21 Settembre 2022
13:09

Perché Ryanair ha deciso di alzare i prezzi dei biglietti aerei: “Stop ai voli quasi gratis”

L’amministratore delegato di Ryanair, Michael O’Leary, ha spiegato perché non ci saranno più biglietti a aerei a 9,99 euro: “Non sono sostenibili in questo periodo con il rincaro del carburante, ma l’era del low cost non è finita”.
A cura di Ida Artiaco

"Voli a 9,99 euro non sono sostenibili in questo periodo con il rincaro del carburante, ma appena il cherosene costerà di meno di conseguenza scenderà anche la tariffa media".

A parlare è Michael O'Leary, amministratore delegato di Ryanair, che in una lunga intervista rilasciata al Corriere della Sera ha spiegato perché in questo momento difficilmente si potrà viaggiare a prezzi scontatissimi, come la stessa compagnia irlandese aveva abituato milioni di passeggeri.

Secondo il numero uno di Ryanair, l'estate è stata "fantastica" in termini di numeri, con una crescita in Italia "del 25% rispetto al 2019", ma con l'autunno arriva l'incertezza perché "c’è la minaccia di un’altra variante del Covid, abbiamo l’invasione russa in Ucraina ancora in corso e c’è la crisi energetica cosa che ha reso i consumatori nervosi anche per l’inflazione".

Per questo, le tariffe aumenteranno inevitabilmente. O'Leary parla di un incremento medio delle tariffe del 6-7% rispetto a tre anni fa.

"Abbiamo acquistato il carburante che ci serve fino a marzo 2023 a 63 dollari al barile a fronte di un costo attuale di 110 dollari, quindi stiamo risparmiando a differenza di altri vettori. L'era dei low cost non è finita: in un contesto in cui il cherosene costa così tanto difficilmente si avranno le tariffe basse che abbiamo messo in vendita negli ultimi tempi", ha detto.

"Quello che mi aspetto – ha continuato – è che la tariffa media di Ryanair nei prossimi cinque-sei anni passi da 40 a 50 euro. I prezzi in Europa aumenteranno, ma lentamente. E se non vedremo voli a 9,99 euro ce ne saranno molti a 19,99 o 24,99 euro".

L'ad della compagnia low cost ha poi precisato che l'Italia è ancora dietro alla Spagna come mercato e che noi "stiamo recuperando lentamente quei visitatori europei che avevamo negli anni Sessanta e che abbiamo perso nei decenni successivi. La Spagna "non solo offre più alberghi" – prosegue O'Leary, ma in generale ha più posti dove dormire, e li mette a disposizione a prezzi convenienti. Al contrario, l’Italia è diventata più cara negli ultimi vent’anni e ha meno hotel. L’Italia è perfetta per visitare le grandi città, ma quando uno deve andare a Rimini, Bari, Brindisi o in Sicilia trovare un posto in albergo diventa un problema. Possiamo portare milioni di persone ma poi non riescono a prenotare una camera".

Infine, ha smentito uno sciopero che pare fosse in programma l'1 ottobre: "No, non ci sarà nessuno sciopero, non ci sarà alcun volo cancellato – ha concluso O'Leary -. Abbiamo raggiunto un accordo di 5 anni con le sigle che rappresentano i piloti e di 4 anni con i sindacati degli assistenti di volo".

Alzare gli stipendi non è la soluzione per fermare l'aumento dei prezzi, secondo Bankitalia
Alzare gli stipendi non è la soluzione per fermare l'aumento dei prezzi, secondo Bankitalia
Le forze armate russe si stanno ritirando da Kherson
Le forze armate russe si stanno ritirando da Kherson
Il missile in Polonia ha colpito un'azienda italo-polacca: uccisi due operai di 58 e 60 anni
Il missile in Polonia ha colpito un'azienda italo-polacca: uccisi due operai di 58 e 60 anni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni