L'ex premier Shinzo Abe assassinato in Giappone
21 Settembre 2022
08:42

Uomo si dà fuoco in Giappone: non vuole funerali di stato per Shinzo Abe

Il gesto di protesta per i funerali di stato riservati all’ex premier Shinzo Abe, assassinato a inizio luglio nella città di Nara durante un comizio elettorale.
A cura di Biagio Chiariello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'ex premier Shinzo Abe assassinato in Giappone

Un uomo si sarebbe dato fuoco per protestare contro i funerali di stato dell'ex primo ministro Shinzo Abe, assassinato a luglio.

Secondo quanto riporta la BBC, nella giornata di oggi Mercoledì 21 settembre, alcuni testimoni hanno dato l'allarme riferendo di aver visto un uomo avvolto dalle fiamme nei pressi dell'ufficio del primo ministro a Tokyo.

Gli agenti sono subito intervenuti e hanno portato il presunto suicida, ancora cosciente, in ospedale. Il suo stato di salute è al momento sconosciuto. Secondo i media giapponesi, si ritiene che l'uomo abbia 70 anni.

All'ultimo saluto ad Abe, in programma per il 27 settembre, dovrebbero partecipare centinaia di dignitari stranieri. Il governo non ha rilasciato alcun commento su quanto accaduto oggi. Ma l'opposizione pubblica nei confronti dei funerali di stato si è intensificata negli ultimi mesi, con i sondaggi che mostrano una maggioranza di elettori scontenti della spesa da affrontare.

Shinzo Abe è stato ucciso a colpi di arma da fuoco l'8 luglio, all'età di 67 anni, durante una manifestazione elettorale del suo partito. L'uccisione del primo ministro più longevo del Giappone è stata condannata a livello internazionale e ha sconvolto il Giappone.

Si è trattato del primo caso di violenza politica degli ultimi anni, un fenomeno che nel Paese del Sol Levante era largamente relegato al passato della Guerra fredda.

Ma i funerali di stato non sono una pratica consolidata in Giappone e chi protesta afferma di essere risentito per l'uso di fondi pubblici per l'evento che dovrebbe costare circa 1,65 miliardi di yen (11,59 milioni di euro).

Uno dei principali partiti di opposizione del Paese, il Partito Democratico Costituzionale, ha affermato che i suoi membri non parteciperanno alla cerimonia.

La polizia non ha ancora confermato i dettagli della protesta odierna, ma i media locali hanno riferito che l'uomo aveva espresso la sua opposizione al funerale a un agente vicino prima di darsi fuoco.

Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni