27 Maggio 2021
11:37

Manette troppo strette, gli devono amputare una mano: detenuto denuncia la polizia

Giovanni Loyola, 26 anni, ha citato in giudizio la polizia della contea di Jefferson per averlo presumibilmente ammanettato così forte da rendere necessaria l’amputazione della mano sinistra.
A cura di Davide Falcioni

Giovanni Loyola, un uomo ispano-americano di 26 anni, ha citato in giudizio la polizia della contea di Jefferson per averlo presumibilmente ammanettato così forte da rendere necessaria l'amputazione di una delle mani. Loyola è stato scarcerato lo scorso 28 febbraio con fortissimi dolori al polso sinistro e i polpastrelli delle dita che erano diventati neri. Si è quindi recato al Christ Health Center per sottoporsi a una visita e i medici gli hanno spiegato che sarebbe stato necessario un intervento chirurgico: dapprima gli hanno rimosso alcune falangi delle dita nella speranza che fosse sufficiente, ma visto che il dolore non passava sono seguiti altri "tagli" fino alla completa amputazione della mano. A seguito della gravissima mutilazione il 26enne ha denunciato il vice sceriffo della contea di Jefferson sostenendo che gli avrebbe stretto le manette ai polsi eccessivamente, impedendo per ore la circolazione del sangue e causandogli poi una cancrena. Non solo: sia il vicesceriffo che i suoi sottoposti avrebbero ripetutamente ignorato le sue richieste d'aiuto.

Loyola era stato arrestato il 16 febbraio del 2020 con l'accusa di aver esploso colpi di arma da fuoco in un parcheggio di roulotte e di aver partecipato a una rissa: ai poliziotti ha sempre dichiarato di essere estraneo a quelle accuse e di non aver mai posseduto pistole o fucili, ma il vice sceriffo ha ignorato la sua difesa, ha afferrato l'allora 25enne e lo ha ammanettato. Secondo la denuncia presentata dall'uomo i poliziotti l'avrebbero anche sbattuto per terra prendendolo a pugni senza nessuna ragione, dal momento che Loyola non aveva opposto nessuna resistenza. Non solo: le manette sono state strette eccessivamente ai polsi dell'uomo e non sono state allentate neanche dopo le sue ripetute richieste. Alla fine la mancata circolazione del sangue ha determinato una cancrena: non è stato sufficiente asportargli alcune dita, si è resa necessaria anche l'amputazione del resto della mano.

La moglie di un detenuto picchiato a Santa Maria: "Gli agenti chiesero di ritirare le denunce"
La moglie di un detenuto picchiato a Santa Maria: "Gli agenti chiesero di ritirare le denunce"
127.859 di Gaia Martignetti
Medico racconta: "In ospedale molti no vax. Prima di essere intubati implorano di essere vaccinati"
Medico racconta: "In ospedale molti no vax. Prima di essere intubati implorano di essere vaccinati"
Ucraina, minaccia di far esplodere una granata nel palazzo del Governo: "Non uscirò vivo di qui"
Ucraina, minaccia di far esplodere una granata nel palazzo del Governo: "Non uscirò vivo di qui"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni