172 CONDIVISIONI
Covid 19
29 Dicembre 2021
13:36

Tamponi molecolari, antigenici rapidi e fai da te: quali comprare in farmacia, tempi e costi

Con il boom di contagi degli ultimi giorni si registra anche un forte incremento dei test per la diagnosi del Covid-19: ecco quali sono le differenze tra molecolari, antigenici e “fai da te”.
A cura di Davide Falcioni
172 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

La diffusione della variante Omicron del Coronavirus sta determinando un'esplosione dei contagi: giorno dopo giorno in Italia si inanellano nuovi record di positivi e, con essi, anche nuovi record di test: sì, perché il ricorso a un tampone oro-rinofaringeo si sta rivelando indispensabile non solo per le decine di migliaia di persone che ogni giorno presentano i sintomi del Covid-19, ma anche per i loro contatti stretti, per i guariti e per i non vaccinati che hanno bisogno del Green Pass "base". L'aumento delle interazioni sociali legate alle festività natalizie e di Capodanno sta ulteriormente amplificando le criticità, e sempre più spesso si vedono soprattutto nelle grandi città code chilometriche presso gli hub sanitari e tamponi rapidi esauriti nelle farmacie. Non mancano poi episodi di vera e propria speculazione. A Roma, ad esempio, ci sono centri privati che offrono tamponi molecolari a 140 euro (anziché 60) per avere in cambio un responso in "sole 4 ore".

Ma quante sono le tipologie di tamponi disponibili? Esistono i test molecolari, gli antigenici rapidi che vengono effettuati in farmacia e gli antigenici rapidi "fai da te". I primi sono i più affidabili: come spiega l'ISS sono infatti in grado di rilevare il genoma (RNA) del virus SARS-Cov -2 nel campione biologico attraverso il metodo RT-PCR.  "Questo test ha un altissimo grado di sensibilità e specificità. L’esito di questo tampone si ottiene mediamente in tre/sei ore", anche se a dire il vero le tempistiche possono superare abbondantemente le 24 ore, soprattutto presso i centri privati. In ogni caso il tampone molecolare è la prima scelta, ad esempio, in caso di caso sospetto sintomatico, di contatto stretto di caso confermato che manifesta sintomi, negli screening degli operatori sanitari, nei soggetti a contatto con persone fragili o per l’ingresso in comunità chiuse o ospedali. Ci sono poi i test antigenici da fare in farmacia: a differenza dei molecolari costano meno e per avere un responso bastano pochi minuti, ma la loro affidabilità non è ancora ottimale e sono frequenti i "falsi negativi". Infine ci sono i test rapidi "fai da te": si vendono nei supermercati ma, oltre a essere meno meno affidabili, presentando un alto rischio di falsi positivi e falsi negativi.

Dove fare e quanto costa il tampone molecolare

Come visto i test più affidabili per la diagnosi del Sars-Cov-2 sono i tamponi molecolari che, con una sensibilità del 99%, proteggono dai falsi negativi. In base alle norme vigenti, i contatti stretti di un caso confermato Covid-19 "devono allertare il proprio medico, che avviserà o fornirà tutte le indicazioni per contattare il Dipartimento di prevenzione della Asl o Ats competente per territorio che disporrà la quarantena e la sorveglianza". Sono poi sempre i medici di base a prescrivere i tamponi molecolari gratuiti presso i "drive in" delle Asl. Negli ultimi giorni, tuttavia, i tempi di attesa sono aumentati ed è per questo che in molti si stanno rivolgendo a laboratori privati, dove però il costo di un tampone molecolare parte da 60 euro.

Tamponi rapidi antigenici in farmacia e fai da te

Ci sono poi i test antigenici in farmacia e quelli "fai da te". La loro affidabilità talvolta lascia a desiderare soprattutto contro la variante Omicron, come scoperto da un team di ricerca svizzero che ha confrontato le performance di sette diversi test dell’antigene notando un importante calo della sensibilità. Il rischio di essere un "falso negativo", quindi, è decisamente più alto rispetto ai tamponi molecolari. Quanto invece ai tamponi antigenici fai da te sono stati sconsigliati anche dagli esperti e non sono ufficialmente riconosciuti nella gestione della pandemia e i loro risultati, non a caso, non rientrano nel bollettino quotidiano sui nuovi positivi diramato dal Ministero della Salute. Di contro sia quelli in farmacia che i "self service" hanno costi a portata di tutti (circa 15 euro i primi, circa 7 euro i secondi)

172 CONDIVISIONI
31341 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni