Negli Stati Uniti è scoppiato un vero e proprio allarme per la cosiddetta encefalite equina orientale (EEE), nota anche come malattia del sonno, trasmessa dalle zanzare, che ha già fatto 3 morti mentre una ragazza di 14 anni sarebbe in fin di vita. I timori maggiori ci sono in tre Stati: dopo il decesso di una donna in Massachusetts a causa del morbo trasmesso dal virus, le autorità hanno messo in guardia anche gli abitanti di Michigan e del New Jersey, dove sono apparsi altri contagi. In circa il 30% dei casi, spiegano gli esperti, la patologia risulta letale in quanto le complicazioni possono portare edemi cerebrali incontrollabili, dolori, epilessia, insufficienza respiratoria, coma.

In molti altri i danni alla salute sono di lungo termine. Per questo, i responsabili sanitari hanno suggerito alla popolazione degli Stati interessati di non uscire al tramonto e all'alba, quando cioè le zanzare sono più attive, e di coprirsi in ogni caso di spray anti insetti, sia il corpo che i vestiti. Ma il virus comincia a far paura anche in Florida e nello stato di New York, dove è stato riscontrato in alcuni animali.

Encefalite equina orientale: paura per una 14enne

L'ultimo caso di contagio è quello della 14enne Savannah DeHart, residente nel Michigan, che sta lottando tra la vita e la morte dopo che le è stata diagnosticata l'encefalite equina orientale. La ragazza aveva cominciato ad avvertire un forte mal di testa, poi le sue condizioni sono rapidamente peggiorate. Ricoverata al Bronson Children’s Hospital di Kalamazoo, è attaccata ad una macchina per respirare. Ben tre sono invece i decessi confermati e legati a questa patologia. Tra questi, l'ultimo è quello di Laurie Sylvia, 59 anni, della contea di Bristol, morta a causa del virus nel fine settimana scorso dopo essersi ammalata il lunedì precedente.

Cos'è l'encefalite equina, come si trasmette e sintomi

L'Encefalite equina orientale (EEE), nota anche come malattia del sonno, è generalmente diffusa dalle zanzare infette. Fu riconosciuta per la prima volta in Massachusetts, negli Stati Uniti, nel 1831, quando 75 cavalli morirono misteriosamente di encefalite virale. Si tratta di una malattia rara, in Usa se ne registrano solo 4 o 5 casi all'anno generalmente. Non è facile arrivare alla diagnosi dell'encefalite equina, perché molti dei sintomi sono condivisi con altre malattie. Tra questi, ci sono febbre alta, dolore muscolare, stato mentale alterato, mal di testa, irritazione meningea, fotofobia e convulsioni, che si verificano 3-10 giorni dopo il morso di una zanzara infetta. Le conferme possono arrivare dopo aver esaminato un campione di liquido spinale cerebrale o tessuto cerebrale, sebbene le scansioni TC e la risonanza magnetica siano utilizzate per rilevare l'encefalite. A causa delle conseguenze negative che può avere sul cervello, chi riesce a sopravvivere può presentare disturbi della personalità, paralisi, convulsioni e menomazione intellettuale.