Hanno fatto sesso su di un treno durante l'ora di punta  e hanno continuato nonostante un testimone ha chiesto loro di fermarsi. Deborah Tobyn, 57 anni, “ha fatto sesso orale ed è stata penetrata digitalmente” da Raymond Burr, 64 anni, su un treno c2c da Londra a Basildon, nell'Essex, lo scorso maggio. La coppia stava bevendo alcol ed è stata subito fermata dalla polizia all’arrivo a Pitsea. Il procuratore Patrick Duffy ha dichiarato: "Il primo testimone si trovava con suo nipote. C'erano bambini nella carrozza, confermati dal secondo testimone che ha detto che ha parlato di minore di età compresa tra uno e sei anni sul treno. Era un comportamento osceno”.

Dopo l'incidente, i due sono scesi dal treno a Pitsea e sono stati fermati da un ufficiale dei trasporti. Burr ha dato il suo vero nome ma Tobyn ha detto di chiamarsi Janet Green. Il giudice ha anche stabilito che Tobyn, che era rimasta vedova poco prima dell'incidente, inizialmente si è dichiarata non colpevole durante la sua prima apparizione in tribunale nel giugno di quest'anno, ma ha ammesso le proprie responsabilità alla corte suprema di Basildon il 2 agosto. Il giudice Samantha Leigh ha dichiarato: “È profondamente spiacevole ma sono ben consapevole dell'età di queste due persone. Sono entrambi adulti e sono in grado di prendere le proprie decisioni. Si sono comportati in modo osceno”.

Uno dei testimoni, una donna, era in compagnia del suo nipote piccolo e dice di aver assistito a cosa stava succedendo. “Si è alzata e ti ha parlato, ti ha chiesto di desistere, ma non l'hai fatto. C'erano altri bambini nella carrozza e alle 18:00 è un’ora di punta. Entrambi stavate bevendo in quel momento” ha aggiunto il giudice. Burr è stato condannato a svolgere 100 ore di servizio alla comunità mentre a Tobyn dovrà sostenerne 150.