Dramma sulle strade catanesi. Un ragazzo di 23 anni, originario di Aci Bonaccorsi, Mirko Leone, è deceduto a Misterbianco dopo aver perso il controllo dell’automobile, finendo per schiantarsi contro un cartellone pubblicitario. Domenica 20 gennaio avrebbe festeggiato il suo ventiquattresimo compleanno. Ancora da chiarire la dinamica dell’incidente avvenuto sulla tangenziale, da Siracusa in direzione Catania, all’altezza del bivio per Misterbianco e Paternò, intorno alle 4.50 di questa mattina.

A quanto si apprende il giovane stava andando al lavorare a bordo della sua Chrysler quando è avvenuta la tragedia. Un colpo di sonno, una distrazione, un guasto meccanico: non è ancora chiaro cosa abbia provocato l'incidente, di certo l'impatto è stato violentissimo tanto che è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco per estrarre il giovane dalle lamiere. Sul caso stanno indagando i carabinieri, che hanno provveduto a effettuare i rilievi del caso per ricostruire l’esatta dinamica di quanto accaduto. La salma è stata portata al cimitero di Misterbianco. La data dei funerali non è stata ancora fissata. Mirko Leone era il più piccolo di tre fratelli.

Dolore immenso anche sui social network per la morte di Mirko. Senza parole senza fiato. R.i.p. Ma da non credere Mirko, ti ho visto crescere, non ci credo”, posta Maria su Facebook. “Anche tu ? No. Riposa in pace fratello”, commenta Andrea. Parole simile a quelle di Mauro: “Il destino, a volte, è crudele. Rip Mirko”. Una scia di sangue che non si arresta nella provincia etnea. Mirko, infatti, si aggiunge alle altre giovani vittime delle strade catanesi: i due cugini deceduti in via Palermo e i tre morti, tra cui un poliziotto, sull’autostrada A18 Catania-Messina.