“È tempo che i ricchi paghino la loro giusta quota di tasse” con queste parole il Presidente statunitense Joe Biden ha difeso appassionatamente le sue proposte di aumento delle tasse ai super ricchi nel Paese tagliando loro benefici e agevolazioni fiscali introdotte dal suo predecessore. “La linea di fondo è questa, i miei amici Repubblicani non hanno avuto problemi a votare e far passare una proposta di legge sulle tasse che scadrà nel 2025 e che costerà due trilioni di dollari. Nessuno di loro pagherà questi soldi che incrementeranno solo il deficit pubblico di due trilioni di dollari” ha dichiarato il Presidente Usa in un discorso dalla Casa Bianca rilanciato la cui intesi è sta rilanciata attraverso i suoi canali social.

Prendendo di mira i precedenti tagli fiscali decisi dai Repubblicani, Biden ha spiegato: “La schiacciante maggioranza di quelle agevolazioni fiscali vanno a persone che non ne hanno bisogno: si tratta dell'1 per cento. Ora cosa farà crescere di più l'America? Cosa aiuterà di più noi e la nostra sicurezza? I super ricchi che devono pagare il 3,9% in meno di tasse? o più risorse per scuole e università?” ha chiesto retoricamente Biden, aggiungendo: “Tutti gli economisti, anche quelli di wall street, ne stanno discutendo perché indovina un po’? Aumentare le tasse ai ricchi fa crescere l'economia, avvantaggia tutti e Non fa male a nessuno”.

“È giusto dire che si tratta di far pagare al multimilionario medio solo una quota equa di tasse che non influenzerà affatto il suo tenore di vita, neanche un po', ma può influenzare il tenore di vita delle altre persone grazie alle quali lui è cresciuto” ha scandito ancora l’inquilino della Casa Bianca. "Le 35 o 30 società più grandi non hanno pagato un solo centesimo lo scorso anno. Hanno guadagnato 400 miliardi di dollari. Non hanno pagato tasse. Come può avere senso tutto questo?" ha rincarato la dose Biden. Nel complesso, la proposta di Biden ricadrebbe esattamente sull'1 % degli americani, che pagherebbero in media 100.000 dollari in più all'anno. La proposta prevede di un aumento dell’'aliquota sul reddito per gli americani che guadagnano oltre 400.000 dollari e sulle società più ricche.