883 CONDIVISIONI
23 Luglio 2021
17:16

Tra Brexit e Covid, il Regno Unito rischia di restare senza cibo: “Peggior crisi dai tempi della Guerra”

L’allarme del miliardario inglese Ranjit Singh Boparan, conosciuto in Regno Unito come il ‘re dei polli’: “La situazione è ad un punto di non ritorno, non vedo altro risultato che una grave carenza di cibo”. La perdita di 100.000 autotrasportatori per effetto della pandemia di Covid e della Brexit rischia di mettere nuovamente in crisi le catene di fornitura.
A cura di Biagio Chiariello
883 CONDIVISIONI

Il Regno Unito sta affrontando il "peggiore periodo di carenza di cibo dai tempi della Seconda Guerra Mondiale" a causa di Covid e Brexit. A sostenerlo è il miliardario inglese Ranjit Singh Boparan. Il ‘re dei polli', così come è conosciuto l'imprenditore per il suo business nel campo delle carni bianche, ha affermato che la carenza di manodopera esistente è stata aggravata dalla pandemia e ha spinto il settore a un "punto di crisi". Ha descritto il doppio effetto del "pingdemia" e delle modifiche alle condizioni commerciali da quando la Gran Bretagna ha lasciato l'UE a seguito della Brexit come un "cocktail tossico" per le imprese alimentari.

Pingdemia

Per ‘pingdemia' si intende l’epidemia di ping della app di salute in Inghilterra e Galles. In pratica decine di migliaia di persone ogni giorno stanno ricevendo la segnalazione di essere stati in contatto con una persona che successivamente ha scoperto di essere positiva. E quindi devono mettersi in isolamento per qualche giorno e poi fare un test.
Un record di 618.903 persone sono state segnalate dall'app del SSN la scorsa settimana, un numero in crescita del 16% rispetto alla settimana precedente, e che potrebbe continuare a salire con l'aumento delle infezioni.

Grave carenza di cibo

Il governo si sta adoperando per mettere in atto un regime di esenzione dalla quarantena per alcuni lavoratori al fine di far fronte alla carenza di personale in aree critiche, compresa la produzione alimentare. Come riporta Metro.co.uk un "numero molto ridotto" di lavoratori in diversi settori sarà in grado di uscire dall'autoisolamento in base al nuovo processo di Whitehall, che consentirà ai datori di lavoro di richiedere esenzioni su base individuale. Facendo pressioni sul governo affinché si spingesse oltre, Boparan ha dichiarato: "Nessuno avrebbe potuto prevedere che questo cocktail tossico si fosse presentato in questo momento. "È iniziato con la pandemia e nell'ultima settimana con la pingdemia, ma da maggio di quest'anno l'ambiente operativo si è deteriorato così profondamente che non vedo altro risultato che una grave carenza di cibo nel Regno Unito. Siamo ad un punto di crisi" ha detto. In particolare la perdita di 100.000 autotrasportatori per effetto della pandemia di Covid e della Brexit rischia di mettere nuovamente in crisi le catene di fornitura.

Scaffali vuoti presto in Regno Unito

Boparan ha parlato di una carenza del 15% della sua forza lavoro di 16.000 persone e ha affermato che l'azienda "sta camminando sul filo del rasoio ogni settimana in questo momento". Ha aggiunto: "Stiamo affrontando il problema, ma se non arriva alcun sostegno – e urgentemente – dal governo, gli scaffali saranno vuoti, gli sprechi alimentari aumenteranno semplicemente perché non possono essere elaborati o consegnati, e le carenze abbiamo visto l'anno scorso saranno noccioline in confronto a quello che potrebbe succedere".

Calo della produzione

La scorsa settimana, un portavoce della British Meat Processors Association ha avvertito che i requisiti di test e tracciabilità "oltre alla disperata carenza di lavoratori che l'industria sta già soffrendo" potrebbero portare a un calo della produzione. Tim Morris, amministratore delegato di UK Major Ports Group, ha dichiarato al The Telegraph che "deve essere considerato il rischio di interruzione di importanti catene di approvvigionamento, compreso il cibo" se le assenze continuano ad aumentare.

883 CONDIVISIONI
Gran Bretagna, logistica in crisi e scaffali vuoti per la Brexit. E McDonald's resta senza milkshake
Gran Bretagna, logistica in crisi e scaffali vuoti per la Brexit. E McDonald's resta senza milkshake
Il Regno Unito chiede agli Usa di restare in Afghanistan, i talebani: "Siamo pronti a reagire"
Il Regno Unito chiede agli Usa di restare in Afghanistan, i talebani: "Siamo pronti a reagire"
Regno Unito, via libera al vaccino Covid ai minori dai 12 ai 15 anni
Regno Unito, via libera al vaccino Covid ai minori dai 12 ai 15 anni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni