Foto: Ju–Air.ch
in foto: Foto: Ju–Air.ch

UPDATE: La polizia cantonale ha confermato la morte di 20 persone nello schianto dello Junker del 1939.

Si temono almeno 20 vittime nello schianto di un aereo militare d’epoca precipitato in Svizzera. Notizia già circolata nella serata di ieri, ma confermata solo questa mattina dalla polizia cantonale grigionese. I media locali spiegano che il velivolo, uno Junker JU52 HB-HOT costruito in Germania nel 1939, apparteneva alla compagnia Ju-Air, fondata nel 1982 da un gruppo di collezionisti di aviazione. Sull’aereo precipitato erano a bordo 17 passeggeri e 3 membri dell’equipaggio. Secondo quanto scrivono alcuni media locali, tra cui il quotidiano svizzero di lingua tedesca Blick, i passeggeri sarebbero tutti morti. L’aereo si sarebbe schiantato contro una parete del Piz Segnas, a quota 2.500 metri circa. Non c’è ancora – a distanza di un giorno dall’incidente – un bilancio ufficiale delle vittime, ma è stato riferito che nelle operazioni di soccorso sono impegnati cinque elicotteri e annunciato che lo spazio aereo della zona rimarrà chiuso fino a questa sera.

La compagnia aerea proprietaria del velivolo ha annunciato la sospensione di tutti i suoi voli. Dopo l’incidente, sul posto sono immediatamente intervenuti due elicotteri della guardia aerea, tre elicotteri civili e altri mezzi di soccorritori. Secondo il programma previsto, il velivolo sarebbe decollato venerdì 3 agosto da Dübendorf in direzione di Locarno per una gita di due giorni tra Ticino e Italia. Il ritorno era previsto per il pomeriggio di ieri, con atterraggio all’aerodromo di Zurigo intorno alle 17.

Il passaggio dell’aereo sopra le Alpi è stato testimoniato anche da alcune foto scattate dai lettori di siti di informazione. Alle 14 si dovrebbero sapere ulteriori dettagli, con una conferenza stampa convocata dalla polizia cantonale a Flims. Ulteriori informazioni verranno fornite nel pomeriggio anche dalla compagnia aerea Ju-Air. Si indaga intanto sulle motivazioni che hanno causato il tragico incidente: secondo alcuni esperti il caldo avrebbe avuto un ruolo nella tragedia, in quanto l’aria calda, più rarefatta, avrebbe potuto crera problemi al velivolo d’epoca.

Il cordoglio della compagnia aerea

La compagnia aerea JU-Air ha espresso il suo cordoglio per la tragedia avvenuta ieri, dicendosi "profondamente triste" per quanto avvenuto e rivolgendo un pensiero "ai passeggeri, all'equipaggio, ai familiari e agli amici delle vittime". La stessa compagnia ricorda che la polizia ha allestito un numero di assistenza per i parenti e ribadisce che le operazioni di volo della compagnia sono sospesi fino a ulteriori notizie.

Due incidenti in un giorno

Ieri è avvenuto un altro incidente nella zona boschiva nei pressi di Hergiswil. A perdere la vita è stata un'intera famiglia: padre, madre e due figli minorenni. I quattro erano a bordo di un monomotore da cinque posti Socata TB-10 decollato dall'aerodromo di Kägiswil e diretto in Francia. L’incidente è avvenuto poco prima delle dieci, a circa venti minuti dalla partenza, provocando anche un incendio.