Chiunque vada al Louvre per ammirare da vicino l'opera più conosciuta di Leonardo da Vinci, la mitica Gioconda, resta deluso dalla presenza del vetro e della barriera messi a protezione del celebre dipinto. Tanta strada fatta soltanto per vederla e, poi, non ci si può avvicinare! Forse, è proprio per questo, che per i 500 anni dalla morte del Maestro il museo di Parigi ha deciso di organizzare la sua prima mostra immersiva, "Mona Lisa Beyond the Glass", scegliendo proprio la Gioconda come soggetto della realtà virtuale. Sebbene spesso criticate, le experience hanno indubbiamente un merito: quello di includere gli spettatori in un lungo viaggio alla scoperta delle opere d'arte, immergendoli nei quadri. L'esposizione interattiva sarà aperta al pubblico dal 24 ottobre al 24 febbraio 2020.

La Gioconda virtuale, la mostra immersiva

Dipinta tra il 1503 e il 1504, la Gioconda, conosciuta anche come Monna Lisa, è la donna più famosa del mondo dell'arte. Il suo sorriso enigmatico e la grazia del portamento hanno affascinato negli anni miliardi di persone, consacrando nei secoli l'opera di Leonardo da Vinci. Questo ritratto, avvolto nel mistero e fortemente evocativo, ha ispirato opere di letteratura e di critica, nonché studi psicoanalitici. Nel mondo del cinema e della televisione abbondano riferimenti e citazioni. Amata, ma anche follemente detestata, la Gioconda con il suo sguardo ironico e sensuale sembra prendersi gioco di chi la guarda, nascondendo sempre qualcosa. I rumours sulla sua identità, nonché la vicenda del furto avventuroso, hanno poi contribuito ad accrescerne ancor più l'alone di leggenda.

"Mona Lisa Beyond the Glass" al Louvre

Nell'ambito delle celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, il museo Louvre di Parigi ha scelto di omaggiare l'artista con una grande retrospettiva sulle sue opere pittoriche e, in particolare, con una mostra immersiva che metta i visitatori in contatto con il suo dipinto più celebre, la "Gioconda". La fruizione sarà completamente digitale, facendo muovere gli spettatori in uno spazio 3D con indosso degli speciali visori Htc Vive con cui potranno vedere i dettagli più microscopici dell'opera. Finalmente un modo per poter godere del dipinto senza intaccarne il pregio, scoprendo elementi inediti e soffermandosi sulle tecniche pittoriche adoperate dal maestro. E per chi non può andare al Louvre c'è anche la versione "domestica": basta accedere al servizio di abbonamento digitale di piattaforme di realtà virtuale come Viveport. Così il museo del Louvre ha presentato la mostra sul suo profilo Twitter:

Per la prima volta, il Louvre presenterà un'esperienza di realtà virtuale nell'ambito dell'esposizione dedicata a Leonardo in collaborazione con Htc Vive Arts. Tutta da scoprire a partire dal 24 ottobre 2019!