921 CONDIVISIONI
2 Agosto 2021
20:09

Sospesa dal lavoro perché rifiuta il vaccino, il giudice respinge il ricorso: “Misura adeguata”

Una operatrice sociosanitaria di una cooperativa di Terni è stata sospesa dal lavoro e dallo stipendio per aver rifiutato la vaccinazione contro il Covid. La donna ha fatto ricorso, ma il giudice del lavoro lo ha respinto, ritenendo la misura “adeguata e proporzionata”. L’oss sarà sospesa fino a fine anno, come previsto dalla legge sull’obbligo vaccinale per il personale sanitario.
A cura di Tommaso Coluzzi
921 CONDIVISIONI

L'obbligo vaccinale per il personale sanitario è una misura legittima. A ribadirlo è stato il giudice del lavoro di Terni, respingendo il ricorso di una lavoratrice che è stata sospesa dalla sua mansione e alla quale è stato sospeso anche lo stipendio. La protagonista della storia è una operatrice sociosanitaria dipendente della cooperativa Actl New di Terni, che a febbraio scorso decise di rifiutare la somministrazione del vaccino contro il Covid ritenendolo un trattamento sanitario ancora sperimentale. La donna rifiutò di firmare il consenso informato, perché prima voleva conoscere effetti e possibili controindicazioni del vaccino anticovid.

Successivamente l'oss è stata sospesa dal lavoro dalla sua cooperativa, al momento dell'entrata in vigore dell'obbligo vaccinale per il personale sanitario introdotto dal governo Draghi il primo aprile scorso. Secondo quanto previsto dalla misura, per i sanitari che rifiutano di vaccinarsi contro il Covid è previsto il demansionamento (quando possibile) oppure proprio la sospensione dal lavoro, con conseguente adeguamento o sospensione dello stipendio. Per l'operatrice sociosanitaria umbra è scattata proprio misura più drastica, ma la donna ha deciso di fare ricorso.

Dopo aver ribadito la propria idea al medico aziendale, la donna era stata dichiarata non idonea al lavoro. Per questo per lei era arrivato il provvedimento di sospensione dal lavoro e dello stipendio per due anni. Ora però l'oss, che è addetta all'assistenza di persone anziane, fragili e non autosufficienti, si è vista respingere il ricorso dal giudice del lavoro di Terni perché la misura è legittima: "Adeguata e proporzionata", l'ha definita il giudice. La sospensione, però, è stata modificata nella durata: il nuovo termine è il 31 dicembre 2021, come previsto dal decreto del governo Draghi.

921 CONDIVISIONI
Rifiuta sia il vaccino che il tampone: sospesa la preside di una scuola di Venezia
Rifiuta sia il vaccino che il tampone: sospesa la preside di una scuola di Venezia
Reddito di cittadinanza, Di Maio: "Giusto che chi rifiuta proposte di lavoro perda il sussidio"
Reddito di cittadinanza, Di Maio: "Giusto che chi rifiuta proposte di lavoro perda il sussidio"
Rifiuta vaccino ma anche tampone, prof sospesa: “I vaccinati contagiano e test covid non veritieri”
Rifiuta vaccino ma anche tampone, prof sospesa: “I vaccinati contagiano e test covid non veritieri”
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni