124 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

“Situazione sanitaria gravissima, bimbi hanno pulci e pidocchi”: la testimonianza da Rafah a Fanpage

Il racconto da Rafah di Sami, cooperante di ACS, a Fanpage.it: “Siamo tutti ammassati, la città non esiste più, non abbiamo servizi, ci sono pochissime reti di acqua, la situazione sanitaria è gravissima, i bambini stanno sviluppando diverse malattie per la mancanza di acqua e per le condizioni igienico-sanitarie pessime”.
124 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Decine di tank israeliani accerchiano Rafah. Al di là del confine si fatica a camminare tra le tende. Una accanto all’altra si susseguono quelle che da quasi otto mesi ormai sono le case temporanee di un milione e mezzo di esseri umani in fuga dall’avanzata dell’esercito di Tel Aviv. “Siamo tantissimi, qui a Rafah vivono più di trecentomila famiglie al momento. La situazione è ogni giorno più tragica”, racconta con voce stanca Sami, cooperante di ACS, dal suo cellulare.

“Siamo tutti ammassati, la città non esiste più, non abbiamo servizi, ci sono pochissime reti di acqua, la situazione sanitaria è gravissima, i bambini stanno sviluppando diverse malattie per la mancanza di acqua e per le condizioni igienico-sanitarie pessime. Molti bimbi da settimane hanno i pidocchi e le pulci. La situazione andrà solo a peggiorare, soprattutto se l’esercito israeliano invaderà Rafah”.

Qui arrivano pochissimi aiuti umanitari, entrano col contagocce, sono troppo scarsi e troppo lenti, ma al nord – ricorda Sami – non ne entrano proprio. Nonostante ciò Sami insieme ad altri cooperanti portano avanti diversi progetti nella Striscia.

“Qui a Rafah abbiamo una cucina popolare con la quale cuciniamo pasti caldi per circa quattro mila persone al giorno. Prima lavoravamo con Word Central Kitchen, ma dopo che Israele ha ucciso sette dei suoi volontari l'Ong ha fermato tutte le attività che avevano dentro la Striscia”, continua. ACS insieme a Gaza Freestyle e al Centro Italiano di scambio culturale, anche grazie alle donazioni, continua a pagare gli stipendi e le spese delle cucine popolari.

“Oltre alle cucine – continua – portiamo avanti un progetto di supporto psicologico per i bambini. Abbiamo diversi volontari e volontarie che ogni giorno si travestono, cantano, giocano con i bambini e le bambine che stanno a Rafah”.

Immagine

A circa trenta chilometri di distanza più a nord, a Gaza City, a Nuseirat e a Deir Barat, ACS e i suoi operatori gazawi hanno creato gli “alberi della rete”. “Gli alberi della rete sono eSIM-hotspot che irradiano segnali WI-FI liberi, accessibili a tutti. – spiega Sami – Una serie di cellulari di ultima generazione consentono il collegamento ai network internazionali anche con le carte sim virtuali che (tramite l’attivazione di un codice) svolgono le stesse funzioni di una SIMcard tradizionale. Inviando il codice di attivazione eSIM a chi possiede uno di questi apparecchi, si possono attivare collegamenti ai provider egiziani o israeliani (in base alla zona in cui ci si trova) dall’interno della striscia di Gaza”.

Tramite gli "alberi della rete" si riesce ad aggirare i blackout di internet e condividere connessioni gratuite nelle aree difficili della Striscia. Così Gaza riesce ad essere connessa col resto del mondo, i giornalisti riescono a condividere ciò che succede, gli operatori umanitari a parlare tra di loro e con chi ha bisogno di immediato soccorso, ma soprattutto i gazawi riescono a mantenere vivi i legami affettivi. Le comunicazioni con chi si trova in altre parti della Striscia fanno da argine per impedire che anche le relazioni umane vengano ridotte in ricordi dalla guerra.

124 CONDIVISIONI
881 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views