20 Maggio 2022
13:09

I delfini possono riconoscere amici e famigliari assaggiandone la pipì

Ricercatori scozzesi dell’Università di St Andrews hanno scoperto che i delfini tursiopi sono capaci di riconoscere gli altri esemplari assaggiandone l’urina.
A cura di Andrea Centini
Un esemplare di tursiope. Credit: Andrea Centini
Un esemplare di tursiope. Credit: Andrea Centini

I delfini sono in grado di riconoscere gli esemplari amici e del proprio gruppo famigliare “assaporando” la loro urina, attraverso speciali cellule del gusto posizionate sulla lingua. La scoperta dimostra che questi mammiferi marini hanno nel proprio cervello una complessa rappresentazione degli altri esemplari, che sono in grado di riconoscere anche dal fischio distintivo. Ciascun delfino, infatti, emette un segnale acustico esclusivo e personale che può essere equiparato al nostro nome sulla carta d'identità.

A scoprire che i delfini sono capaci di identificare gli altri dall'assaggio della pipì è stato un team di ricerca guidato da scienziati dell'Istituto Scozzese di Oceanografia dell'Università di St Andrews. I ricercatori, coordinati dal professor Vincent M. Janik, direttore del Sea Mammal Research Unit presso la Facoltà di Biologia dell'ateneo scozzese, sono giunti alle loro conclusioni dopo aver condotto alcuni esperimenti con delfini ospitati in strutture delle Bermuda e alle Hawaii. Nello specifico si sono concentrati sui tursiopi (Tursiops truncatus), la specie di delfino per antonomasia, i cui esemplari sono spesso condannati a una vita di prigionia in acquari e parchi acquatici. Il celebre Flipper della serie TV è un tursiope.

Per comprendere se i delfini fossero davvero in grado di riconoscere i membri del proprio gruppo attraverso l'esposizione all'urina, gli scienziati hanno raccolto dei campioni dopo uno speciale addestramento e li hanno presentati a diversi esemplari, osservandone il comportamento. “I delfini hanno esplorato i campioni di urina più a lungo quando provenivano da animali conosciuti o se venivano presentati insieme al fischio distintivo e unico di un delfino, un identificatore acustico che funziona come un nome”, ha dichiarato il professor Janik in un comunicato stampa. “Questo dimostra non solo che possono distinguere gli animali dal gusto, ma anche che riconoscono gli animali attraverso i loro sensi, suggerendo una complessa rappresentazione degli animali familiari nel proprio cervello”, ha aggiunto l'esperto.

I ricercatori sottolineano che c'è una sostanziale differenza tra i nostri sensi e quelli dei delfini. Mentre nell'uomo l'olfatto e il gusto sono fortemente associati – sappiamo bene che i pasti diventano insipidi quando abbiamo un brutto raffreddore -, nei delfini l'olfatto non esiste, poiché lo hanno perduto del tutto durante l'affascinante percorso evolutivo da animale terrestri a marini. Ciò significa che durante l'esperimento con l'urina hanno sfruttato solo il gusto per il riconoscimento. Ma nei delfini anche il senso gusto è molto diverso dal nostro: “Sappiamo ancora molto poco su come funziona il senso del gusto nei delfini. Altri studi hanno dimostrato che hanno perso molti dei gusti comuni che troviamo in altri mammiferi come l'acido, il dolce, l'umami o l'amaro. Ma hanno cellule sensoriali insolite sulla lingua che sono probabilmente coinvolte in questa rilevazione dei gusti individuali di altri animali”, ha chiosato il professor Janik.

Secondo gli autori dello studio, l'identificazione degli amici attraverso l'assaggio dell'urina può essere molto utile per i delfini perché il composto rimane più a lungo sospeso in acqua e può aiutare a identificare “chi c'è” senza ascoltare i fischi, inoltre questi animali potrebbero carpire altre informazioni preziose come ad esempio lo stato riproduttivo dalla “firma” della pipì. I dettagli della ricerca “Cross-modal perception of identity by sound and taste in bottlenose dolphins” sono stati pubblicati sulla rivista scientifica ScienceAdvances.

I cani possono riconoscere in quale lingua stai parlando (e se stai dicendo sciocchezze)
I cani possono riconoscere in quale lingua stai parlando (e se stai dicendo sciocchezze)
La pillola contro la pipì che scappa potrebbe presto diventare un farmaco da banco
La pillola contro la pipì che scappa potrebbe presto diventare un farmaco da banco
Ragno violino in Italia: com'è fatto e come riconoscere il morso che può sciogliere i tessuti
Ragno violino in Italia: com'è fatto e come riconoscere il morso che può sciogliere i tessuti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni