19 Febbraio 2020
09:52

Salone Internazionale del Libro Torino, il direttore Lagioia presenta la 33esima edizione

Presentata la 33esima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino e annunciati i primi ospiti: da Salman Rushdie ad Annie Ernaux. Focus internazionali su Irlanda e Canada, regione ospite la Campania. Il direttore Nicola Lagioia svela il tema della manifestazione: “Altre forme di vita” per immaginare il futuro.
A cura di Redazione Cultura
Nicola Lagioia<br />@Luigi De Palma
Nicola Lagioia
@Luigi De Palma

Saranno le "altre forme di vita" ad essere  protagoniste del Salone Internazionale del Libro di Torino, da giovedì 14 a lunedì 18 maggio, per la terza edizione firmata dallo scrittore pugliese Nicola Lagioia. Nei tre padiglioni di Lingotto Fiere, Oval e Centro Congressi del capoluogo torinese, andrà in scena la 33esima edizione della manifestazione libraria più importante del Paese. A raccontarla in anticipo ieri sul palco dell’Auditorium Vivaldi della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, si sono alternati Silvio Viale, presidente dell’Associazione Culturale Torino, la Città del Libro, Giulio Biino, presidente della Fondazione Circolo dei lettori, Elena Loewenthal, direttore della Fondazione Circolo dei lettori, e Nicola Lagioia, direttore editoriale del Salone Internazionale del Libro di Torino.

Salone Internazionale del Libro di Torino: altre forme di vita

Saranno cinque giorni di dialogo intorno ai libri e alla lettura, per immaginare il futuro dell’umanità e del mondo con oltre 2000 tra scrittori, filosofi, scienziati, artisti, economisti e pensatori contemporanei. Ma il tema va declinato più rispetto al futuro e alla sostenibilità di un futuro che in direzione fantascientifica, anche se non mancherà nemmeno quello. Insomma, ci sarà spazio per tutti e tutto: da Philip Dick a Greta Thunberg. Così in una nota stampa l'organizzazione del Salone:

La crisi climatica, la sostenibilità, la tutela della biodiversità, l’innovazione tecnologica, i nuovi modelli sociali, economici e politici necessari a vivere degnamente il XXI secolo si intrecceranno con letteratura, cinema, teatro, con la grande arte di raccontare storie. Se non provano i libri a immaginare il futuro e a narrare le mutazioni, chi può farlo?

Le prime notizie sul programma del Salone del Libro di Torino

Ad annunciare le prime notizie relative al programma, in fase di allestimento, dei cinque giorni di Salone Internazionale del Libro, il direttore Nicola Lagioia. Che, oltre a presentare il manifesto della 33esima edizione, opera di Mara Cerri, tra le illustratrici italiane più promettenti, racconta come per l'edizione del 2020 ci saranno due focus internazionali su Irlanda e Canada, mentre la Regione ospite sarà la Campania.

Tra i primi ospiti annunciati, invece, in attesa della seconda conferenza stampa dedicata al programma: Salman Rushdie; Annie Ernaux; Edna O'Brien; Gabrielle Filteau-Chiba; Thomas Piketty e i concerti dell’Orchestra Scarlatti Junior, di Pat Metheny e di Francesco Bianconi.

All’interno del Salone quest’anno sorgerà un vero e proprio bosco realizzato in piena sostenibilità con alberi, cespugli, manti erbosi. È il Bosco degli scrittori, progetto di Aboca Edizioni in collaborazione con il Salone del Libro: uno spazio pensato per immergersi nella natura e partecipare a incontri, letture, presentazioni, dibattiti sui temi dell’ecologia e della letteratura.

Igiaba Scego racconta il colonialismo italiano ai ragazzi: "Una grande ferita che dobbiamo conoscere"
Igiaba Scego racconta il colonialismo italiano ai ragazzi: "Una grande ferita che dobbiamo conoscere"
127.420 di Cultura Fanpage
Alla scoperta di chi si prepara all'Apocalisse, O'Connell: "Mi affascina il sogno di chi ci crede"
Alla scoperta di chi si prepara all'Apocalisse, O'Connell: "Mi affascina il sogno di chi ci crede"
Perché paghiamo milioni per un’opera d’arte che non esiste, e cosa c'entra Zuckerberg
Perché paghiamo milioni per un’opera d’arte che non esiste, e cosa c'entra Zuckerberg
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni