Tornano le Giornate FAI di Primavera, in programma sabato 15 e domenica 16 maggio 2021. Ben 600 luoghi in 300 città e 19 Regioni, molti dei quali poco conosciuti o accessibili in via eccezionale, visitabili in totale sicurezza e nel rispetto delle normative vigenti. Dal Castello di Sammezzano a Reggello (FI) alla Villa “Il Vascello” a Roma, dalle chiese di Gio Ponti a Milano e Taranto al borgo di Santa Maria del Cedro (CS), torna la più grande festa di piazza dedicata al patrimonio culturale italiano.

Chiesa di San Francesco d’Assisi al Fopponino
in foto: Chiesa di San Francesco d’Assisi al Fopponino

Le Giornate FAI di Primavera rappresentano il primo grande evento nazionale dedicato ad arte e cultura organizzato dopo le chiusure dovute alla restrizioni per impedire il contagio da coronavirus. Percorsi fra storia e arte, archeologia e natura sono le proposte per le aperture speciali delle Giornate FAI, un’iniziativa che il Fondo per l’Ambiente Italiano ha voluto coraggiosamente e prontamente programmare a metà maggio, affrontando con grande tenacia le innumerevoli complessità organizzative legate all’emergenza sanitaria.

Grotta di seiano e il parco archeologico di pausyllipon
in foto: Grotta di seiano e il parco archeologico di pausyllipon

Anche quest’anno, dunque, la manifestazione del FAI tanto attesa e che dal 1993 rappresenta il più importante evento dedicato al patrimonio culturale torna a coinvolgere gli italiani nel segno delle bellezze italiane. Per consultare il programma completo e prenotare le visite obbligatorie, disponibili fino a esaurimento posti entro la mezzanotte del giorno precedente la visita, bisogna andare sul sito www.giornatefai.it.