324 CONDIVISIONI

Perché l’infermiera Lucy Letby uccideva i neonati prematuri: la confessione nel diario

Lucy Letby ha ucciso almeno 7 neonati nati prematuri in Gran Bretagna. L’ex infermiera, secondo gli inquirenti, avrebbe agito alla spasmodica ricerca di attenzioni da parte degli altri. “Non proverò mai cosa vuol dire avere una famiglia”
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Gabriella Mazzeo
324 CONDIVISIONI
Immagine

Aveva iniziato ad uccidere i neonati prematuri che avrebbe dovuto accudire. Centinaia di piccole vittime dal 2015, ma le forze dell'ordine inglesi non sono riuscite a trovare motivazioni che potessero rendere l'infermiera Lucy Letby un'assassina.

Secondo i giudici che dovranno occuparsi del suo caso, Letby è in grado di stare a giudizio, ma secondo gli psichiatri, la donna potrebbe interpretare l'imponente processo che si svolgerà nei suoi confronti come un "piccolo grande palcoscenico" del quale approfittare per mettersi in mostra. Secondo gli inquirenti, sarebbe stato proprio questo a spingere l'infermiera ad agire: nelle situazioni di estrema emergenza, Letby si sentiva considerata.

Per gli esperti, si tratterebbe del disturbo di Munchausen, ma in assenza di un motivo certo, gli inquirenti hanno deciso di ricercare il movente nella nota di "confessione" lasciata dall'ex infermiera. Nel suo diario, la donna avrebbe annotato tutti i suoi crimini, definendosi "il male". "Non ci sono parole – scriveva nell'agenda -. Sono una persona orribile e pago ogni giorno per questo. Non riesco a respirare e concentrarmi. Non avrò mai figli e non saprò mai com'è avere una famiglia".

Secondo quanto scritto dall'ex infermiera nel diario, "l'odio e il rimorso" per quanto fatto ai bambini, avrebbe preso il "sopravvento sulla sua vita". Davanti ai magistrati, la donna ha detto di non aver scritto quei biglietti per lasciare una confessione, ma di aver preso la penna d'impulso per sfogarsi dopo essere stata allontanata dal reparto nel luglio del 2016.

Secondo gli inquirenti, la donna sapeva di essere oggetto di indagine e nel 2017, poco prima che le forze dell'ordine la arrestassero, la donna avrebbe distrutto diversi documenti, a eccezione del diario di "confessioni" per farsi trovare e poter raccontare i suoi crimini.

324 CONDIVISIONI
Turista trova diamante in un parco e diventa milionario: "Lo darò a mia figlia e alla mia fidanzata"
Turista trova diamante in un parco e diventa milionario: "Lo darò a mia figlia e alla mia fidanzata"
Israele vieta ingresso a funzionaria italiana ONU, Albanese: "Così distolgono l'attenzione dalla verità"
Israele vieta ingresso a funzionaria italiana ONU, Albanese: "Così distolgono l'attenzione dalla verità"
Re Carlo III incontra Harry poi si trasferisce a Sandringham: proseguirà qui le cure per il cancro
Re Carlo III incontra Harry poi si trasferisce a Sandringham: proseguirà qui le cure per il cancro
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni