244 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Scelto a caso tra gli altri studenti a scuola, baby gang prende a calci e pugni un 14enne a Mestre

Il violento pestaggio è avvenuto all’esterno del liceo scientifico Bruno: il giovane è stato salvato dai docenti e genitori ed ora è ricoverato in ospedale. Sulla vicenda, dopo la denuncia dei genitori, sta indagando la Polizia di Mestre.
A cura di Biagio Chiariello
244 CONDIVISIONI
immagine di repertorio
immagine di repertorio

Scelto a caso tra gli altri studenti davanti alla scuola che frequenta a Mestre, quindi preso a pugni e calci al corpo e in testa. Un ragazzino di 14 anni è stato massacrato di botte da un gruppo di cinque giovani.a poca distanza dall'istituto che frequenta, il liceo scientifico Bruno.

A salvarlo sono stati alcuni genitori e insegnanti che hanno assistito all'aggressione: l'hanno portato d'urgenza all'ospedale dell'Angelo dove i medici hanno deciso per il ricovero nel reparto di pediatria.

Sulla vicenda, dopo la denuncia dei genitori, sta indagando la Polizia di Mestre. Ma pare che l'unica ‘colpa' della giovane vittima sia stata quella di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato.

Secondo una prima ricostruzione, lo studente era appena uscito dall’istituto scolastico, quando è stato avvicinato da un gruppetto di cinque giovani nella zona del parco Bissuola. Dopo qualche battuta, è stato scaraventato con la forza a terra e colpito alla testa con calci e pugni; la baby gang non si sarebbe curate della presenza delle altre persone intorno.

A correre in aiuto del 14enne sono stati alcuni docenti e altri ragazzi. Alla fine, visto che altre persone continuavano ad arrivare, gli aggressori si sono dati alla fuga. Il ragazzino è stat poi accompagnato al pronto soccorso dell'ospedale locale, dove è stato assistito dal personale medico e dove si trova ancora ricoverato a causa dei traumi.

Gli investigatori stanno esaminando le telecamere di sicurezza della zona per cercare di risalire agli aggressori. Oltre ai genitori, anche la scuola ha voluto presentare formale denuncia presso il commissariato di Mestre.

244 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views