432 CONDIVISIONI
25 Ottobre 2021
14:39

Lascia morire sotto il sole una bimba di 5 anni che ha preso come schiava: sposa dell’Isis condannata

Jennifer W., originaria di Lohne, in Bassa Sassonia, si è convertita all’Islam nel 2013. Il marito aveva incatenato la piccola a una grata, tenendo sotto il sole cocente perché aveva bagnato il letto, e lei non aveva mosso un dito. L’Alta Corte Regionale di Monaco l’ha condannata a 10 anni di carcere.
A cura di Biagio Chiariello
432 CONDIVISIONI

Si è concluso il processo nei confronti di una donna tedesca di 30 anni, Jennifer W., che nel 2014 si era unita all’Isis e che è accusata di aver lasciato morire di sete una bambina yazida di 5 anni, che lei e suo marito avevano comprato come schiava insieme alla madre a Mosul, la città dell’Iraq a lungo controllata dal sedicente Stato Islamico. L'Alta Corte Regionale di Monaco ha condannato la donna a 10 anni di carcere per aver numerose accuse tra cui quelle di crimine di guerra e l'appartenenza ad un’organizzazione terroristica. I pubblici ministeri federali avevano accusato Jennifer W., originaria di Lohne, in Bassa Sassonia, di essere rimasta a guardare in Iraq mentre l'allora marito incatenava la giovane yazida in un cortile e la lasciava morire di sete. Pare che la piccola avesse bagnato il letto perché malata . La piccola era "indifesa e inerme", ha detto il giudice Joachim Baier, aggiungendo che la 30enne "avrebbe dovuto considerare fin dall'inizio che il bambino, che era legato e sotto il sole, era in pericolo di morte". Tuttavia, non ha fatto nulla per aiutare la ragazzina, anche se questo fosse "possibile e ragionevole" per lei, ha detto il giudice Baier, secondo l'agenzia DPA.

Chi è Jennifer W.

Jennifer W. è cresciuta come protestante ma si è convertita all'Islam nel 2013. I media tedeschi hanno riferito che si era recata in Iraq, attraverso la Turchia e la Siria, nel 2014 per unirsi allo Stato islamico. Nel 2015, come membro della "polizia morale" del gruppo estremista, ha pattugliato i parchi di Fallujah e Mosul, armata di fucile d'assalto e pistola, oltre a un giubbotto esplosivo, "alla ricerca di donne che non rispettassero i suoi rigidi codici di comportamento e abbigliamento", hanno detto i pubblici ministeri. Pochi mesi dopo la morte della bambina W. aveva lasciato l’Iraq e si era recata all’ambasciata tedesca di Ankara, in Turchia, per richiedere nuovi documenti: lì era stata fermata dai servizi di sicurezza turchi ed estradata in Germania. Una volta tornata a casa aveva cercato di raggiungere di nuovo la Siria e raggiungere l'Isis, ma era stata fermata grazie a un informatore dell’FBI che aveva finto di poterla riportare a Mosul.

432 CONDIVISIONI
Ravenna, scioglie cocaina nel bicchiere della figlia al posto del medicinale: grave bimba di 5 anni
Ravenna, scioglie cocaina nel bicchiere della figlia al posto del medicinale: grave bimba di 5 anni
Il modello da milioni di follower condannato ai lavori forzati per aver protestato in Myanmar
Il modello da milioni di follower condannato ai lavori forzati per aver protestato in Myanmar
Scagliati in aria dal castello gonfiabile: morta bimba di 8 anni, 9 piccoli feriti in Spagna
Scagliati in aria dal castello gonfiabile: morta bimba di 8 anni, 9 piccoli feriti in Spagna
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni