È drammatico il bilancio di un incidente stradale che si verificato lunedì mattina in India. Almeno ventinove persone sono morte, tra le vittime anche un bambino e una donna, e altre diciotto sono rimaste ferite quando l’autobus sul quale viaggiavano si è rovesciato ed è caduto in un fossato a bordo strada. L’incidente stradale si è verificato sulla superstrada Yamuna Expressway vicino ad Agra, nello stato dell'Uttar Pradesh, nel nord dell’India. La causa dello schianto è ancora sotto indagine. La maggior parte dei passeggeri dormiva quando si è verificato lo schianto: l’autobus, a due piani e sul quale viaggiavano circa cinquanta persone, era partito domenica sera da Lucknow, capitale del grande stato dell'Uttar Pradesh, e doveva portare i passeggeri a Nuova Delhi. Il veicolo, secondo quanto reso noto dalla polizia locale, è caduto per più di dodici metri finendo nel fiume sottostante, con l'ultimo piano schiacciato e l'acqua che complicava le operazioni di soccorso. Riguardo le cause della tragedia gli investigatori, secondo le prime informazioni trapelate, sospettano che l'autista si sia addormentato mentre guidava.

Incidenti stradali in India: circa 150.000 morti e 470.000 feriti ogni anno – Con i suoi 165 chilometri, la Yamuna Expressway tra New Delhi e Agra è la più lunga autostrada a sei corsie presene in India.  Su quella strada circa 900 persone sono morte da quando è stata aperta nel 2012. E secondo le statistiche ufficiali, circa 150.000 persone muoiono ogni anno e 470.000 restano ferite in incidenti stradali in India, Paese che ha le strade più mortali del mondo. La maggior parte degli incidenti sono causati da guida spericolata, strade mal gestite e veicoli vetusti.