160 CONDIVISIONI
27 Giugno 2022
17:34

Scegliamo amici che hanno un odore simile al nostro: lo dimostra uno studio

Un team di ricerca israeliano ha dimostrato che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori probabilità di stringere amicizia. Ecco perché.
A cura di Andrea Centini
160 CONDIVISIONI

Le persone che hanno un odore simile hanno maggiori probabilità di avere un buon rapporto e stringere amicizia. Non a caso, due amici di lungo corso hanno maggiori probabilità di avere un odore corporeo affine rispetto a coppie di persone scelte a caso. Potrebbe sembrare un'assurdità, eppure è esattamente ciò che è emerso da un nuovo studio con un titolo che è tutto un programma: “C'è chimica nella chimica sociale”. Del resto soprattutto nei mammiferi è prassi annusarsi a vicenda per determinare se si è amici o rivali, dunque non c'è da stupirsi che l'odore corporeo possa avere una significativa valenza sociale anche nella nostra specie. Solo che si tratta di un aspetto poco compreso, un campo di studio tutto da approfondire.

A determinare che è più probabile diventare amici di qualcuno che ha un odore simile al nostro è stato un team di ricerca israeliano composto dai tre scienziati Inbal Ravreby, Kobi Snitz e Noam Sobel del Dipartimento di ricerca sul cervello dell'Istituto Weizmann di Scienze (Rehovot). I ricercatori sono giunti alle loro conclusioni dopo aver condotto alcuni curiosi esperimenti. Nel primo hanno utilizzato un naso elettronico per analizzare l'odore corporeo di venti gruppi di amici “non romantici” (cioè non legati da relazioni amorose) che hanno subito stretto un buon rapporto sin dal loro primo incontro. I singoli gruppi erano composti da persone dello stesso sesso poiché maschi e femmine hanno un odore ben distinto, che gioca un ruolo anche nell'attrazione sessuale. Precedenti studi avevano dimostrato che gli eterosessuali sono più attratti da persone con un odore diverso dal proprio, una “selezione” subconscia che, come spiegato a IFLScience dal dottor Inbal Ravreby, ricercatore presso l'Istituto nazionale Azrieli per l'imaging e la ricerca sul cervello umano dell'ateneo israeliano, può essere legata al profilo genetico. Questo perché “l'odore corporeo riflette la composizione genetica” e dunque cercare partner con un patrimonio genetico molto diverso (e dunque un odore altrettanto differente) può favorire la sopravvivenza dei figli.

Dall'analisi degli odori attraverso il naso elettronico è emerso che gli odori dei gruppi di amici non romantici erano più simili fra di essi rispetto a quelli di gruppi composti da persone sconosciute. Tale dettaglio è stato rilevato anche da alcuni “annusatori” umani volontari coinvolti nel progetto di ricerca. Ma perché siamo più propensi a diventare amici di persone che hanno un odore simile al nostro? Secondo gli scienziati la ragione risiederebbe sempre nella genetica. Scegliere come amico qualcuno che odora come noi potrebbe aiutarci a diffondere i nostri geni, grazie ai reciproci vantaggi derivati dall'amicizia con qualcuno che è geneticamente simile a noi. In pratica, sarebbe un meccanismo subconscio selezionato evolutivamente. Questo potrebbe spiegare la ragione per cui persone con malattie che coinvolgono l'olfatto hanno anche difficoltà nelle interazioni sociali.

Per dimostrare l'efficacia della “teoria dell'odore”, il dottor Ravreby e i colleghi hanno coinvolto nello studio un gruppo di sconosciuti; dopo averli analizzati con il naso elettronico li hanno spinti ad avere interazioni non verbali con persone dello stesso sesso. I ricercatori hanno scoperto che le persone con odore corporeo più simile avevano maggiori probabilità di avere interazioni positive. “In altre parole, potremmo prevedere il legame sociale con un naso elettronico”, hanno scritto gli scienziati nell'abstract dello studio. I dettagli della ricerca “There is chemistry in social chemistry” sono stati pubblicati sull'autorevole rivista scientifica Science Advances.

160 CONDIVISIONI
Covid provoca danni e alterazioni al fegato simili alle epatiti: possibili future complicazioni
Covid provoca danni e alterazioni al fegato simili alle epatiti: possibili future complicazioni
Un piccolo cambiamento nel modo in cui ci vacciniamo può ridurre gli effetti collaterali
Un piccolo cambiamento nel modo in cui ci vacciniamo può ridurre gli effetti collaterali
Virus simil Covid scoperto nei pipistrelli russi, scienziati: “Può infettare le cellule umane”
Virus simil Covid scoperto nei pipistrelli russi, scienziati: “Può infettare le cellule umane”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni