2 Novembre 2022
16:19

Processo Lucy Letby, infermiera accusata di aver ucciso 7 neonati: “Aria iniettata nello stomaco”

Il processo a Lucy Letby, l’infermiera 32enne accusata dell’omicidio di sette neonati all’ospedale di Chester (UK), si arricchisce di un nuovo capitolo. Ascoltato il supervisore dell’imputata: “Ha iniettato aria nello stomaco di un neonato per ucciderlo”.
A cura di Lorenzo Bonuomo

A Manchester continua il processo contro Lucy Letby, l'infermiera di 32 anni accusata di aver ucciso sette bambini (e di aver tentato di ucciderne di altri dieci) ricoverati all'ospedale pediatrico di Chester, in Inghilterra, tra il 2015 e il 2016.

"Letby ha ucciso un neonato che pesava meno di un chilogrammo iniettandogli dell'aria nello stomaco", ha dichiarato alla giuria il pediatra Dewi Evans, supervisore di Letby nella struttura di Chester, convocato dai giudici lo scorso 31 ottobre per testimoniare in aula.

"Il collasso respiratorio che ha provocato la morte di quel neonato è compatibile con una quantità di aria anomala presente nel suo stomaco", ha riferito l'esperto, in base a quanto si apprende dal The Sun.

L'iniezione di aria nello stomaco avrebbe causato un rigonfiamento dell'organo digestivo fino al punto da ostacolare la respirazione del piccolo: "Se il diaframma non è in grado di muoversi, i polmoni non possono far entrare l'ossigeno", ha aggiunto sempre Evans.

Stando a quanto emerso dalla testimonianza del medico, Letby è stata vista più volte entrare nella stanza del reparto di terapia intensiva in cui era ricoverata la vittima, anche dopo il decesso, nonostante fosse stata assegnata alle cure di un altro neonato. Le condizioni del bambino sarebbero peggiorate proprio in coincidenza alle visite "fuori programma" dell'infermiera.

"Ricordo di averle chiesto di concentrarsi sul paziente che le era stato assegnato – ha riferito sempre il medico in aula, secondo People – lei si era recata più volte nella stanza del bambino morto, anche quando era presente la famiglia. L'ho sollecitata più volte a uscire e a lasciare i familiari in lutto in compagnia di un'altra infermiera".

I giudici hanno poi chiesto al dottor Evans se fosse responsabilità dell'infermiera parlare con i genitori della vittima, il medico supervisore ha risposto: "Per quanto io possa ricordare, non lo era".

UK, genitori accusati di aver ucciso la figlia di 16 anni abbandonandola in casa durante il lockdown
UK, genitori accusati di aver ucciso la figlia di 16 anni abbandonandola in casa durante il lockdown
Alex, ucciso a 2 anni a Perugia: dai cellulari al coltello fino al peluche, le prove contro la mamma
Alex, ucciso a 2 anni a Perugia: dai cellulari al coltello fino al peluche, le prove contro la mamma
Chiede un passaggio in auto a un anziano che lo violenta minacciandolo con una pistola
Chiede un passaggio in auto a un anziano che lo violenta minacciandolo con una pistola
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni