11.991 CONDIVISIONI
L'omicidio di Melania Rea

Salvatore Parolisi: “Mia moglie Melania Rea era bellissima. Se l’ho uccisa io, provatemelo”

L’intervista a Salvatore Parolisi in permesso premio durante la puntata in onda di Chi l’ha visto? su Rai 3: “Melania era bellissima, Ludovica era solo una scappatella. Al giudice ho detto: se ho fatto una cosa del genere e me lo provate datemi l’ergastolo. Perché a me non l’hanno mai provato”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
11.991 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Melania Rea

"L'ho sempre detto anche al giudice, da uomo, da militare e da padre: datemi l'ergastolo e buttate la chiave se sono stato io, se ho fatto una cosa del genere e me lo provate. Perché a me non l'hanno mai provato".

Comincia così la lunga intervista andata in onda a Chi l'ha visto? questa sera su Rai 3 a Salvatore Parolisi, l'ex militare condannato in via definitiva per l'omicidio della moglie, Melania Rea, uccisa con 35 coltellate nel 2011 nel bosco di Colle San Marco, nel Teramano.

L'uomo, che ha scontato 12 dei 20 anni di carcere previsti dalla sentenza, può ora usufruire dei permessi giornalieri e lasciare la struttura carceraria dove è recluso. "Potevo uscire da 4 anni, ma mi hanno dato solo 12 ore di permesso di merda. Qui ci sono gli ergastolani e escono dopo poco", ha detto alla giornalista di Chi l'ha visto?.

Immagine

Poi, è passato a parlare della moglie Melania Rea e dei tradimenti: "Non si vive per inerzia, la vita è fatta di tanti valori e l'amore ti fa andare avanti. Per me il matrimonio era la realizzazione di un sogno. Ma la verità è che non potevo stare neanche con mia moglie a letto. Quando tornavo a casa spesso la madre dormiva con lei, litigavamo anche al telefono perché lei non veniva da me. Non l'avrei mai tradita, il primo anno ad Ascoli rigavo dritto, ma ho avuto la delusione di non avere un rapporto con lei", ha raccontato.

Immagine

Per Parolisi, "Melania era bellissima, Ludovica era solo una scappatella. Non era la prima che la tradivo, ero sempre fuori casa ma amavo Melania. Non pensavo che Ludovica avesse perso la testa per me, le ho detto un sacco di bugie. Sono stato un verme ma amavo Melania. Le davo una parte del mio stipendio perché non volevo che lavorasse".

Infine, sulla possibilità di uscire dal carcere, ha concluso: "Mi mancano 4 anni l'anno prossimo, se trovassi un lavoro potrei uscire. Ma chi me lo dà? Guadagno 800 euro, quando sentono il mio nome e cognome scappano".

11.991 CONDIVISIONI
50 contenuti su questa storia
La madre di Melania Rea: “Così ho spiegato a mia nipote che il padre ha ucciso la mamma nel bosco"
La madre di Melania Rea: “Così ho spiegato a mia nipote che il padre ha ucciso la mamma nel bosco"
La storia di Melania Rea: i tradimenti, l’omicidio nel bosco e la condanna del marito Salvatore Parolisi
La storia di Melania Rea: i tradimenti, l’omicidio nel bosco e la condanna del marito Salvatore Parolisi
Melania Rea, istanza contro lo sconto di pena a Parolisi: “Con nuove leggi sarebbe all’ergastolo”
Melania Rea, istanza contro lo sconto di pena a Parolisi: “Con nuove leggi sarebbe all’ergastolo”
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni