Una mamma di 31 anni è stata arrestata nelle scorse ore dalla polizia di Bowling Green, nello stato del Kentucky, negli Stati Uniti, con la pesantissima accusa di aver venduto il suo ultimo figlioletto per duemila dollari di compenso. Con lei sono finiti in manette anche un uomo e un’altra donna, un coppia che avrebbe acquistato il bimbo. Ad avvertire la polizia locale sono stati i dirigenti della  scuola frequentate dagli altri figli della 31enne che avevano avuto notizia dell’incredibile scambio avvenuto poco prima. “Il dipartimento di polizia ha ricevuto una segnalazione dalla Parker Bennett Curry Elementary School che parlava di una donna che stava cercando di dare via il suo bimbo” hanno spiegato gli inquirenti in un comunicato.

La segnalazione è arrivata lunedì scorso, la polizia si è messa subito sulle tracce della donna, Maria Domingo-Perez, che in un primo momento ha dato versioni contrastanti sulla sorte del piccolo prima di ammettere di averlo venduto. La donna ha fatto il nome di una coppia, composta dalla 37enne Catarina Jose Felipe e dal 45enne Jose Manuel Pascual. Anche loro contattati dalla polizia, hanno subito ammesso di aver preso il bimbo raccontando di aver pagato duemila euro ma assicurando che lo scopo era quello di crescerlo come loro figlio. Tutti e tre sono stati arrestati e condotti in carcere. Il bambino invece è stato preso in custodia dai servizi sociali così come gli altri quattro figli della 31enne che sono stati allontanati dalla famiglia.