19 Settembre 2022
16:54

Gli integratori multivitaminici possono ridurre il rischio di declino cognitivo, secondo uno studio

L’assunzione quotidiana di un integratore multivitaminico ha ridotto del 60% il rischio di declino cognitivo in un gruppo di anziani. Risultato da confermare.
A cura di Andrea Centini

L'assunzione quotidiana di integratori multivitaminici può aumentare la cognizione e proteggere dal declino cognitivo gli anziani. È quanto emerso da un nuovo studio chiamato COSMOS-Mind su oltre 2mila uomini e donne. Il risultato, legato a un'indagine osservativa e che dunque non evidenzia alcun nesso di causalità, è comunque molto significativo poiché si stima che la demenza e altre patologie legate al calo della cognizione diventeranno sempre più diffuse nei prossimi anni, parallelamente all'invecchiamento della popolazione. Basti pensare che attualmente ci sono circa 50 milioni di persone affette dal morbo di Alzheimer, la principale forma di demenza al mondo, ma nel 2030 si arriverà a 66 milioni e nel 2050 a 115 milioni, con un previsto impatto sanitario, sociale ed economico devastante. Avere dunque un potenziale metodo semplice ed economico per ridurre l'impatto del declino cognitivo è estremamente importante.

A determinare che gli integratori multivitaminici possono ridurre il declino cognitivo negli anziani è stato un team di ricerca statunitense guidato da scienziati della Facoltà di Medicina dell'Università Wake Forest (Carolina del Nord), che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del Brigham and Women's Hospital di Boston e della Scuola di Medicina dell'Università di Harvard (Massachusetts). Gli scienziati, coordinati dalla professoressa Laura D. Baker, hanno scoperto la potenziale efficacia degli integratori per puro caso. Poiché infatti precedenti indagini avevano dimostrato che i flavonoli – sostanze presenti nel cacao e in altri prodotti di origine vegetale – erano in grado di proteggere da alcuni tumori, malattie cardiovascolari, diabete e altro, gli scienziati hanno voluto capire se potessero essere efficaci anche contro il declino cognitivo. Così hanno coinvolto 2.262 uomini e donne (60 percento del totale) con un'età media di 73 anni in uno studio di 3 anni, in cui non solo hanno valutato l'efficacia dei soli flavonoli rispetto a un placebo, ma anche di un integratore multivitaminico contenente queste sostanze.

Incrociando tutti i dati è emerso che i flavonoli presi singolarmente non hanno avuto alcun beneficio sulla cognizione dei partecipanti rispetto al placebo, tuttavia l'integratore preso quotidianamente ha evidenziato un beneficio statisticamente significativo, con un effetto particolarmente marcato nei pazienti che avevano una storia di malattie cardiovascolari (che sono esposti maggiormente al rischio di demenza). In termini squisitamente numerici, l'assunzione quotidiana dell'integratore ha determinato un rallentamento del 60 percento del declino cognitivo, paragonabile a circa 1,8 anni di protezione. Un risultato molto promettente. “Questo è il primo studio positivo, su larga scala e a lungo termine a dimostrare che l'integrazione multivitaminica-minerale per gli anziani può rallentare l'invecchiamento cognitivo”, ha dichiarato la dottoressa Maria C. Carrillo dell'Alzheimer's Association in un comunicato stampa. Ciò nonostante, la scienziata ha spiegato che al momento l'organizzazione, pur essendo “incoraggiata da questi risultati”, non è ancora pronta a raccomandare l'uso diffuso degli integratori multivitaminici per abbattere il rischio di declino cognitivo.

La ragione principale è che siamo innanzi a uno studio di osservazione con un numero ridotto di partecipanti, dunque saranno necessari indagini più approfondite e con un campione più ampio di volontari. Va inoltre tenuto conto che l'uso degli integratori resta molto controverso, con pochi benefici scientificamente acclarati e anche alcuni effetti collaterali da non sottovalutare. Ma come affermato dalla professoressa Baker “c'è un urgente bisogno di interventi sicuri e convenienti per proteggere la cognizione dal declino negli anziani”, pertanto saranno approntate ulteriori ricerche per determinare l'effettiva efficacia degli integratori. I dettagli della ricerca “Effects of cocoa extract and a multivitamin on cognitive function: A randomized clinical trial” sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica specializzata Alzheimer’s and Dementia: the journal of the Alzheimer’s Association.

Chi fa spesso brutti sogni ha un rischio maggiore di declino cognitivo e demenza, secondo uno studio
Chi fa spesso brutti sogni ha un rischio maggiore di declino cognitivo e demenza, secondo uno studio
Avere più di due figli può favorire il declino cognitivo:
Avere più di due figli può favorire il declino cognitivo: "Come 6,2 anni di invecchiamento"
Riuscire a stare su una gamba sola per 10 secondi può predire il rischio di mortalità
Riuscire a stare su una gamba sola per 10 secondi può predire il rischio di mortalità
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni