303 CONDIVISIONI
30 Giugno 2022
17:54

Strage di Viareggio, 13 imputati condannati. Cinque anni all’ex ad di Fs Mauro Moretti

Il verdetto della Corte d’appello di Firenze al termine del processo bis, con 16 imputati (3 assolti). La strage di Viareggio costò la vita a 32 persone nel 2009.
A cura di Biagio Chiariello
303 CONDIVISIONI

L'ex ad di FS e Rfi Mauro Moretti è stato condannato a 5 anni nel processo di appello bis per la strage ferroviaria di Viareggio (Lucca) del 29 giugno 2009, che costò la vita a 32 persone dopo il deragliamento e l'esplosione di un treno che trasportava gpl. Per lui la Procura aveva chiesto una condanna a sei anni e nove mesi. Nel primo appello l'ex ad di Fs e Rfi era stato condannato a 7 anni. Moretti è stato condannato per i reati di disastro ferroviario, incendio e lesioni. La corte ha escluso la colpa dell'omessa disposizione della riduzione della velocità dei convogli merci, uno dei profili colposi su cui la Cassazione aveva chiesto di valutare nel merito. Il solo reato di disastro ferroviario è contestato agli altri imputati.

Gli altri condannati

In tutto erano sedici gli imputati, oltre ai vertici di Ferrovie, dirigenti e tecnici di aziende ferroviarie austriache e tedesche addette al controllo e alla manutenzione dei carri merci. 3 sono stati assolti. Michele Mario Elia, ex ad di Rete ferroviaria italiana è stato condannato a quattro anni due mesi e 20 giorni nel processo di appello bis per la strage ferroviaria di Viareggio. Elia al momento della lettura della sentenza non era in aula. Per lui l’accusa aveva chiesto 5 anni e 9 mesi. Nell’appello bis è stato condannato l’ex ad di Trenitalia Vincenzo Soprano anche lui a 4 anni, 2 mesi e 20 giorni. Sono stati invece assolti Francesco Favo (ex responsabile certificazione sicurezza di Rete ferroviaria italiana), Emilio Maestrini (ex responsabile sicurezza di Trenitalia) e Joachim Lehmann (supervisore presso l’Officina Jugenthal di Hannover).

Le parole di Mauro Moretti

Questa mattina giovedì 30 giugno, Moretti ha rilasciato alcune dichiarazioni, suscitando malumori tra i familiari delle vittime che per alcuni secondi si sono voltati in segno di protesta: “Mi sono state attribuite frasi e comportamenti non rispettosi del dolore, talvolta frasi disumane, in cui non mi riconosco – ha detto- Sento di dire che quei comportamenti attribuitemi hanno causato dolore, ma non c'era intenzione. So che hanno causato in voi dolore e sentimenti ma non mi riconoscono e mi sono state attribuite". A quel punto alcuni familiari hanno gridato "no" in aula e il presidente della Corte d'appello, Angelo Grieco, ha richiamato tutti all'ordine. "Da amministratore delegato di Rfi – ha aggiunto Moretti -, non potevo essere autore della politica di investimenti sul trasporto ferroviario merci né passeggeri. Non me lo consentiva la legge. Ogni politica in merito era compito di Trenitalia e delle altre imprese ferroviarie".

303 CONDIVISIONI
Beni confiscati alla mafia, l'ex giudice Silvana Saguto condannata in appello a 8 anni e 10 mesi
Beni confiscati alla mafia, l'ex giudice Silvana Saguto condannata in appello a 8 anni e 10 mesi
Strage Bologna, il sopravvissuto Yuri: “Per anni non ho preso treni. La verità? Si può fare di più”
Strage Bologna, il sopravvissuto Yuri: “Per anni non ho preso treni. La verità? Si può fare di più”
551.965 di Beppe Facchini
Viareggio, investe un cinghiale poi si schianta contro un albero: morto uomo di 55 anni
Viareggio, investe un cinghiale poi si schianta contro un albero: morto uomo di 55 anni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni