Covid 19
6 Marzo 2020
09:55

Libri Come a Roma annullata, gli organizzatori: “Ci abbiamo provato”

La manifestazione romana Libri Come, la Festa del libro e della lettura, imperdibile appuntamento dell’anno letterario dove si annunciano i finalisti del Premio Strega, è stata annullata a causa dell’emergenza Coronavirus. Il tema scelto quest’anno era “Coraggio”. Quello dimostrato dagli organizzatori fino alla fine, che adesso sui social scrivono: “Ci abbiamo provato. Ci disipiace.”
A cura di Redazione Cultura
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Non si arresta l'onda d'urto dell'emergenza Coronavirus sul mondo della cultura, tra festival, presentazioni, fiere. Così gli organizzatori della manifestazione Libri Come, la Festa del libro e della lettura, che si sarebbe dovuta tenere dal 12 al 15 marzo 2020 all'Auditorium di Roma, si sono dovuti arrendere e annullare l'evento. Il messaggio su Facebook è, a suo modo, commovente: "Ci abbiamo provato. Ci dispiace. Per la situazione difficile in Italia e nel mondo. Per il lavoro di tutti quelli che per mesi e fino all’ultimo si sono impegnati. Libri Come la prossima settimana non ci sarà. Grazie a tutti".

La manifestazione capitolina, ormai divenuta un appuntamento imperdibile per editori, scrittori e lettori, ogni inizio anno, era solita lanciare la volata a diversi appuntamenti e in qualche modo ricominciare l'anno letterario dopo la pausa natalizia. Dai finalisti del Premio Strega 2020 (di solito annunciati in chiusura di Libri Come) ai grandi ospiti internazionali, quest'anno non dunque non ci sarà. "Coraggio" il tema scelto quest'anno. E coraggio hanno mostrato gli organizzatori fino alla fine, quando hanno dovuto arrendersi davanti all'evidenza e alle prescrizioni di legge. Ci si ferma. Il lavoro di mesi va in fumo così, di colpo. A chi ha lavorato, a chi ha organizzato. In quest'occasione come nelle migliaia che si stanno verificando nel nostro Paese in queste ore.

La speranza per Libri Come è tornare più avanti, quando l'emergenza sarà conclusa. Probabilmente dopo l'estate, magari a ottobre 2020. Anche se il calendario è complicato e affollato di eventi. In ogni caso, qualcosa salterà. Lo scenario è cupo. Nella giornata di ieri è circolata la notizia che anche al Salone Internazionale del Libro di Torino si sta valutando con attenzione l'evolversi della situazione. Dall'organizzazione, intanto, fanno sapere che si lavora all'edizione 2020, naturalmente monitorando quanto sta accadendo in queste ore. Il futuro è imprevedibile, anche quello a breve.

31057 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni