1.003 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Stromboli, forte esplosione dal cratere: nube nera e pioggia di cenere sull’isola

L’esplosione di questa mattina ha provocato l’emissione di un’alta nube lavica; anche le abitazioni sono state ricoperte da materiale piroclastico. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia- Osservatorio etneo di Catania comunica che le reti di monitoraggio hanno “registrato alle 10:24 una repentina variazione dei parametri monitorati, con variazione del segnale sismico”.
A cura di Biagio Chiariello
1.003 CONDIVISIONI
Immagine

Nuova forte esplosione dal cratere dello Stromboli questa mattina. L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, ha reso noto che alle ore 10:17, attraverso le telecamere di sorveglianza, “è stata osservata una esplosione di maggiore intensità dall’area centro-meridionale. I prodotti emessi sono ricaduti abbondantemente lungo la sciara del fuoco.
Dal punto di vista sismico il fenomeno, ben visibile a tutte le stazioni sismiche di Stromboli, è caratterizzato da una sequenza di eventi esplosivi e di frana iniziata alle 10:17 per una durata di 4 minuti. Per quanto riguarda l’ampiezza del tremore vulcanico non si segnalano variazioni significative”. L'Istituto comunica che le reti di monitoraggio hanno "registrato alle 10:24 una repentina variazione dei parametri monitorati, con variazione del segnale sismico".

L'Ingv-Oe di Catania spiega che “attraverso le telecamere di sorveglianza è stata osservata una esplosione di maggiore intensità dall’area centro-meridionale” e che “i prodotti emessi sono ricaduti abbondantemente lungo la Sciara del fuoco”. Dal punto di vista sismico il fenomeno, ben visibile fa tutte le stazioni sismiche di Stromboli, è caratterizzato da una sequenza di eventi esplosivi e di frana durata 4 minuti. Per quanto riguarda l’ampiezza del tremore vulcanico “non si segnalano variazioni significative”.

L’ultimo evento simile è avvenuto cinque giorni fa, quando una forte esplosione era stata avvertita dagli abitanti dell’isola dell’arcipelago delle Eolie. “L’esplosione – avevano detto gli esperti – ha generato un’onda di pressione consistente. Per questo è stata avvertita con molta chiarezza”. Già durante la scorsa estate, lo Stromboli aveva fatto paura a residenti e turisti con due forti esplosioni il 19 luglio. Fortunatamente senza danni. Il 3 luglio, invece, si verificarono diverse violente esplosioni, una di queste ha causato la morte di un’escursionista 35enne di Milazzo.

1.003 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views