“Firenze e gli Uffizi 3D/4k – Viaggio nel cuore del rinascimento” è il nuovo progetto di Sky 3D, in collaborazione con Sky Arte HD, Nexo Digital e Magnitudo Film, in cui le tecnologie video di ultima generazione vengono utilizzate per la promozione e la diffusione del patrimonio artistico italiano. Questo progetto è il secondo appuntamento dopo “Musei Vaticani 3D”, distribuito in 60 paesi e 2.000 sale cinematografiche, ed è realizzato con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e del Comune di Firenze e con il sostegno di Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Da oggi fino al 5 novembre “Firenze e gli Uffizi 3D/4k – Viaggio nel cuore del rinascimento” è visibile in molte sale italiane (qui l'elenco completo) prima di essere poi distribuito nei cinema di tutto il mondo da Nexo Digital. Si tratta di un viaggio tridimensionale e multisensoriale, un tour cinematografico in tre dimensioni all’interno del Rinascimento italiano: 10 location museali e 150 opere di cui il fulcro è naturalmente rappresentato dalla Galleria degli Uffizi. Il progetto però intende raccontare la città di Firenze nel suo complesso con riprese aeree mozzafiato e una narrazione ambientata in una sorta di limbo, uno studio realizzato in computer grafica, affidata a Simon Merrells. L’attore inglese, noto anche in Italia per il ruolo di Crasso nella serie tv “Spartacus”, vestirà i panni di Lorenzo il Magnifico e racconterà in prima persona la sua Firenze ripercorrendo le tappe che hanno portato la città ad essere il centro del mondo.

Più nel dettaglio “Firenze e gli Uffizi 3D/4k – Viaggio nel cuore del rinascimento”, attraversa luoghi simbolo della città, dalla Cappella Brancacci, dove sono custoditi i preziosi affreschi di Masolino e Masaccio e che rappresentano il momento di passaggio dal Medioevo al Rinascimento; al Museo del Bargello che ospita il David di Donatello; da S. Maria del Fiore con le sue vetrate e la Cupola del Brunelleschi, straordinario esempio del connubio tra ingegneria e arte, a Palazzo Medici; e poi ancora, Piazza della Signoria e Palazzo Vecchio fino alla Galleria dell’Accademia, dove si trova il David di Michelangelo, una delle opere italiane più conosciute al mondo.

Grande spazio, come si diceva, è affidato alla Galleria degli Uffizi, scrigno di opere d’arte tra le più preziose al mondo, dove gli spettatori potranno accedere a un luogo visibile solo dall’esterno: quello della Tribuna da cui si gode una vista privilegiata ed insolita, mentre la voce di Antonio Natali, ex direttore della Galleria, accompagna il pubblico nella visita. Naturalmente non mancano le opere di Giotto, di Gentile da Fabriano e Piero della Francesca, ma anche Raffaello e Tiziano, l’Annunciazione di Leonardo e il magnifico Tondo Doni di Michelangelo. C’è anche una curiosa sezione dedicata alle “opere mostruose” in cui sono inserite lo Scudo di Medusa di Caravaggio, la Madonna della Arpie di Andrea del Sarto, la Calunnia di Botticelli e Giuditta che decapita Oloferne di Artemisia Gentileschi.

Ma la vera sorpresa è lo svelamento del restauro in corso dell’Adorazione dei Magi di Leonardo che dal 2011 non è più visibile al pubblico e di cui, in anteprima, il soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure, Marco Ciatti, racconterà i risultati delle analisi e fornirà inediti approfondimenti.