438 CONDIVISIONI
17 Dicembre 2017
10:37

Partorì per strada aiutata da uno sconosciuto, appello per trovarlo: “Vorrei incontrarti”

Il piccolo Louis è nato un anno fa su un marciapiede di Londra davanti a uno strip club. Ora la sua mamma cerca su Facebook un uomo che la aiutò: “Vorrei incontrare la persona che mi ha regalato la sua sciarpa in quella fredda notte”.
A cura di S. P.
438 CONDIVISIONI

Come spesso accade Lizzie Hines, una giovane mamma britannica, ha deciso di utilizzare il più noto dei social network per tentare di ritrovare una persona incontrata quasi un anno fa. Una persona che lei non ha più rivisto ma che ha partecipato a uno dei momenti più importanti della sua vita: la nascita di suo figlio. La storia di Lizzie arriva da Londra, dove il 22 dicembre dello scorso anno è nato il piccolo Louis Hines. Un bambino che però non è nato in ospedale, ma su un marciapiede della capitale britannica davanti a uno strip club. E quello sconosciuto che la sua mamma ora spera di rintracciare su Facebook è una persona che donò una sciarpa alla neo mamma per permetterle di riscaldare il neonato. “Alla persona che mi ha regalato la sua sciarpa – con cui ha avvolto il mio piccolo in quella fredda notte – chiedo: riuscirò mai a trovarti? Vorrei rendertela e presentarti il mio bambino”, ha scritto la mamma su Facebook.

Il piccolo Louis Hines è nato su un marciapiede londinese dopo che la sua mamma è stata allontanata dall’University College London Hospital: l’ospedale le disse infatti che non poteva essere ammessa perché il travaglio era iniziato da circa due ore e mezza. Sarebbe dovuta tornare dopo sei ore, ma in realtà il bambino non intendeva più aspettare. Non erano passati neanche 30 minuti che Louis è nato davanti a uno strip club di Tottenham Court Road. “Louis era sano. E la sua nascita, paradossalmente, è stato un momento bellissimo, di gioia”, ha raccontato la mamma sottolineando che a rendere speciale quella situazione sono state anche tutte le persone che per caso si trovavano lì. “Ricordo ancora che vedevo le caviglie delle persone passarmi accanto. Ricordo perfettamente il momento in cui ho sentito Louis ‘uscire’. Ricordo quando ho iniziato a gridare: ‘È qui’. E ricordo anche la faccia incredula di mio marito”, ha scritto Lizzie.

La gente intorno a lei batteva le mani e urlava al “miracolo di Natale”. Ma ora il pensiero della donna va in particolare a quello sconosciuto che le ha donato la sua sciarpa per proteggere il bimbo. “Condividete questa foto e ne sarò felice”, ha scritto ancora Lizzie nel suo post, condiviso e commentato da migliaia di utenti. La donna, un anno dopo la nascita del suo bambino, ha anche ricevuto le scuse dell’ospedale londinese: “Dopo quanto accaduto alla signora Elizabeth Hines lo scorso dicembre, abbiamo aperto un'inchiesta interna per comprendere la dinamica dell'accaduto e ridurre le probabilità che un fatto del genere si potesse ripetere in futuro. Abbiamo anche porto le nostre scuse alla signora Hines”.

438 CONDIVISIONI
"Non valeva un euro, ma era un regalo di mio figlio", Pepa cerca la sua fisarmonica rubata
267.991 di Chiara Daffini
Ucraina, anche gli anarchici in guerra:
Ucraina, anche gli anarchici in guerra: "Combattiamo dittatura e imperialismo di Putin"
Qatargate, cosa c'è nei verbali di Panzeri e Giorgi: le accuse a Cozzolino e Tarabella
Qatargate, cosa c'è nei verbali di Panzeri e Giorgi: le accuse a Cozzolino e Tarabella
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni