101 CONDIVISIONI
Covid 19
28 Dicembre 2021
16:37

Come usare i tamponi fai da te: quando farli e quanto fidarsi del risultato

Il boom di contagi dovuto alla variante Omicron e alle festività natalizie sta scatenando la corsa ai tamponi, compresi i “fai da te”. Ecco come funzionano.
A cura di Andrea Centini
101 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

La grande diffusione della variante Omicron (B.1.1.529) del coronavirus SARS-CoV-2 sta facendo impennare le curve dei contagi in numerosi Paesi, strappando lo “scettro” alla variante Delta precedentemente dominante. A causa delle infezioni record, catalizzati dall'estrema trasmissibilità e dalla ridotta sensibilità agli anticorpi neutralizzanti del nuovo ceppo, oltre che dall'aumento dei contatti sociali per le festività natalizie e di Capodanno, si è innescata una vera e propria corsa al tampone, che ha messo in crisi farmacie e hub sanitari. I test per verificare la positività al patogeno pandemico, del resto, non servono solo per diagnosticare la malattia in presenza di sintomi, ma anche per i contatti stretti dei positivi, le guarigioni e i Green Pass. Inoltre, per questo periodo di festa, è stato consigliato di fare un tampone prima di recarsi in visita da amici e parenti per maggior sicurezza. Tra i tamponi presi letteralmente d'assalto vi sono i cosiddetti “fai da te”, che possono essere acquistati in farmacia e in alcuni casi anche al supermercato. Fondamentalmente si tratta di test antigienici rapidi basati sull'immunocromatografia che permette di rilevare nei campioni biologici gli antigeni presenti nel coronavirus SARS-CoV-2, principalmente le proteine del Nucleocapside (proteine N). Esattamente come i tamponi molecolari e tamponi rapidi standard, si basano sull'inserimento di una bacchetta nel naso per il prelievo del campione, che va inserito in un apposito dispositivo. Se sullo strumento compaiono due linee rosse (C e T) si risulta positivi; se ne compare solo una sulla C si è negativi; mentre se ne compare solo una sulla T il risultato non è valido o c'è un qualche errore nell'autotest. Ecco quando si dovrebbero fare i test fai da te e quanto sono efficaci.

Quando fare il tampone fai da te dopo il contatto con un positivo

Premesso che se il contatto con un positivo confermato è di tipo stresso (ad esempio in caso di convivente) si è obbligati a rispettare la quarantena, il Ministero della Salute raccomanda di fare il tampone solo quando è il medico o l'autorità sanitaria a raccomandarlo. Inoltre il tampone da eseguire è quello molecolare – il “gold standard” per la diagnosi della COVID-19 – o l'antigenico rapido in base alle circostanze. I cosiddetti tamponi fai da te non rientrano nelle raccomandazioni ufficiali e soprattutto vengono sconsigliati dalla maggior parte degli esperti a causa di diversi limiti, che non riguardano la sola affidabilità (rischio di falsi positivi e falsi negativi). Fatte queste doverose premesse, nel caso in cui si fosse acquistato un tampone fai da te, si sospettasse il contatto con un positivo e ci si volesse testare autonomamente, è consigliabile farlo a partire dalle 72 ore dal contatto ed entro i 5 giorni dallo stesso. La ragione risiede nel fatto che in seguito all'esposizione virale, in caso di contagio, non si risulta immediatamente positivi, ma è necessario che il virus si replichi a sufficienza nel nostro organismo, fino a diventare rilevabile dai test (più o meno precisi che siano). Il tampone molecolare può rilevare la positività a partire dalle 48 ore (ma anche prima), mentre gli antigenici – sia i rapidi standard che i fai da te – impiegano più tempo ed è doveroso aspettare le 72 ore. Ad ogni modo, i test fai da te hanno un elevato rischio di falso negativo ed è sempre doveroso contattare il medico quando si è entrati in contatto con un positivo, a maggior ragione nel caso in cui si manifestassero i sintomi della COVID-19 (tosse, febbre, mal di testa, naso che cola (rinorrea), gola irritata, perdita dell'olfatto e altri ancora).

Cosa fare se il risultato del test è positivo

Dopo aver eseguito un tampone fai da te, se sul dispositivo compaiono le due linee C e T significa che si risulta positivi al coronavirus SARS-CoV-2. Senza farsi prendere dal panico bisogna contattare il proprio medico o l'ente sanitario della propria Regione per avere tutte le informazioni sui passi da seguire. Come indicato i tamponi fai da te non sono riconosciuti ufficialmente, pertanto il nostro referente potrà richiederci di fare un tampone molecolare o un antigenico "ufficiale" (ad esempio presso un hub drive in) per confermare la positività. Naturalmente è sempre doveroso isolarsi dagli altri e, nel caso in cui si dovesse convivere con altre persone, è importante che tutti indossino una mascherina, meglio una FFP2. I conviventi, essendo contatti stretti, a loro volta devono seguire la quarantena e sottoporsi ai tamponi qualora il medico o l'ente sanitario dovesse raccomandarlo. Ribadiamo il concetto che i tamponi fai da te non sono utilizzati nella gestione della pandemia e si devono sempre seguire le linee guida del Ministero della Salute e le raccomandazioni degli esperti.

Quanto sono affidabili i test Covid fai da te

I tamponi fai da te presentano diversi limiti e non sono raccomandati dagli esperti né utilizzati per la gestione della pandemia di COVID-19. Come sottolineato al Corriere della Sera dal professor Pierangelo Clerici, presidente dell’Associazione microbiologi clinici italiani e della Federazione italiana società scientifiche di laboratorio, i tamponi antigenici possono dare “un range di falsi negativi compreso tra il 10 e il 25 per cento, a seconda che venga effettuato da una persona esperta, per esempio in farmacia, o meno”. “Questo significa – aggiunge l'esperto – che con i rapidi “fai da te”, si rischia di avere risultati inesatti in un caso su quattro, dato che la positività non viene rilevata”. Una delle ragioni principali del risultato potenzialmente errato risiede nel fatto che prelevare in autonomia un campione nasale idoneo può essere difficoltoso. Come sanno tutti coloro che si sono sottoposti a un tampone presso un ente sanitario, durante la procedura si prova un forte fastidio (e finanche dolore), dunque a casa si potrebbe ritrarre la mano prima di aver preso un campione adeguato al test. Va infine tenuto presente che i tamponi fai da te non sono tracciabili, quindi chi risulta positivo potrebbe tranquillamente nascondere la propria positività al resto della collettività. Anche per questo motivo molti esperti chiedono di ritirarli dal mercato.

101 CONDIVISIONI
29620 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni