2.109 CONDIVISIONI
2 Settembre 2020
13:04

Australia, pubblica su Facebook post contro misure anticovid: la polizia la arresta in casa

Una donna australiana di 28 anni residente nello stato di Victoria, Zoe Buhler, è stata arrestata in casa sua dalla polizia perché aveva publicato sui social un post per inneggiare alle proteste contro le misure anticovid imposte dal governo locale. L’accusa è di istigazione a delinquere perché avrebbe invitato a partecipare a un corteo non autorizzato.
A cura di Antonio Palma
2.109 CONDIVISIONI

Un post pubblicato sui social per inneggiare alle proteste contro le misure anticovid imposte dal governo, tanto è bastato perché la polizia facesse irruzione in casa sua e la arrestasse. È quanto capitato a una donna australiana di 28 anni residente nello stato di Victoria, Zoe Buhler, il cui arresto è stato filmato dal marito diventando subito virale su facebook e attirando numerose proteste contro la polizia locale. Nel filmato si vede la donna, ammanettata dagli agenti nonostante sia incinta, mentre discute con i poliziotti. Nel video, la donna dice di non essere a conoscenza di aver infranto la legge caricando contenuti a sostegno della protesta ma gli agenti ribattono che ha violato la legge.

Come ricostruito dai media locali, tutto sarebbe nato con un post su facebook in cui la donna avrebbe incoraggiato le persone a partecipare a una manifestazione di protesta contro le misure anticovid. In Australia gruppi di manifestanti anti-blocco hanno organizzato per il 5 settembre una serie di proteste pianificate in tutto il paese ma no autorizzate dalle autorità così la polizia ha deciso di intervenire severamente individuando tutti i possibili partecipanti. L’arresto della donna residente con marito e due figli a Miners Rest, nel nord-ovest di Melbourne, infatti è solo l’ultimo di una serie di fermi di polizia effettuati negli ultimi giorni nello stato di Victoria con l’accusa di istigazione a delinquere tra cui anche un uomo ultrasettantenne.

“La polizia di Victoria è a conoscenza di un raduno proibito che è previsto a Ballarat sabato. Qualsiasi riunione di questa natura è in palese violazione delle indicazioni del Ministero della salute e mette a rischio le vite delle persone” hanno dichiarato dalla polizia spiegando che la donna aveva inviato alla partecipazione sui social e quindi è stata arrestata a poi rilasciata su cauzione con l’obbligo di comparire in tribunale il 25 gennaio prossimo. “Chi sta ancora pensando di partecipare alla protesta a Ballarat sabato può aspettarsi una risposta rapida e ferma dalla polizia" hanno concluso dalla polizia.

2.109 CONDIVISIONI
Orrore in Australia, 14 canguri trovati morti in strada: polizia incrimina due adolescenti
Orrore in Australia, 14 canguri trovati morti in strada: polizia incrimina due adolescenti
Australia: bimba di 4 anni scompare dal campeggio mentre dorme con i genitori, sparito anche il sacco a pelo
Australia: bimba di 4 anni scompare dal campeggio mentre dorme con i genitori, sparito anche il sacco a pelo
In fuga e poi catturata prima del processo ex segretaria 96enne del campo di sterminio nazista
In fuga e poi catturata prima del processo ex segretaria 96enne del campo di sterminio nazista
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni