Tensioni a Firenze, in occasione del comizio elettorale di Matteo Salvini in vista delle elezioni europee di domenica prossima. Manifestanti dei collettivi di sinistra e forze dell'ordine si sono scontrati in Piazza della Repubblica a Firenze, dove è stato chiuso l'accesso a Piazza Strozzi, sede dell'intervento del vicepremier leghista, che era previsto per le 21.00, ma che è cominciato un po' in ritardo. "All'odio dei centri a-sociali noi rispondiamo con il sorriso di questa piazza", ha scritto il ministro Salvini sui social. La contestazione è iniziata intorno alle 20.20. Circa un centinaio di manifestanti hanno tentato di forzare il cordone a Piazza Strozzi e sono stati a più riprese respinti dalla polizia, mentre dalla folla si levavano slogan e fischi.

Dopo le due cariche di alleggerimento iniziali la polizia è dovuta intervenire nuovamente per respingere un tentativo di sfondamento. La contromanifestazione, che ha portato in piazza un migliaio di persone, è stata organizzata da Iam – Iniziativa antagonista metropolitana, Cua, Collettivo universitario autonomo, Cas, Collettivo antagonista studentesco e Collettivo femministe Spine nel fianco. I manifestanti hanno protestato davanti al cordone di polizia cantando ‘Bella ciao'. 

"Dopo il Matteo di Rignano cacciamo quello padano" e "Firenze non si Lega", recitano i due striscioni con il ritratto sbarrato di Salvini, esposti dai manifestanti. In piazza oltre un migliaio di persone. In attesa dell'intervento del ministro dell'interno la polizia ha proseguito con il presidio, bloccando gli accessi e respingendo i tentativi di sfondamento.