26 Marzo 2021
10:33

Come ottenere i contributi a fondo perduto del Decreto Sostegni: moduli e domanda

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il modulo pdf e le istruzioni per la richiesta dei contributi a fondo perduto previsti dal Decreto Legge Sostegni. Questi aiuti sono destinati ai titolari di partita IVA, società, professionisti, artigiani, commercianti e titolari di reddito agrario che hanno subito un calo di fatturato medio mensile di almeno il 30% tra il 2019 e il 2020. Per usufuirne, sarà necessario fare domanda sul sito dell’Agenzia delle Entrate a partire dal 30 marzo fino al 28 maggio 2021. Andiamo a vedere come si compila e si invia il modulo di richiesta.
A cura di Daniela Brucalossi

L'Agenzia delle Entrate, con un provvedimento del 23 marzo, ha pubblicato il modulo pdf e le istruzioni per la richiesta dei contributi a fondo perduto previsti dal Decreto Legge Sostegni (pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 marzo). Gli aiuti, per i quali sono stati stanziati 11 miliardi, sono destinati ai titolari di partita IVA (persone fisiche e giuridiche), società, professionisti, artigiani, commercianti e titolari di reddito agrario. I requisiti per accedere ai ristori sono: aver subito un calo di fatturato medio mensile di almeno il 30% tra il 2019 e il 2020 a causa della pandemia Covid-19 e aver conseguito ricavi o compensi non superiori ai 10 milioni di euro nel 2019. L'ammontare del contributo sarà poi calcolato sul calo medio del fatturato e corrisponderà a una percentuale che va dal 2,5% al 5% della cifra. In ogni caso, non potrà essere inferiore a 1000 euro per le persone fisiche e 2000 euro per le persone giuridiche, mentre la cifra massima erogabile sarà 150mila euro. Per usufuirne, sarà necessario presentare un‘istanza sul sito dell'Agenzia delle Entrate nella sezione "Fatture e Corrispettivi" a partire dal 30 marzo fino al 28 maggio 2021 e, se la richiesta sarà ritenuta idonea, si riceverà il contributo direttamente sul conto corrente a partire dall'8 aprile. Andiamo a vedere più nel dettaglio come richiederlo.

Come fare domanda per i contributi a fondo perduto: il modulo

Il Decreto Legge Sostegni ha stanziato 11 miliardi per contributi a fondo perduto destinati a titolari di partita IVA (persone fisiche e giuridiche), società, professionisti, artigiani, commercianti e titolari di reddito agrario, che hanno subito un calo di fatturato medio mensile di almeno il 30% tra il 2019 e il 2020. Il 23 marzo l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato il modulo pdf da utilizzare per fare richiesta del contributo a partire dal 30 marzo fino al 28 maggio 2021. L'invio della domanda all'Agenzia delle Entrate, esclusivamente in modalità telematica, può essere effettuato in due modi:

  • tramite servizio web, direttamente dai richiedenti, accedendo all'area riservata della sezione "Fatture e Corrispettivi" nel sito dell'Agenzia oppure da commercialisti, ragionieri, consulenti del lavoro, legali e CAF delegati dal richiedente, accedendo al servizio del "Cassetto Fiscale" o a quello di “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici”
  • mediante l'applicazione desktop telematico (un "contenitore" predisposto dall'Agenzia delle Entrate e destinato alla compilazione, al controllo, all'autenticazione e all'invio dei file telematici); questa trasmissione può essere eseguita per conto del richiedente da commercialisti, ragionieri, consulenti del lavoro, legali e CAF, accedendo al servizio del "Cassetto Fiscale" o al servizio di “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici”.  Con questa questa modalità è possibile inviare fino a 500 istanze contemporaneamente.

Il richiedente o l'intermediario delegato potranno conoscere l'esito della domanda accedendo sempre all'area riservata della sezione "Fatture e Corrispettivi", selezionando poi le opzioni “Contributo a fondo perduto" e "Consultazione esito”.  Qui sarà comunicato anche l'eventuale rigetto della domanda, con allegate motivazioni.

Le istruzioni per ottenere i contributi del Dl Sostegni

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato anche le istruzioni di compilazione dell'istanza da inviare all'Agenzia delle Entrate per ottenere i contributi a fondo perduto. Il modulo è composto da diverse sezioni dedicate a:

  • il soggetto richiedente: in questo spazio chi fa domanda deve inserire il proprio codice fiscale e quello del suo erede diretto
  • il rappresentante firmatario dell'istanza: questo spazio è dedicato al codice fiscale di un eventuale intermediario delegato dal richiedente alla presentazione della domanda (nel caso questo fosse una persona giuridica, un minorenne o impossibilitato a presentarla lui stesso)
  • i requisiti: il richiedente deve provare di avere i requisiti necessari per usufruire del bonus inserendo l'ammontare dei ricavi/compensi complessivi nell'anno 2019, l'mporto medio mensile del fatturato e dei corrispettivi riferiti alle operazioni effettuate nel 2019 e l'mporto medio mensile del fatturato e dei corrispettivi riferiti alle operazioni effettuate nel 2020. Nel caso in cui il richiedente avesse attivato la partita IVA dopo il 31/12/2018 deve sbarrare l'apposita casella
  • la modalità di fruizione del contributo: il richiedente deve indicare sotto che forma vuole ricevere il contributo (accredito sul conto corrente o credito d'imposta)
  • l’Iban: il richiedente deve indicare il codice Iban per l'accredito del contributo sul conto corrente

A quanto ammonta il contributo e come si calcola

L'ammontare del contributo a fondo perduto non potrà essere inferiore a 1000 euro per le persone fisiche e 2000 euro per le persone giuridiche, mentre la cifra massima erogabile sarà 150mila euro. L'importo esatto verrà calcolato applicando una percentuale (che va dal 2,5% al 5%) alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e l'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019. In base a questa cifra, il richiedente potrà individuare la fascia nella quale rientra (dalla quale si potrà conoscere l'importo del contributo).

Il Consiglio Ue ha trovato un accordo sulle misure contro il caro energia
Il Consiglio Ue ha trovato un accordo sulle misure contro il caro energia
“A ottobre bollette mai viste prima”: l'allarme di Arera
“A ottobre bollette mai viste prima”: l'allarme di Arera
Perché la Germania può spendere 200 miliardi per combattere il caro bollette e noi no
Perché la Germania può spendere 200 miliardi per combattere il caro bollette e noi no
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni