126 CONDIVISIONI

Sciopero della scuola venerdì 17 novembre, lezioni a rischio in tutta Italia: i motivi della protesta

Lezioni a rischio in tutta Italia domani, venerdì 17 novembre, per lo sciopero della scuola, che si aggiunge ai settori dei trasporti, della sanità e del pubblico impiego. A partire dalle 09:30 manifestazioni in oltre 40 città italiane. Le motivazioni: “L’istruzione non si merita, è un diritto di base, e lo rivendichiamo con forza”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
126 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Anche la scuola parteciperà allo sciopero generale di domani, venerdì 17 novembre. Oltre ai settori dei trasporti, della sanità e del pubblico impiego anche il comparto dell'Istruzione scenderà in piazza, non solo i docenti e il personale di tutte le scuole di ogni ordine e grado, compresa l'università e la ricerca, ma anche la rete degli studenti, che hanno organizzato cortei in 40 città a partire dalle ore 09:30.

La conferma è arrivata anche dal Ministero dell'Istruzione e del Merito, come si legge sul sito ufficiale, oltre che dagli organi sindacali.

Le motivazioni dello sciopero del 17 novembre

A spiegare perché domani, venerdì 17 novembre, sciopera anche il mondo della scuola, è stata la Flc Cgil che in una nota ha scritto che "le battaglie e le ragioni di lavoratrici e lavoratori, studentesse e studenti, in occasione dello sciopero del 17 novembre e della giornata di mobilitazione internazionale degli studenti, si fonderanno in una stessa data. Infatti a poco più di un anno dall'insediamento del ministro Valditara e alla luce degli insufficienti stanziamenti nella legge di bilancio per il contratto e agli assenti fondi per il diritto allo studio, l'idea di scuola del governo appare sempre più povera, divisa e precaria. Riforme come l'autonomia differenziata, il dimensionamento scolastico con il taglio di quasi 900 istituti, l'alto tasso di lavoro precario, le riforme della condotta e della filiera tecnico professionale, rischiano di rendere la scuola un moltiplicatore di disuguaglianze, subordinato alle logiche del mondo delle aziende e dei privati. Per tutti questi motivi le lavoratrici e i lavoratori della Conoscenza si fermeranno il 17 novembre per lo sciopero nazionale e scenderanno in piazza con studenti e studentesse".

Lezioni a rischio il 17 novembre, cosa cambia per gli studenti

Nella giornata di domani, gli studenti potranno decidere se scendere a protestare in una delle piazze che ospiteranno le manifestazioni. "Scendiamo in piazza il 17 novembre per portare all’attenzione della politica e del Paese tutto le richieste del manifesto nazionale I diritti non si meritano, frutto di momenti assembleari e di confronto tra gli studenti di tutto il Paese. Ribadiamo che l’istruzione non si merita, è un diritto di base, e lo rivendichiamo con forza", ha detto Bianca Chiesa, coordinatrice nazionale dell’Unione Degli Studenti.

Sono oltre 40 le città in cui sono in programma manifestazioni a partire dalle 09:30, da Torino a Genova, passando per Roma, Milano e Napoli, come indicato nella mappa condivisa dalla rete della Conoscenza sui propri canali social.

Gli ha fatto eco Paolo Notarnicola della Rete degli Studenti Medi: "Ogni giorno il futuro della nostra generazione diventa sempre più precario. Vediamo avanzare la crisi climatica e conflitti globali, e lo spazio per noi è pari a zero: veniamo educati ad un lavoro povero e precario, mancano fondi per garantire la tutela del benessere psicologico nella sanità pubblica e il diritto allo studio è di fatto negato. Non resteremo a guardare in silenzio mentre il Governo disinveste nei giovani. A partire dalla finanziaria serve stanziare fondi per garantire l'accesso all'istruzione, serve investire in edilizia, serve fermare le riforme che stanno svuotando di senso e privatizzando la formazione nel nostro Paese. Il 17 scenderemo in piazza in tutto il Paese insieme ai lavoratori dell'FLC CGIL, perché non accetteremo decisioni prese sulla nostra pelle, non resteremo a guardare".

126 CONDIVISIONI
Sciopero generale venerdì 23 febbraio contro la guerra a Gaza, chi aderisce e i servizi a rischio
Sciopero generale venerdì 23 febbraio contro la guerra a Gaza, chi aderisce e i servizi a rischio
Agricoltori non si fermano: nel weekend proteste in tutta Italia, bloccato il confine Belgio-Olanda
Agricoltori non si fermano: nel weekend proteste in tutta Italia, bloccato il confine Belgio-Olanda
Sciopero aerei oggi venerdì 9 febbraio 2024, orari e voli garantiti: trasporto a rischio per 24 ore
Sciopero aerei oggi venerdì 9 febbraio 2024, orari e voli garantiti: trasporto a rischio per 24 ore
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni