale è di 3.081 persone in rianimazione. Il limite massimo resta quello del 3 aprile scorso con 4.068 ricoverati in terapia intensiva.

11 Novembre 17:40 Visite saltate in gravidanza durante la pandemia: triplicato il numero dei bambini nati morti

Da uno studio coordinato da Mario De Curtis dell’Università La Sapienza di Roma e pubblicato da Archives Disease in Childhood emerge come nella prima fase della pandemia da Coronavirus, nel periodo da marzo a maggio 2020, siano triplicati i bambini nati morti rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ciò sarebbe dovuto alle visite saltate durante la gravidanza.

11 Novembre 17:22 Covid Lombardia, 8.180 contagi e 152 morti in 24 ore

Nelle ultime 24 ore in Lombardia sono stati segnalati 8.180 nuovi contagi di Coronavirus e 152 morti. I ricoveri in ospedale fanno registrare un forte aumento (più 225 rispetto a ieri) così come quelli in terapia intensiva (più 56 rispetto a ieri, per un totale di 764). Qui il bollettino con i dati dell’11 novembre sui contagi Covid in Lombardia.

11 Novembre 17:08 In Campania oggi 3.166 casi e 34 morti

Covid, i numeri della pandemia in Campania: oggi 3.166 contagi su 18.446 tamponi. Ieri erano stati 2.716 su 14.290 tamponi analizzati. Altri 34 morti, il totale complessivo è di 896. La Campania resta per ora ancora in zona gialla, ma il rischio di un lockdown mirato nelle province di Napoli e Caserta cresce.

11 Novembre 17:00 Il bollettino di oggi: 32.961 casi, 623 morti. Superato il milione di positivi da inizio emergenza

In Italia nelle ultime 24 ore i nuovi casi di Coronavirus sono stati 32.961, per un totale di 1.028.424 casi dall’inizio dell’emergenza Covid-19. I morti nell’ultima giornata sono 623. La Regione con più casi positivi su base giornaliera è la Lombardia con oltre 8000 casi, seguita da Campania e Veneto con oltre 3000 casi ciascuna.

11 Novembre 16:51 Il primo italiano che ha fatto il vaccino russo: “Sto bene, l’Italia lo compri”

Vincenzo Trani, presidente della Camera di Commercio Italia-Russia, il 6 novembre si è sottoposto al vaccino Sputnik V, il primo messo in produzione a livello mondiale: “Mi avevano preannunciato lievi effetti collaterali come febbre e mal di testa. Invece sto benissimo. Che aspetta il governo ad acquistarlo?”.

11 Novembre 16:44 In Friuli oggi 572 nuovi casi e 13 morti

Nelle ultime 24 ore in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 572 nuovi casi (6.171 tamponi eseguiti) e 13 decessi da Covid-19. Lo ha reso noto il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Le persone risultate positive al virus in regione dall'inizio della pandemia ammontano in tutto a 16.102, di cui: 4.778 a Trieste, 6.414 a Udine, 2.977 a Pordenone e 1.732 a Gorizia, alle quali si aggiungono 201 persone da fuori regione. I casi attuali di infezione sono 8.285. Sono 46 i pazienti in cura in terapia intensiva e 346 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 489, con la seguente suddivisione territoriale: 239 a Trieste, 126 a Udine, 111 a Pordenone e 13 a Gorizia.

11 Novembre 16:33 L’allarme di medici e infermieri: “Situazione drammatica, gli ospedali sono al collasso”

Gli ospedali "sono ormai vicini al collasso, per carenza di personale e mancanza di posti letto a fronte dell’abnorme afflusso di malati per la rapida e vertiginosa diffusione dell’infezione da Covid. Non vanno dati messaggi che sminuiscono la situazione". È l’allarme lanciato, in una lettera aperta, dai medici internisti, geriatri e infermieri di Medicina interna. La situazione ospedaliera, affermano, "è drammatica".

11 Novembre 16:25 USA, nei primi 10 giorni di novembre un milione di casi

Gli Stati Uniti hanno raggiunto martedì un record nei ricoveri per coronavirus e hanno superato 1 milione di nuovi casi confermati solo nei primi 10 giorni di novembre. La seconda ondata si sta dimostrando più grande e più diffusa di quella primaverile e di quella estiva e minaccia di peggiorare. Malgrado ciò gli esperti sostengono che questa volta la nazione è in grado di affrontare meglio il virus. "Siamo decisamente in una posizione migliore" per quanto concerne strumenti e conoscenze mediche, ha affermato William Hanage, ricercatore sulle malattie infettive dell’Università di Harvard. Le infezioni giornaliere recentemente confermate negli Stati Uniti si aggirano intorno a quota 100mila, spingendo il totale a oltre 10 milioni di casi, circa 1 milione da Halloween. Ora ci sono 61.964 persone ricoverate in ospedale, secondo il Covid tracking project. Le morti sono di nuovo in aumento, raggiungendo una media di oltre 930 al giorno. Ma ancora ben al di sotto del picco di circa 2.200, raggiunto ad aprile, alcuni ricercatori stimano che il bilancio complessivo nel Paese raggiungerà quota 400mila entro il 1 ° febbraio, rispetto ai circa 240mila morti registrati finora.

11 Novembre 16:17 Il coronavirus provoca abbondante caduta dei capelli nel 30% dei pazienti

Il coronavirus causa l'abbondante caduta di capelli in oltre il 30 per cento dei pazienti contagiati. È quanto emerso durante il 94esimo congresso della SIDeMaST, la Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse, e a renderlo noto è stata la professoressa Bianca Maria Piraccini dell’Università di Bologna, spiegando che comunque il fenomeno è transitorio e si verifica più spesso a 2/3 mesi di distanza dalla guarigione.

11 Novembre 16:03 Crisanti: “Sistema di tracciamento saltato, lavorare per evitare terza ondata”

Andrea Crisanti boccia la tesi della ministra Azzolina, che ha definito la scuola "un formidabile strumento di tracciamento". "Non capisco come faccia a sostenere una cosa simile", dice il virologo all'Agi. "La scuola è uno spazio, una comunità, una rete sociale in cui convergono numerose famiglie e relazioni e in cui si concentrano potenziali contagi. Se si testa tutta un'intera classe non si traccia nulla, quello che si ottiene è un'informazione sul livello di trasmissione in quella comunità". Non solo. La ministra ha parlato di test rapidi, ma questi – sottolinea Crisanti – "danno spesso falsi negativi". Crisati chiede di investire per evitare la terza ondata di Covid: "Con il sistema di tracciamento che è saltato del tutto, oggi si può fare poco. Si può però investire per evitare una terza ondata l'anno prossimo". Quanto al contributo dei medici di base nell'esecuzione dei tamponi, Crisanti dice che "i medici di famiglia non sono in grado di condurre un tracciamento. Effettuano test rapidi, quelli antigenici, quindi a bassa sensibilità, e inseriscono i dati in un sistema. Non è un grande apporto al tracciamento, che già non funziona a livello ottimale".

11 Novembre 15:46 Morti altri due medici per Covid, sono 188 dall’inizio della pandemia

Altri due medici sono morti a causa dell'epidemia di Covid-19: Sono Domenico Pacilio, medico di famiglia di 52 anni di Napoli, e Giorgio Drago, medico di famiglia di Alessandria. Lo rende noto la Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), che sul proprio sito aggiorna costantemente la lunga lista dei medici deceduti per Covid includendo medici in servizio, in pensione o richiamati in servizio. Il totale dei medici deceduti dall'inizio della pandemia sale a 188.

11 Novembre 15:31 Covid Toscana, 2.507 contagi e 53 decessi

In Toscana sono complessivamente 69.920 i casi di positività al Coronavirus, 2.507 in più rispetto a ieri (2.036 identificati in corso di tracciamento e 471 da attività di screening). I nuovi casi sono il 3,7% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti raggiungono quota 20.319 (29,1% dei casi totali). I tamponi eseguiti sono 1.259.794, 17.821 in più rispetto a ieri. Sono 9.150 i soggetti testati (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 27,4% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 1.659 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono 47.900, +3,4% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.874 (50 in più rispetto a ieri), di cui 246 in terapia intensiva (4 in più). Si registrano oggi 53 nuovi decessi: 29 uomini e 24 donne con un'età media di 81,8 anni. Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

11 Novembre 15:14 Covid Umbria, 515 contagi e 12 decessi

In Umbria si registra un incremento di 515 nuove diagnosi di Covid nelle ultime 24 ore (ieri erano 485). Si contano anche 12 decessi in un giorno e 309 guariti. Incremento di 2 terapie intensive e calo nei reparti ordinari (-4). I tamponi effettuati sono 4.755 (10.83% positivi).

11 Novembre 15:00 Domenico Arcuri sarà il responsabile del piano di distribuzione dei vaccini

Domenico Arcuri, Commissario straordinario per l'emergenza coronavirus, sarà il responsabile del piano operativo per la distribuzione dei vaccini in Italia. Stando a quanto apprende l'ANSA da fonti del governo, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarebbe intenzionato ad accelerare sul piano nazionale per i vaccini: questa mattina ha incontrato Arcuri e, d'accordo anche con il ministro della Salute Roberto Speranza, ha discusso con lui della decisione di affidargli l'incarico in vista dell'arrivo delle prime dosi del vaccino. Arcuri dovrà dunque occuparsi della distribuzione, dalla gestione delle scorte alla conservazione e spedizione, perché "sia efficiente – spiegano dal governo – e avvenga in piena sicurezza".

11 Novembre 14:49 Milano, moglie e marito muoiono insieme di covid in ospedale

Insieme sono entrati in ospedale, insieme sono morti. La toccante storia è quella di un uomo e una donna di 75 e 77 anni, marito e moglie, che non sono riusciti a battere il Coronavirus e si sono purtroppo spenti al Policlinico di San Donato insieme, a pochi minuti di distanza l’uno dall’altro. Lutto nel Comune di Tribiano, paese in cui vivevano. L’Amministrazione si è detta pronta ad organizzare una cerimonia funebre.

11 Novembre 14:01 L’allarme del sindaco di Varese: “Non c’è più posto nei nostri ospedali”

"I nostri ospedali stanno raggiungendo la saturazione, non c'è più posto". L'allarme è stato lanciato all'Ansa da Davide Galimberti, sindaco di Varese, al centro di un territorio dove sono in forte crescita i contagi da Coronavirus e i ricoveri. "Da Busto Arsizio a Varese, fino a Tradate, da giorni gli ospedali sono sotto pressione, si è cercato di recuperare posti letto nei vari reparti ma siamo al limite – dice -. L'auspicio è che le misure del lockdown portino in fretta gli effetti sperati e che siano attivati velocemente i Covid hotel, per alleggerire la pressione sugli ospedali che sono al limite".

11 Novembre 13:58 Come è fatto il Coronavirus: il modello in 3D

Come è fatto il Coronavirus? A questa domanda ha provato a rispondere un team di ricerca internazionale guidato da scienziati della King Abdullah University of Science and Technology (KAUST) che ha sviluppato il modello 3D più avanzato in assoluto del coronavirus SARS-CoV-2, basandosi su scansioni di potenti microscopi elettronici e ricerca sulle proteine virali e che mostra anche l’interno del patogeno.

11 Novembre 13:48 Discoteche aperte in Sardegna in estate, spunta parere negativo del Cts

Si complica il ‘giallo' sul parere del Comitato tecnico scientifico (Cts) della Sardegna su cui la Regione si è basata per adottare l'ordinanza dell'11 agosto con cui ha deciso di aprire le discoteche nel periodo di Ferragosto, il che avrebbe agevolato la diffusione del contagio da Coronavirus. Secondo quanto riporta il sito di Repubblica, il Cts espresse un giudizio di non approvazione già il 6 agosto, attraverso una mail inviata all'assessore della Sanità Mario Nieddu e al direttore generale della Sanità Marcello Tidore. In quei giorni i consulenti furono chiamati ad analizzare una prima bozza dell'ordinanza che conteneva la proroga ai locali da ballo. E il giudizio, dice Repubblica, fu inequivocabile: "Il Comitato non approva il documento". Il Cts ha espresso anche le sue preoccupazioni per gli assembramenti documentati dalle foto sui social: "Stiamo assistendo all'apertura di attività dove addirittura l'assembramento viene ostentato come elemento di richiamo pubblicitario". Cinque giorni dopo, l'11 agosto, Solinas firmò l'ordinanza n.38, finita ora sul tavolo della Procura di Cagliari con l'apertura di un fascicolo per epidemia colposa.

11 Novembre 13:38 Ue: “In scenario migliore vaccino a fine anno o inizio 2021”

"Nello scenario migliore le prime dosi di vaccino "potrebbero arrivare già a fine 2020, inizio 2021". Così la commissaria Ue alla Salute, Stella Kyriakides, ad una domanda su quando arriverà potrebbero essere disponibili le prime dosi dell'antidoto contro il Coronavirus.

11 Novembre 13:28 La Russia annuncia: “Il vaccino Sputnik V è efficace al 92 per cento”

Dopo l'annuncio dell'americana Pfizer e della tedesca BioNtech, arriva una buona notizia anche dalla Russia. Le possibilità di contrarre il Covid-19 sono state del 92% inferiori tra le persone vaccinate con lo Sputnik V rispetto a quelle che hanno ricevuto il placebo (nello specifico 20 dei 16.000 volontari hanno contratto il virus), secondo quanto dichiarato dal Fondo russo per gli investimenti diretti. Si tratta di cifre ben al di sopra della soglia di efficacia del 50% per i vaccini contro il Covid-19 stabilita dalla Food and Drug Administration statunitense.

11 Novembre 13:17 Calo dei nuovi casi in Basilicata: 189 contagi e 3 morti nelle ultime 24 ore

Calo di contagi di Coronavirus in Basilicata, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati 189 nuovi casi, rispetto ai  264 di lunedì, a fronte di 1456 tamponi processati. Una ventina di casi si riferiscono a cittadini residenti fuori regione. È quanto fa sapere la Giunta regionale. Quattro in totale le persone guarite e tre quelle decedute. Stabile il numero di ricoverati negli ospedali, pari a 152, di cui diciannove nei reparti di terapia intensiva di Potenza e Matera.

11 Novembre 12:57 Primo cane positivo al Covid in Italia: “Contagiato dall’uomo, ma non può infettare”

il cane risultato positivo
in foto: il cane risultato positivo

Il Covid-19 è stato diagnosticato anche in un cane: si tratta del primo caso in Italia e si è verificato a Bitonto, in provincia di Bari, una barboncina di un anno e mezzo che vive in casa con quattro persone, tutte positive e sintomatiche. Il cane invece non ha alcun sintomo. L'infettivologo Nicola Decaro, 47 anni, che ha rilevato la positività, ha spiegato a Repubblica: "Carica virale molto bassa. Gli animali non sono un pericolo per la nostra salute, al contrario bisogna proteggerli".

11 Novembre 12:45 In Veneto 3082 nuovi casi e 46 morti nelle ultime 24 ore

In Veneto nelle ultime 24 ore sono stati registrati 3082 nuovi casi e 46 decessi. Lo ha annunciato il presidente della Regione Luca Zaia nel corso della conferenza stampa giornaliera per fare il punto della situazione dell'emergenza a livello regionale. I ricoveri in terapie intensive sono invece tornati al livello del 19 marzo: "Siamo nella fase di turbolenza: con 1.772 ricoverati siamo al livello raggiunto il 30 marzo, come terapie intensive siamo al 19 marzo. Abbiamo ricoveri che pesano, stiamo riaprendo in continuazione reparti per ricoverare i pazienti".

11 Novembre 12:29 Garattini: “Quella dei vaccini è buona notizia ma va presa con molta cautela, servono i dati”

"Quella dei vaccini è una buona notizia ma va presa con molta cautela. Si tratta di informazioni via stampa. Noi invece vorremmo vedere le pubblicazioni scientifiche, i dati, perché ci sono ancora molti punti di domanda". Così Silvio Garattini, farmacologo, presidente e fondatore dell'Istituto ricerche farmacologiche "Mario Negri", ha commentato l'annuncio di Pfizer sull'efficacia del vaccino al 90%. "Penso – aggiunge – che per l'inizio dell'anno ci possa essere disponibilità, ma molto piccola. E che in primavera si ampli, sperando che non ci sia solo un vaccino, ma che ce ne siano anche altri".

11 Novembre 12:14 Il vaccino Pfizer-BioNtech deve essere conservato a 70 gradi sotto zero

Dal momento in cui le dosi lasceranno il sito produttivo, dovranno essere conservate alla temperatura di 70 gradi sotto zero e iniettate entro 5 giorni una volta scongelate. Questo richiederà una complessa e costosa catena del freddo la cui implementazione rischia di complicare la distribuzione e lasciare indietro i Paesi in via di sviluppo.

11 Novembre 12:04 Milano, la testimonianza di Giovanni: “Noi infermieri ci stiamo rimettendo la pelle”

Giovanni è un infermiere di pronto soccorso di 34 anni. Da domenica è uno dei tanti operatori sanitari ricoverati nel reparto Covid dell'ospedale San Carlo di Milano dopo esser risultato positivo al tampone. A Fanpage.it denuncia: “Anche in questa seconda ondata ancora una volta ci siamo fatti trovare impreparati. Non avevo mai visto, prima di queste settimane, colleghi piangere. Siamo senza forze”.

11 Novembre 11:47 Scuole chiuse a Catanzaro da domani al 28 novembre: “Ridurre occasioni di contagio”

Da domani, fino a sabato 28 novembre, saranno sospese le attività didattiche in presenza, con conseguente attivazione di quelle a distanza, nelle scuole di ogni ordine e grado di Catanzaro. Lo ha stabilito il sindaco del capoluogo calabrese, Sergio Abramo, facendo seguito alla proposta ricevuta dal dipartimento di Prevenzione dell'Asp. "Questa sospensione servirà a ridurre le occasioni di contagio e, di pari passo, a garantire il tempo necessario all'Asp per smaltire i tamponi da analizzare e aumentare lo sforzo organizzativo per il tracciamento dei contatti", ha affermato Abramo.

11 Novembre 11:34 Incontro Conte e capi delegazione con il ministro Boccia per fare il punto sulle misure anti-Covid

A breve ci sarà una riunione di Giuseppe Conte insieme ai capi delegazione e al ministro Boccia, a quanto si apprende da più fonti di governo, per fare un punto sulle misure di contrasto al contagio da Covid, alla luce dei dati del monitoraggio. Un passaggio potrebbe anche essere fatto sulla Campania, Regione nella quale sono al lavoro gli ispettori del ministero della Salute.

11 Novembre 11:29 L’ospedale San Raffaele di Milano contro Roberto Burioni: “Evitare inutili allarmismi”

Polemiche social dopo che il virologo Roberto Burioni ha scritto in un tweet a commento dei dati di ieri sul Coronavirus in Italia: "Alcuni dicono che i pronto soccorso sono affollati da persone in preda al panico, e può essere vero. Ma quelle centinaia di persone che finiscono ogni giorno al cimitero a causa di Covid-19, sono spinte dal panico? Basta bugie. Basta bugie. Basta Bugie". Ma è proprio l'ospedale in cui l'esperto insegna, il San Raffaele di Milano, che dopo ore ha risposto così: "Pur riconoscendo l'autonomia di espressione, il Gruppo San Donato e l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano lo invitano a considerazioni più rispettose della verità e del lavoro altrui. Il Gruppo si discosta dal pensiero del professore, in quanto le sue considerazioni sono del tutto infondate dal momento che non è a conoscenza della realtà clinica che si vive nei pronto soccorso e nei reparti Covid", si legge nella nota diffusa oggi dall'ospedale .

11 Novembre 11:21 Contagi nelle Rsa “peggiori della prima ondata”

Preoccupano i focolai di Coronavirus nelle Rsa, che rischiano di essere peggiori di quelli della prima ondata. Qualche esempio? In tutta la Toscana, secondo dati relativi agli ultimi giorni, sono 1.103 gli anziani ricoverati nelle Rsa positivi al Covid, allarme anche in Puglia, dove a Foggia tutti i 70 ospiti della struttura Fondazione Palena, inclusi 28 dipendenti, sono risultati contagiati.

11 Novembre 10:50 Vaccino anti-Covid, chi sono gli scienziati che l’hanno scoperto

Uğur Şahin e sua moglie Özlem Türeci, insieme alla loro azienda, la tedesca BioNtech, sono i protagonisti della realizzazione del vaccino anti-Covid insieme alla Pfizer. Entrambi di origine turca, da gennaio lavorano alla produzione dell'antidoto basato sull’mRNA: "Questa è una vittoria per l’innovazione, la scienza e uno sforzo di collaborazione globale".

11 Novembre 10:27 Il sottosegretario Zampa: “Non c’è data precisa per il vaccino ma copriremo tutti gli italiani”

"Al momento nessuno può dare una data precisa ma posso assicurare che non perderemo neanche un giorno". Sull'arrivo del vaccino anti Covid-19 la sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa assicura in un'intervista a Il Messaggero che "l'Italia avrà diritto a poco meno del 14% dei vaccini Pfizer prenotati dall'Unione Europea. Si tratta grosso modo di 40 milioni di dosi che però vanno iniettate due volte, quindi circa 20 milioni di italiani saranno ‘coperti' da questo vaccino" mentre "gli altri cittadini potranno contare su altri prodotti analoghi", anche se "il punto critico sarà la distribuzione" ma "per fortuna l'Ema, l'Agenzia europea per i medicinali, assicurerà le correte procedure per tutti i paesi dell'Unione".

11 Novembre 10:12 Azzolina: “A scuola rischio basso, classi restino aperte”

La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina continua ad affermare l’importanza di tenere le scuole aperte: “Dobbiamo provare a tenere aperte le scuole. Anche se dovessero esserci ulteriori restrizioni: più si limitano le attività fuori della scuola, più si abbassa il rischio dentro la scuola. Perché dentro la scuola ormai lo riconoscono tutti che le regole ci sono”. Ma non nasconde le difficoltà nel tracciamento dei contatti all’interno delle scuole, ormai saltato, e punta il dito contro le Asl. "Avevamo dei numeri veramente molto confortanti rispetto alla popolazione scolastica. Dopodiché a causa delle Asl, che come sappiamo sono molto in affanno, non lo abbiamo più chiesti".

11 Novembre 10:06 Ricciardi: “Area di Napoli al collasso, chiuderla subito”

Mentre prosegue il botta e risposta tra Ministero e Iss da un lato e Vincenzo De Luca dall'altro sulla Campania zona gialla, è tornato a parlare dell'argomento Walter Ricciardi, consigliere personale del ministro della Salute, Roberto Speranza. "Da due settimane dico che l'area metropolitana di Napoli va chiusa, il problema è che i dati su cui si base questa valutazione vengono fornite dalle regioni", ha detto, sottolineando che "a Napoli in certi ospedali si è oltre la soglia di saturazione per quanto riguarda il ricovero dei pazienti Covid in reparti di terapia subintensiva. Nell'arco delle prossime due settimane si satureranno anche le terapie intensive, per non parlare dei pronto soccorsi che sono gIà al collasso".

11 Novembre 09:27 In Germania 18mila nuovi casi, calo rispetto al picco

In Germania sono stati registrati nelle 24 ore 18.487 nuovi contagi da Coronavirus secondo quanto riportato dal Robert Koch Institut (Rki), il centro epidemiologico tedesco. Si tratta di un aumento di 3.155 casi rispetto alle infezioni segnalate ieri dall'Rki, ma di un calo deciso rispetto agli oltre 23mila casi di sabato scorso, che hanno rappresentato finora il picco assoluto della pandemia nel Paese. In crescita, però, i decessi: 261 nelle 24 ore. "Vediamo una dinamica dei casi che negli ultimi giorni appare essere in calo", ha commentato il ministro alla Sanità Jens Spahn, secondo il quale "si tratta di uno sviluppo incoraggiante, che però non basta. Sono segnali di un cambiamento, ma ancora non di una svolta".

11 Novembre 09:19 Galli (Sacco): “Siamo come in guerra, ma alcuni sembrano ostinarsi a non voler capire”

"Siamo come in guerra, sotto assedio. Lo si vuole capire?". Massimo Galli, ordinario di Malattie infettive alla università statale di Milano e direttore Malattie infettive dell'ospedale Sacco, è intervenuto a la Voce di Rovigo, strigliando chi ancora non riesce a capire la gravità della situazione: "Le piazze piene di questi giorni mostrano una pericolosa tendenza a trasgredire. Alcuni sembrano ostinarsi a non voler capire che siamo nel pieno di una guerra contro un nemico, il Covid, che non è disponibile alla trattativa. Per questo non c'è alcun dubbio che l'appello dell'ordine dei medici per un lockdown in tutta Italia sia condivisibile. La situazione non è grave, è gravissima. E le discussioni sui diversi colori stanno ormai diventando questioni di lana caprina dato che al virus è stato permesso di sfondare. Era inevitabile che la pandemia diventasse terreno di scontro politico. Ma oggi siamo alla frutta e non è più il momento di avere posizioni che possono indurre alla confusione".

11 Novembre 09:12 Fedriga: “In Friuli Venezia Giulia virus diffuso, rischiamo direttamente la zona rossa”

In Friuli Venezia Giulia, che attualmente fa parte delle regioni in area gialla, quindi a rischio moderato, il virus si diffonde troppo velocemente. Per questo il governatore Massimiliano Fedriga pensa che presto verranno adottate misure ancora più restrittive: "Abbiamo Rt più alto di 1,5. Siamo in quella via dove malgrado un sistema sanitario più forte rispetto ad altre parti, abbiamo una diffusione elevata. A questo punto rischiamo di diventare direttamente area rossa", ha detto.

11 Novembre 08:55 L’allarme degli esperti: “In Giappone è in arrivo la terza ondata di Coronavirus”

In Giappone è in arrivo una terza ondata di Coronavirus. È questo l'allarme lanciato dalle autorità sanitarie locali secondo quanto riportato dal Guardian. Il premier Yoshihide Suga ha auspicato di ottenere dosi di vaccini sufficienti a coprire tutta la popolazione giapponese, ma intanto aumentano i casi giornalieri di Covid-19 in parte per le temperature in calo e in parte per i tanti spostamenti all'interno del Paese favoriti da una campagna del governo per promuovere il turismo locale. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.284 nuovi contagi per un totale di 111.222.

11 Novembre 08:51 Le regioni in cui mancano ancora i vaccini anti-influenzali

Quest’anno, prima dell’arrivo della stagione autunnale, le Regioni avevano cominciato ad attrezzarsi per disporre di molte più dosi di vaccino anti-influenzale, considerando l’aumento della domanda. Ma ad oggi ne mancherebbero ancora 15 milioni. E in diverse Regioni si arriverebbe a coprire solo una percentuale ridotta di popolazione, anche per quanto riguarda la fascia a rischio.

11 Novembre 08:28 Record di casi negli Usa: oltre 200mila contagi in 24 ore

Ancora un record negativo per gli Stati Uniti. Secondo la Johns Hopkins University si sono registrati in 24 ore oltre 200mila casi di Coronavirus. Gli Stati Uniti, primo Paese al mondo per numero di contagi e vittime a causa della pandemia, registrano – stando agli ultimi aggiornamenti della Jhu – 10.256.094 casi di Covid-19 e 239.673 morti dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Record, secondo la Cnn che cita i dati del Covid Tracking Project (Ctp), anche di ricoveri ospedalieri: alla giornata di ieri erano 61.964 le persone ricoverate, per una media di 1.661 nuovi ricoveri al giorno.

11 Novembre 08:20 Remuzzi: “Il vaccino non estinguerà il virus, le mascherine rimarranno fondamentali”

"Il vaccino non estinguerà il virus, meglio dirlo con chiarezza. Tutti i vaccini in dirittura d’arrivo, a cominciare da quello della Pfizer, non sopprimeranno il Coronavirus. Per capirci, saranno più simili ai vaccini antiinfluenzali che a quello della Polio. Ci proteggeranno dalla malattia, ma non la faranno sparire". Lo ha detto Giuseppe Remuzzi, Direttore dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS in una intervista al Corriere della Sera. Con i vaccino, ha continuato il professore, "sarà immunizzata gran parte della popolazione ma solo a condizione che vengano mantenute le attuali misure di attenzione. Mascherina, distanziamento sociale, lavaggio continuo delle mani. Al momento, nessun vaccino riuscirà da solo ad estinguere la pandemia. L’effetto combinato di queste tre azioni farà diventare il coronavirus come un raffreddore. Un lavoro di Nature prevede che sarà per il 2024. Ma attenzione, meglio non illudersi. Ci sono troppe variabili, troppe cose impossibili da prevedere".

11 Novembre 08:14 Da oggi 5 regioni passano dalla zona gialla a quella arancione

Abruzzo, Umbria, Basilicata, Liguria e Toscana passano oggi dalla zona gialla a quella arancione, e dovranno per questo osservare misure più restrittive per la lotto al Coronavirus. Il ministro della Salute ha infatti siglato l'atto che individua le 5 nuove regioni che cambiano zona. Entra in area rossa la Provincia autonoma di Bolzano

11 Novembre 07:48 Ilaria Capua: “Serve lockdown volontario, non possiamo più permetterci distrazioni”

"Dovrebbe esserci un lockdown volontario. Io mi sono messa in lockdown da quando sono rientrata dall’Italia". Lo ha detto Ilaria Capua, direttrice dell'UF One Health Center, che alla trasmissione DiMartedì su La7 ha commentato ieri sera il quadro relativo all'emergenza Coronavirus in Italia. "I numeri parlano chiaro, adesso grandina e bisogna stare protetti. Siamo arrivati al punto in cui non possiamo più permetterci distrazioni. Facciamo finta di trovarci in mezzo ad una glaciazione, arriva un freddo terribile. Voi uscireste in costume da bagno? No, si muore. I contagi sono arrivati ad una crescita esponenziale, i ricoveri seguono la tendenza. Ora bisogna evitare ogni scivolone: fa freddo, fuori ci sono -100 gradi e se esci scoperto, muori".

11 Novembre 07:43 Le regioni che rischiano di cambiare zona: quando arriverà il provvedimento

Campania, Veneto, Emilia-Romagna e Friuli-Venezia Giulia: sono questi i territori nel mirino dell’Istituto superiore di Sanità, che ha chiesto tempestivamente un intervento più incisivo per frenare la diffusione dell’epidemia di coronavirus. E che potrebbero quindi presto passare a far parte della zona arancione, forse già oggi, aggiungendosi a Puglia, Sicilia, Liguria, Toscana, Umbria, Basilicata e Abruzzo.

11 Novembre 07:37 Ricciardi: “Ora contano solo numeri dei ricoveri e delle terapie intensive, tracciamento saltato”

"È saltato il contact tracing e non c’è sufficiente assistenza territoriale. Ormai la curva dei contagi non fa testo, perché è saltato il tracciamento. Le vere curve da osservare in questo momento sono quelle dell’occupazione dei posti letto e dei decessi. E stanno salendo". Lo ha detto in una intervista a Repubblica Walter Ricciardi, consigliere personale del ministro della Salute, Roberto Speranza, commentando i dati dell'ultimo bollettino sul Coronavirus in Italia, che ha visto un'impennata di vittime e oltre 35mila nuovi casi.

11 Novembre 07:30 Conte: “Lavoriamo per evitare il lockdown totale e per Natale sicuro”

"Lavoro per evitare il lockdown totale. La curva sta salendo ma mi aspetto che nei prossimi giorni, anche per effetto delle nostre misure, cominci a flettere". Così il premier, Giuseppe Conte, in un'intervista alla Stampa in cui assicura che il governo "ha una strategia" e fa appello ai cittadini perché collaborino. Conte annuncia che l'esecutivo è pronto ad aumentare i ristori, anche nel 2021. Sul vaccino, il piano sarà "presto in Aula". Per Natale, l'invito è a festeggiare in famiglia ma con prudenza. "Dobbiamo aspettare, e tenere i nervi saldi, dobbiamo stringere i denti perché i servizi sanitari sono diffusamente sotto stress", ha sottolineato ancora il premier che ha anche lanciato un appello agli italiani, perché capiscano e collaborino, perché "lo Stato siamo tutti noi" e annuncia che il governo è pronto ad aumentare i ristori per le categorie colpite dalle chiusure "con una modifica del tendenziale di quest'anno" e poi, se serve, anche "con un nuovo scostamento di bilancio nel 2021".

11 Novembre 07:25 Le ultime notizie sul Coronavirus Covid di oggi, mercoledì 11 novembre

Non accenna a fermarsi la pandemia di Coronavirus in Italia e nel mondo. Nel nostro Paese nelle ultime 24 ore, secondo il bollettino di ieri, martedì 10 novembre, si sono registrati 35.098 casi di Covid-19 su 217.758 tamponi effettuati, che portano il totale dall'inizio dell'emergenza vicino alla soglia del milione. I morti sono aumentati di 580 unità rispetto al giorno precedente. È ancora la Lombardia la regione con il maggior numero di infezioni, seguita da Piemonte e Campania. Ecco, nel dettaglio, la situazione aggiornata regione per regione:

Lombardia: +10.955

Piemonte: 3.659

Campania: +2.716

Veneto: +2.763

Emilia-Romagna: +2.430

Lazio: +2.608

Toscana: +2.223

Liguria: +1.172

Sicilia: +1.201

Puglia: +1.245

Marche: +504

Umbria: +485

Abruzzo: +746

Friuli Venezia Giulia: +482

P.A. Bolzano: +375

Sardegna: +489

P.A. Trento: +243

Calabria: +409

Valle d'Aosta: +127

Basilicata: +264

Molise: +47

Da oggi, intanto, 4 regioni passano dalla zona gialla a quella arancione sulla base dei dati epidemiologici diffusi dall'Istituto superiore di Sanità: si tratta di Abruzzo, Umbria, Basilicata, Liguria e Toscana. La Campania per il momento resta in zona gialla ma il sindaco de Magistris promette decisioni per Napoli. Il premier Conte ha assicurato che il governo è al lavoro per "evitare un lockdown totale". A far sperare sono, però, soprattutto le parole di Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore della Sanità e membro del Cts, che ha annunciato: "Da metà gennaio in poi potranno essere disponibili le prime dosi del vaccino, che ragionevolmente saranno offerte prima agli operatori sanitari, alle forze dell’ordine e alle fasce più fragili della popolazione. Ci sono tutti i presupposti perché si veda il punto di svolta".

Anche nel mondo la pandemia continua a far vittime. Il numero di vittime è arrivato a quota 1.272.094 secondo i dati della John's Hopkins University, mentre i casi sono 51.456.775. Ancora un record negli Usa, dove sono state registrate 200.000 nuove infezioni in 24 ore: il presidente eletto Joe Biden ha già presentato una nuova task force per la lotta al Coronavirus e ha chiesto a tutti di "indossare la mascherina" per evitare ulteriori morti.